Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

giorgioeugenio                   DAL CIELO ALLA TERRA

HO SCRITTO IL 9 AGOSTO 2021:

IL DISCEPOLO INIZIATO ALLA VERITÀ DEL TEMPO DI TUTTI I TEMPI DIVENTA TESTIMONE DELLA VERITÀ QUANDO APRE IL SUO TERZO OCCHIO SPIRITUALE ALLA LUCE DELL'AMORE CRISTICO, CON UBBIDIENZA, UMILTÀ E SPIRITO DI RICERCA.
IL DOCUMENTO SCRITTO DAL FRATELLO MICHELE È SEGNO ED ANCHE PROVA DI QUANTO CON SAGGEZZA VI HO COMUNICATO.
LEGGETE CON IMPEGNO “I SEGNATI E I CHIAMATI”. LE VERITÀ ESPRESSE DAI MIEI MESSAGGERI, EUGENIO SIRAGUSA E GIORGIO BONGIOVANNI, LIBERANO DALL'IGNORANZA TUTTI GLI SPIRITI CHE ACCOLGONO LA CHIAMATA DI CRISTO.
SONO ADONIESIS E AUGURO AMORE E FEDE AL FRATELLO MICHELE E A TUTTI COLORO CHE, COME LUI, HANNO DETTO DI SÌ AL COMANDANTE DEGLI ESERCITI.
PACE!

DAL CIELO ALLA TERRA

PIANETA TERRA
9 Agosto 2021. Ore 16:57
G. B.
Chiamati, segnati e eletti
Di Michele Lisco
 
“Erano tuoi e li hai dati a me ed essi hanno osservato la tua parola. Io prego per loro; non prego per il mondo, ma per coloro che mi hai dato, perché sono tuoi. Io non sono più nel mondo; essi invece sono nel mondo, e io vengo a te. Padre santo, custodisci nel tuo nome coloro che mi hai dato, perché siano una cosa sola, come noi.
Quand'ero con loro, io conservavo nel tuo nome coloro che mi hai dato e li ho custoditi; nessuno di loro è andato perduto, tranne il figlio della perdizione, perché si adempisse la Scrittura. Ma ora io vengo a te e dico queste cose mentre sono ancora nel mondo, perché abbiano in se stessi la pienezza della mia gioia. Io ho dato a loro la tua parola e il mondo li ha odiati perché essi non sono del mondo, come io non sono del mondo.
Non chiedo che tu li tolga dal mondo, ma che li custodisca dal maligno. Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. Consacrali nella verità. La tua parola è verità. Come tu mi hai mandato nel mondo, anch'io li ho mandati nel mondo; per loro io consacro me stesso, perché siano anch'essi consacrati nella verità.
Non prego solo per questi, ma per tutti coloro che in essi crederanno; perché tutti siano una sola cosa. Come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch'essi in noi una cosa sola, perché il mondo creda che tu mi hai mandato”(Gv 17,6-21).
 
michelelisco200

Con queste parole, nel vangelo di Giovanni, Gesù-Cristo chiede al padre di preservare dal male gli apostoli, gli eletti e tutti coloro che seguiranno i loro insegnamenti con pensieri, parole e azioni; nel Vangelo di Matteo invece Gesù cita espressamente gli eletti quando parla della “grande tribolazione” e del periodo che precederà il suo ritorno specificando che perfino gli eletti sarebbero stati tentati e che proprio grazie a loro i tempi sarebbero stati “abbreviati”:

“Poiché vi sarà allora una tribolazione grande, quale mai avvenne dall'inizio del mondo fino a ora, né mai più ci sarà. E se quei giorni non fossero abbreviati, nessun vivente si salverebbe; ma a causa degli eletti quei giorni saranno abbreviati.

Allora se qualcuno vi dirà: Ecco, il Cristo è qui, o: È là, non ci credete. Sorgeranno infatti falsi cristi e falsi profeti e faranno grandi portenti e miracoli, così da indurre in errore, se possibile, anche gli eletti. Ecco, io ve l'ho predetto” (Mt. 24, 21-25).

