Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

mondinDi Francesca Mondin

Santa Victoria Este, confine con Bolivia, maggio 2019.

Da 3200 metri scendiamo in città nel pomeriggio, un pranzo veloce e poi via con il furgone a raccogliere le ultime donazioni prima di partire. Ore 22.00 siamo al magazzino che carichiamo 3 suv e un furgone. Ore 01.30 della notte siamo in viaggio: direzione Santa Victoria Este. Come mi siedo in auto mi addormento.

Mi sveglio sei ore dopo quando iniziamo ad entrare nella strada di terra piena di buche: inizia il vero viaggio, quello che scuote da un lato all'altro come a volerti svegliare dal tuo benessere occidentale. Man mano che proseguiamo sembra di entrare nei paesaggi africani ammirati in cartoline e foto. Gli uccelli, la terra rossa, gli animali liberi, le strade e i villaggi rimembrano una annebbiata immagine di paradiso bucolico ed esotico perduto. Dopo altre due ore circa, arriviamo alla città principale, Santa Victoria Este, ci riforniamo di acqua in un negozietto e ripartiamo.

Mentre ci addentriamo nel bosco catturano la mia attenzione le persone che incrociamo a bordo sentiero: uomini e donne di terra cotta che avanzano sorridenti verso mete quotidiane e sconosciute illuminati dal sole, impotenti di fronte all'odore arido e disperato di una terra abbandonata che si aggrappa ai suoi alberi abbracciandone i rami e rivendicando la voglia di vivere.

Arriviamo così ad un villaggio molto distante dalla “città” nel quale la Fondazione non è mai stata. Sono i bambini i primi ad avvicinarsi quando scendiamo dalle auto. Gli sguardi curiosi, dubbiosi e diffidenti si sciolgono appena incrociano gli occhi giocosi ed accoglienti di Ramon. Nel giro di poco tempo il capo famiglia raggruppa tutti e iniziamo a distribuire ad ognuno ciò che abbiamo portato. E' poco, lo sappiamo noi e lo sanno loro, quel cibo basterà per calmare l'agonia di qualche settimana di fame e poi saranno nuovamente abbandonati alla condizione che noi, conquistatori, predicatori ed evangelizzatori abbiamo contribuito a creare. Togliendogli le loro tradizioni e culture senza portargli nemmeno una goccia d'acqua potabile. Mentre distribuisco i vestiti mi incontro e scontro nello sguardo di alcune madri con i bambini in fascia. E' uno sguardo che non riesco a sostenere, graffia violentemente. Anche l'aria che si respira arida è straziante, lacerante, come lo è veder morire un figlio di denutrizione a sedici anni.

Si chiamava Fidel Frias ed è cresciuto lì fino a qualche mese fa, in quel villaggio a 40, 50 chilometri da Santa Victoria Este, la “città” dove la gente cammina scalza tra fango, bottiglie di Coca cola e cani pelle ossa. Dove gli occhi brillano e i piedi piangono le ferite del corpo.

Sono proprio gli occhi dei bambini che incontro nelle varie comunità che iniziano a scavare profondamente nel mio petto, mi sento un nulla difronte alla loro immensità. Riesco ancora a trattenere le lacrime finché, nell'ultima comunità che visitiamo, sento le urla di dolore di una bambina che non riesce a camminare. Non si capisce perché, non ha mai visto un medico e non si sa se sta così dalla nascita o se è successo qualcosa dopo. Una cascata di emozioni esplode senza fermarsi: rabbia, tanta, perché ti senti colpevole e impotente; dolore perché ti entra nella pelle; gratitudine per gli insegnamenti che con il loro esempio ti trasmettono; ammirazione perché loro sanno sorridere e abbracciarsi anche quando l'alluvione ha appena distrutto le loro case; senso di inutilità perché sì, siamo inutili, anzi dannosi, se non ci contaminiamo, sporcandoci le mani per questi fratelli e perché non sai da dove iniziare per cambiare una situazione che secoli di società egoiche he hanno creato; paura che quella società individualista in cui sei cresciuto ti condizioni; amore e fede per la vita perché è quello che, nonostante tutto, ti insegnano continuamente questi popoli quando ti perdi nei loro abbracci e nei loro occhi scuri, profondi ma che brillano della stessa luce delle stelle.

14 luglio 2019

Messaggio allegato:

- FUNIMA INTERNATIONAL semina amore e solidarietà in Sudamerica
https://www.giorgiobongiovanni.it/messaggi-celesti/2019/8053-funima-international-semina-amore-e-solidarieta-in-sudamerica.html

mondin1

mondin3

mondin4

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1books11
  libroicontattiuniti139copertina italiano140