Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски
MINIERA PASQUASIA; SI IPOTIZZA DISASTRO AMBIENTALE
NELL'INCHIESTA INDAGATI GOVERNATORE LOMBARDO E DUE ASSESSORI (ANSA) -

ENNA, 22 MAR - Si ipotizza anche il reato di disastro ambientale tra le accuse contestate a Raffaele Lombardo nella sua duplice qualità di presidente della Regione e commissario delegato in materia di bonifica e risanamento ambientale, all'assessore Piercarmelo Russo per il periodo in cui era assessore all'Energia e all'attuale assessore all'Energia Giosuè Marino nell'inchiesta sulla miniera di Pasquasia ridotta a una discarica di rifiuti pericolosi.
Il procuratore Calogero Ferrotti, in una conferenza stampa che si è svolta oggi, ha parlato di 9 mila quintali di amianto abbandonati all'interno del sito e di oltre 15 milioni di chili di terreno per 70 mila metri quadri di area che risultano contaminati, secondo le indagini svolte dall'Arpa, dall'Asp di Enna e Palermo e dai vigili del fuoco. Sull'ipotesi che la miniera possa contenere scorie radioattive, Ferrotti ha detto che si valuterà, eventualmente in un secondo tempo, se procedere alle analisi del sottosuolo. La Procura di Enna sta valutando anche la posizione di alcuni soggetti che potrebbero essere iscritti nel registro degli indagati per l'ipotesi di concorso in omissione di atti di ufficio. Si tratterebbe di titolari e funzionari di numerosi enti ai quali il consegnatario della miniera di Pasquasia, Pasquale La Rosa, nel novembre del 2010 aveva inviato una nota per comunicare l'avvenuta contaminazione di una vasta area dopo il sabotaggio di una cabina elettrica con lo sversamento di 8 tonnellate di olio dialettrico. Il sequestro preventivo dell'area, effettuato ieri dai Carabinieri, dalla Digos e dalla Guardia forestale, ha sottolineato il Pm Marina Ingoglia, non impedisce al tutore giudiziario nominato dalla Procura, Dario Ticali, di procedere agli interventi di bonifica. Resta il problema di dove smaltire l'enorme quantità di amianto. Il nuovo consegnatario della miniera sta infatti cercando una discarica autorizzata al conferimento di amianto.(ANSA). YUR-NU/IMP 22-MAR-11 13:52 NNN
FINE DISPACCIO

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea 

Siti amici

220X130_mystery





Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

LIBRI

banner libri marsili

lavocedelsole200 1

 

 


 

 

 

tapa libroGB Giovetti1

cop dererum1

ilritorno1

books11copertina italiano140