Sempre nel Vangelo di Matteo si parla dei chiamati ed eletti nella “parabola delle nozze”: «…"Amico, come sei entrato qui senza avere un abito di nozze? .…."Legatelo mani e piedi e gettatelo nelle tenebre di fuori…...Perché molti sono i chiamati, ma pochi gli eletti» (Mt 22,1-14).

In questo tempo di “rivelazione”, di segni in cielo e in terra e di una chiamata d’amore e giustizia che punta dritta verso ognuno di noi e dalla quale sarebbe inutile cercare di fuggire, è necessario capire che posto abbiamo oggi nel mondo e che posto dovremmo avere se accettassimo questa “chiamata”. In questa breve ricerca partendo da una delle ultime interviste di Giorgio Bongiovanni faremo un viaggio a ritroso nel tempo passando per il testo biblico, l’opera e i messaggi di Eugenio Siragusa e le spiegazioni di Giorgio ed altri profondi conoscitori dell’opera “dal cielo alla terra”, per comprendere chi sono i chiamati, chi i segnati e chi gli eletti e come porci di fronte a gli eventi che oggi incombono su di noi.

Nell’intervista di Pier Giorgio Caria a Giorgio Bongiovanni del 25 Dicembre 2020 (“Un anno di segni”) Giorgio spiega questi importantissimi passi del vangelo che riguardano i nostri giorni:

Giorgio: Gesù “raccomanda” i 144000 che poi vengono evidenziati nell’apocalisse di Giovanni, nell’ultimo libro; che sono i prescelti, quelli che hanno accompagnato Gesù sulla terra. I 144000 prescelti sono Angeli che sono scesi sulla terra e che vengono da altre dimensioni, da altre galassie; sono scesi sulla terra, non se ne sono andati; infatti Gesù dice: “non ti chiedo di toglierli dal mondo”, quindi state attenti che è molto preciso, “ma di preservarli dal male. Ti raccomando loro”, quindi si riferiva ai 12 e a questi eletti e a “tutti coloro i quali in loro crederanno”; quindi fa una differenza tra i 144000, i 12 apostoli che sono già eletti e quindi se c’è gente della terra, “coloro i quali in loro crederanno”, te li consacro;

Sempre nella stessa intervista Giorgio Bongiovanni dà una spiegazione del passo del vangelo di Matteo in cui Gesù dice che “a causa degli eletti i giorni saranno abbreviati”:

Giorgio: ….però è stato detto “molti chiamati e pochi gli eletti” (Matteo 22, 11-4) perché Gesù sapeva che le tempeste del mondo delle tentazioni avrebbero colpito tutti e anche i buoni; addirittura lui dice “persino gli eletti saranno tentati” (Matteo 24, 24) e “il Padre abbrevierà i giorni” (Matteo 24, 22) per evitare che si perdano gli eletti; perché talmente le forze del male sono così dissuasive che farebbero perdere anche gli eletti; è questo il tempo dei giorni che si stanno abbreviando; quindi ho sentore di credere che il fatto che gli extraterrestri contattano l’umanità è perché il Padre ha abbreviato i giorni.
 
EugenioMichele3
Il contattista Eugenio Siragusa
 
La conoscenza iniziatica trasmessaci dallo “Spirito Giovanneo” ci ha spiegato a fondo come la vita è strutturata nel cosmo, come si è sviluppata sulla terra, come si è evoluta e come adesso sia in atto una selezione che dovrà portare la nuova umanità verso la quarta dimensione.
 
Questi concetti di scienza cosmica sono stati espressi da Eugenio Siragusa anche sotto forma di disegni, chiamati “disegni di coscienza cosmica”. Tra questi disegni ce n'è uno in particolare dove Eugenio mette in risalto il simbolo della croce sulla fronte di quegli esseri; stiamo parlando del disegno n°9.
E’ l’unico disegno dove Eugenio rappresenta gli esseri di quinta e sesta dimensione, i Geni planetari e solari, con quel simbolo specifico e lo fa in un disegno in cui quegli esseri rientrano nell’evoluzione dell’umanità terrestre e lunare.
 
Disegno 8° e 9° (Aquila d’oro pag. 217)
Evoluzione Lunare e Terrestre
Nei Satelliti dei Pianeti, la vita si sviluppa e si evolve prima che nel Pianeta stesso, fino a Genio Solare, e verrà poi trasmessa al Pianeta. I Satelliti possono continuare ad essere abitati in varie organizzazioni dimensionali.

disegnoeugenioMichele2

 
disegnoeugenioMichele6
Particolare sui 3 esseri portanti il segno della croce sulla fronte
 
Dai messaggi di Eugenio prima e di Giorgio Bongiovanni poi, sappiamo bene che gli esseri di luce di quinta o sesta dimensione hanno l’occhio spirituale (comunemente chiamato “terzo occhio” nelle correnti vediche e buddiste) completamente aperto e infatti è ben visibile come un punto di luce sulla fronte.
genisolariadoniesis         Rappresentazione di due Geni Solari  -   Foto originale del Maestro Cosmico Adoniesis, Genio Solare
 
Ma Eugenio, in quel disegno che rappresenta l’evoluzione dell’umanità, ha disegnato la croce; proprio sulla fronte di quegli esseri, mettendo in evidenza quindi la loro connessione con il Cristo; da qui nasce la ricerca del perché Eugenio avesse rappresentato così gli esseri di 4°, 5° e 6° dimensione e anche la necessità di comprendere il profondo messaggio che quel simbolo contiene. Perchè nel disegno di Eugenio gli esseri di quelle dimensioni superiori sono segnati in fronte? Significa forse che quegli esseri sono stati “redenti”?

Elisabetta Montevidoni (segreteria di Giorgio Bongiovanni):

I segnati in fronte sono coloro che hanno accettato la redenzione di cristo prima di noi umani e lo seguono in missione nel mondo per servirlo fino a dare la vita per la sua gloria. Sono in mezzo agli umani di 3° dimensione ma hanno la coscienza cristica e appartengono alle dimensioni superiori. In pratica sono gli eletti di cui parla l’apocalisse di Giovanni al cap. 7 e cap. 14. Si trovano anche nel libro di Ezechiele dell’Antico Testamento.

 

SECONDA PARTE

APOCALISSE

Michele7
Gli angeli richiamano i segnati alla loro vera origine e alla loro missione

“Poi vidi un altro angelo che saliva da oriente e portava il sigillo del Dio vivente, e gridò a gran voce ai quattro angeli ai quali era ordinato di danneggiare la terra e il mare dicendo: non danneggiate né la terra, né il mare, né piante finché non abbiamo segnato sulle loro fronti i servi del nostro Dio” (Ap.7,2-3).

Poi guardai ed ecco l'Agnello ritto sul monte Sion e insieme centoquarantaquattromila persone che recavano scritto sulla fronte il suo nome e il nome del Padre suo.
Udii una voce che veniva dal cielo, come un fragore di grandi acque e come un rimbombo di forte tuono. La voce che udii era come quella di suonatori di arpa che si accompagnano nel canto con le loro arpe. Essi cantavano un cantico nuovo davanti al trono e davanti ai quattro esseri viventi e ai vegliardi. E nessuno poteva comprendere quel cantico se non i centoquarantaquattromila, i redenti della terra. Questi non si sono contaminati con donne, sono infatti vergini e seguono l'Agnello dovunque va. Essi sono stati redenti tra gli uomini come primizie per Dio e per l'Agnello. Non fu trovata menzogna sulla loro bocca; sono senza macchia. (Ap.14,1)
 
EZECHIELE

“Il Signore disse: Passa in mezzo alla città, in mezzo a Gerusalemme e segna un Tau sulla fronte degli uomini che sospirano e piangono. Agli altri disse, in modo che io sentissi: «Seguitelo attraverso la città e colpite! Il vostro occhio non perdoni, non abbiate misericordia. Vecchi, giovani, ragazze, bambini e donne, ammazzate fino allo sterminio: solo non toccate chi abbia il tau in fronte; cominciate dal mio santuario!» ” (Ez.9,4-6).

Elisabetta Montevidoni (segreteria di Giorgio Bongiovanni):

Il Tau sulla fronte è il segno che, posto sulla fronte dei poveri d’Israele che ancora piangono e si indignano contro quello che vedono nella loro società, li salva dallo sterminio. Il Tau sulla fronte indica quindi l’appartenenza a cristo e anche al Padre, al bene, cioè chi fa la sua volontà e mette in pratica i suoi insegnamenti. Anche noi chiamati, se accettiamo la redenzione e facciamo la sua volontà fino alla fine, possiamo diventare eletti.

Su questo punto Giorgio Bongiovanni ad un incontro risponde così: (cronaca di un incontro con l’Arca di Pordenone, 13 aprile 2013)

D: C’è distinzione tra gli eletti e le anime chiamate?

G: La differenza è semplice. Gli eletti sono esseri Extraterrestri venuti quì sulla Terra da altri Pianeti o da altre stelle, appartengono alla quarta e alla quinta dimensione: sono i 144.000 extraterrestri che sono scesi nel nostro mondo per accompagnare Gesù. I loro chiamati possono essere stati concepiti fisicamente dagli eletti, oppure semplicemente sono i chiamati sparsi nel mondo, ma terrestri. Non c’è niente di male ad essere terrestri, è un bel Pianeta questo, ma non sono eletti, nel senso che appartengono a questo mondo, fanno parte della terza dimensione e devono passare alla quarta.
giorgioelisabethstigmatizzata
Giorgio Bongiovanni                                      Elisabeth Sanchez

Elisabetta Montevidoni (Segreteria di Giorgio Bongiovanni)

La stigmata sulla fronte è il segno del Padre. Chi ha la croce in fronte visibile o invisibile fa la volontà del Padre. Quando ci facciamo il segno della croce diciamo nel nome del Padre toccandoci la fronte, del Figlio portando la mano al petto (cuore) e dello Spirito Santo toccandoci entrambe le spalle che concludono la croce. La Madonna la rese invisibile su richiesta di Giorgio per permettergli di operare in ambito Antimafia vicino ai Magistrati e si rende nuovamente visibile solo in occasione di particolari eventi mondiali o particolari momenti dell'Opera come accadde il 2 settembre 2014 a Fatima quando Giorgio intervistò suor Sofia.

giorgiocroceMichele10

In questa cronaca di un incontro del 13 Aprile 2013 a Pordenone, riguardo ai segnati, Giorgio spiega la nostra appartenenza spirituale allaEugenioRig.Michele11 Chiesa Giovannea come chiamati e segnati, distinguendo i segnati eletti, cioè i 144000 esseri biblici venuti sulla Terra in missione con Cristo, dai segnati umani chiamati che devono raggiungere l'elezione, cioè essere promossi, evolutivamente parlando:

"Giorgio: Noi chi siamo? Noi che siamo stati scelti, o ci siamo avvicinati all’opera dobbiamo prendere coscienza che siamo dei segnati. L’esperienza che ha avuto il nostro fratello Eugenio Riganello, già discepolo di Yogananda, è un segno: sulla sua fronte è apparso lo stesso segno che porto io, la stigmata permanente ma invisibile, che sanguina raramente.
Quella croce ha un significato profondo, non è apparsa casualmente ad un nostro fratello durante le feste pasquali che ricordano il Signore, crocifissione, morte e resurrezione. È un segno per noi “segnati” che ci permette di capire qualcosa di importante. Noi siamo, partecipiamo e facciamo parte a tutti gli effetti di una Chiesa spirituale che non ha un’istituzione fisica, non ha un Vaticano, né cardinali, vescovi o sacerdoti; Voi siete i segnati nella fronte. Se vi guardate allo specchio e vi concentrate, tutti voi vedrete una croce: quella è la croce di Cristo.

Siccome sono ancora numerosi i fratelli che si devono risvegliare, i Segni in Cielo determineranno questo risveglio. Parleranno in senso figurato: astronavi, croci, apparizioni, lacrime, sangue che cadrà dal Cielo. Tutte queste cose succederanno e la gente avrà bisogno di saperne il significato e lo chiederà ai segnati sulla fronte. Chi sono i segnati sulla fronte? Siete voi! Centinaia, migliaia di persone busseranno alle porte delle vostre case e voi dovrete rispondere ad ognuno di loro e rassicurarle, spiegando la motivazione di quel che avviene. Se sarà necessario a molti di voi, come ad Eugenio, apparirà la croce sulla fronte e poi scomparirà. Non sarà un segno permanente, affinché nessuno si senta più in alto dell’altro fratello. Uno stimmatizzato vi basta e vi avanza. Questo non significa che debba essere sempre io; a voi serve uno stimmatizzato e lo avete; se non sarò più in grado di svolgere la mia missione il Signore tranquillamente mi sostituirà, ma penso che per ora non ce ne sia bisogno. Lui può tutto, niente escluso. Io vivo continuamente con la paura di sbagliare o di tradire, ma la combatto e vinco sempre. Fino ad ora ho vinto perché ho fede, ma devo essere sempre umile e all’erta, con il maligno non si scherza. Se Satana ha tentato Cristo nel deserto e nell’orto del Getsemani, io che sono una scarpa vecchia devo vivere 24 ore su 24 con le orecchie ben aperte.

Noi non siamo i 144.000: ma i figli degli eletti. Non è peccato affermarlo, anche se le Chiese cristiane considerano questa verità una bestemmia. Alcuni di noi fanno sicuramente parte dei 144.000, ma non sta a me dirlo. Posso invece affermare con sicurezza che noi siamo figli dei 144.000 e di questo dobbiamo prendere coscienza. Se ci esaltiamo e fanatizziamo, cadremo; se invece la prendiamo con responsabilità ed equilibrio, esalteremo Cristo.

Anche la Santa Madre, fin dal 2 settembre 1989, giorno in cui gli affidò la missione della sua vita, parlò a Giorgio dei Segnati, rispondendo alla sua domanda sul tempo in cui si sarebbe manifestata la giustizia di Cristo:

“Madre Mia, Madre mia, sono qui e farò tutto quello che Tu vorrai! Madre, quando lascerai libero il braccio di tuo Figlio? Quando arriverà la Giustizia di Gesù?”

Ed Ella rispose: "GIORGIO, LASCERÒ LIBERO IL BRACCIO DI MIO FIGLIO QUANDO AVRETE RACCOLTO TUTTI I SEGNATI, PERCHÉ QUEL NUMERO NON SI È ANCORA COMPLETATO”. E mi diede un esempio, visto che io tremavo e volevo che desse un segno a tutta la piazza, un segno tremendo.

Ed Ella mi disse: "IL SOLE, CON LA SUA MAESTOSITÀ SORGE OGNI MATTINA E SI NASCONDE LA NOTTE, LO FA OFFRENDO IL SUO CALORE A TUTTI, AI BUONI E ANCHE AI NEGATIVI", e io compresi il suo esempio.

GiorgioFatimaMichele 12

2 Settembre 1989: Giorgio Bongiovanni viene stigmatizzato a Fatima, Portogallo

 

TERZA  PARTE

Anche il maestro cosmico Adoniesis, ispiratore e guida di tutta l’opera Giovannea, attraverso Eugenio, parlò diverse volte dei “segnati” e della relazione diretta con lo spirito Giovanneo che avrebbe dovuto richiamarli e risvegliarli.

“IO HO ANCORA COSE ASSAI DA DIRVI, MA VOI NON LE POTETE ORA PORTARE”

ORA CHE POTETE PORTARE LA VERITA’ CHE UN TEMPO NON ERAVATE IN GRADO DI CAPIRE, NON RIUSCITE A COGLIERE IN VOI LA FORZA E IL CORAGGIO DI INTENDERE LA VERACE RELAZIONE CHE ESISTE TRA CIO’ CHE UN TEMPO E’ STATO DETTO E SCRITTO CON QUANTO SI RIVELA IN QUESTO VOSTRO TEMPO IN CUI E’ OPERANTE LO SPIRITO DI VERITA’. SONO POCHI COLORO CHE SINO AD OGGI SONO RIUSCITI A COMPRENDERE E A SVILUPPARE, NELL’INTIMO DEI LORO CUORI, LA CERTEZZA CHE COLUI CHE DOVEVA GUIDARE I SEGNATI IN OGNI VERITA’, E’ VENUTO ED E’ VIVENTE NEL MONDO. ANCORA NON HA DETTO TUTTO, MA QUANDO IL GRANDE SEGNO APPARIRA’ IN CIELO, EGLI PRENDERA’ LA SUA VERA LUCE ED USCIRA’ FUORI DA OGNI RISERBO. EGLI HA GIA’ DETTO MOLTO, MA DIRA’ DI PIU’ QUEL GIORNO CHE E’ GIA’ SEGNATO IN UN TEMPO MOLTO PROSSIMO A VENIRE.
EGLI E’ IMMORTALE E IL SUO SPIRITO NON E’ DI QUESTO MONDO. EGLI POSSIEDE L’AMORE E LA GIUSTIZIA DELLA SUPREMA INTELLIGENZA ED E’ FIGLIO DEL SOLE. IL SUO SAPERE NON HA LIMITI.EGLI ATTINGE ALLA LUCE DI OGNI COSA CHE LA LUCE POSSIEDE, PERCHE’ E’ SPIRITO DI LUCE.
 
Vostro Adoniesis
Valverde, 12 Luglio 1974 ore 18,30

EschatusMichele13Sotto le ali aperte dell’Aquila Giovannea che porta il Giglio sulla sommità del capo, simbolo della purezza cristica, le candele accese sono il simbolo dei Chiamàti della Tribù di Giovanni, coloro che ardono nell’operare per divenire Eletti.
 
Nuova Poseidonia n. 7 Giugno/Luglio 2016
EUGENIO SIRAGUSA SPIEGA ALCUNE OPERE DI BRUCE PENNINGTON (Trascrizioni dall’audio-video e rielaborazione a cura di Marco Marsili)

L’aquila Giovannea, colei che guarda a oriente non temendo di essere accecata dalla luce del ritorno glorioso del Sole cristico, oggi come ieri ci guida verso la conoscenza dell’“intera verità”; senza veli, dogmi e ragioni di potere, lo spirito dorato continua a guidare i suoi figli alla reale natura delle cose, oggi che l’uomo non può accontentarsi dei “misteri” e dei “credo”, oggi che l’uomo si affaccia alla finestra cosmica apprestandosi a compiere il passo definitivo per tornare alla sua vera patria.

«Ora io vi dico la verità: è bene per voi che io me ne vada, perché, se non me ne vado, non verrà a voi il Consolatore; ma quando me ne sarò andato, ve lo manderò» (Gv. 7-8). Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera, perché non parlerà da sé, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annunzierà le cose future» (Gv.12-13).

Ebbene, fra le tante verità che Eugenio Siragusa “udì” ve ne fu una capace di illuminarci su chi siano e da dove provengano questi 144000 segnati Eletti di cui abbiamo parlato; l’altissima scienza cosmica di questi meravigliosi esseri è al servizio di un progetto celeste che va avanti dalla creazione dell’uomo fino ad oggi; una scienza messa al servizio dell’intelligenza cosmica e degli esecutori della sua divina volontà, creatori di forma e sostanza; è qui che passiamo così da un contesto biblico e religioso a un contesto in cui la conoscenza di civiltà “cosmiche”, secondo una gerarchia ben precisa, viene messa al servizio del bene supremo, in nome di un’“operosità interplanetaria”, il cui progetto è quello di realizzare nell’uomo terrestre una genetica superiore, cosmica, per l’instaurazione di una super-civiltà basata sui valori cristici della giustizia, della pace e dell’amore, affinché la pecorella smarrita e ribelle, torni all’ “ovile” e anche questo martoriato pianeta, possa diventare una meravigliosa “stanza” della casa del padre.

Questi maestri delle stelle, angeli per alcuni, extraterrestri per altri ma sicuramente nostri fratelli, sono scesi in mezzo a noi come “fari di speranza” in mezzo alla tempesta, come guide, leader, messaggeri, martiri o testimoni della verità; a volte segnati sulla fronte dal “segno del padre”, a volte riconoscibili dalle loro opere al servizio della suprema giustizia; lo possiamo evincere dallo straordinario episodio in cui Eugenio racconta del suo viaggio sulla Luna Nera, nel quale gli extraterrestri gli fecero vedere una serie di nicchie di cristallo dove erano seduti i corpi di numerosi esseri in stato di sdoppiamento controllato che si trovavano in missione sulla Terra. Leggiamo un breve resoconto di questo viaggio dal libro “Siragusa l’annunciatore” pag 137:

Uno dei viaggi fondamentali realizzati da Eugenio Siragusa, non soltanto in astrale ma anche fisicamente, fu sulla Luna Nera; viaggiò come ospite di un'astronave di più di 600 metri di larghezza, pilotata dal Comandante extraterrestre Woodok. Il viaggio era cominciato alle ore 20.30 ora solare; sette minuti più tardi la nave era arrivata sulla Luna Nera.

«La Luna Nera, nel suo interno, era un'autentica città fluttuante; una città meravigliosa, di sogno. Un gruppo di donne salutarono il nuovo viaggiatore e tra di loro incontrò un terrestre che era arrivato dalla Terra. Eugenio Siragusa si sarebbe nuovamente rivisto con lui in Italia, era un meccanico nato a Bologna di nome Galli. Eugenio Siragusa fu condotto in un grande salone a forma di ferro di cavallo, brillante, come se fosse tappezzato con piastre d'argento. Lungo la parete si notavano una serie di nicchie di cristallo luminoso. In queste, in stato di sdoppiamento controllato, stavano seduti i corpi di numerosi Esseri. Telepaticamente, domandò chi fossero e cosa stessero facendo in quello stato. La risposta fu: «Si tratta di fratelli in missione sul Pianeta Terra. Per noi lo sdoppiamento controllato è come per voi il sogno. Possono spostarsi sulla Terra e ritornare. Sulla Terra realizzano questo lavoro astrale sei milioni di esseri dello spazio. Gli è permesso continuare fino a 80 anni, dopo debbono ritornare. La vita media di uno di noi è di 1.200 anni terrestri.»

Venne a sapere dagli extraterrestri che inizialmente i satelliti erano tre, ma due di essi si infransero in epoche diverse sul Pianeta Terra distruggendo prima il continente Mu e poi Atlantide come castigo divino e che la Luna in realtà è abitata da 175.000 anni, tempo iniziale in cui la Confederazione interstellare mise su di essa le sue prime basi, essendo i tutori della razza umana e dell'evoluzione terrestre. Quando il colloquio ebbe termine, la nave riprese nuovamente il viaggio di ritorno. Complessivamente, Eugenio Siragusa aveva percorso 470.000 chilometri e il viaggio era durato esattamente due ore e venti minuti. Il tragitto era stato: Terra-Luna nera-Terra.»

Chi erano costoro che rinunciando alla loro vita permanente nella loro dimensione, avevano deciso di incarnarsi in giovani nascituri terrestri o di personificare esseri umani predisposti alla particolare missione salvifica, per assicurare al Padre loro che il programma della genetica cosmica GNA e dell’instaurazione del regno dei cieli sulla terra, sarebbe stato portato a compimento senza alcun dubbio? Sicuramente esseri i quali hanno in gran conto la vita di ognuno di noi; tanto da abbandonare temporaneamente la loro, ben sapendo a cosa sarebbero andati incontro, soprattutto coloro che nascendo sulla terra avrebbero incontrato i rischi e le “tentazioni” che il nostro piano esistenziale comporta; basti pensare ai numerosi contattisti o veggenti che dopo anni di testimonianza si sono “persi” o ritirati venendo meno alla missione che inizialmente avevano promesso di portare a compimento per l’umanità.

Michele14
Le schiere angeliche dalla loro dimensione sorvegliano l'umanità
 

QUARTA PARTE

Nell’Apocalisse di Giovanni sicuramente parla di loro l’angelo il quale chiede agli altri suoi celesti compagni distruttori di fermarsi finché non avessero segnato sulla fronte dei servi di Dio il sigillo del Dio vivente; La richiesta di fermarsi è oggi ben chiarita e resa manifesta dall’opera dei portentosi mezzi cosmici con i quali sappiamo che queste potenze celesti controllano vulcani, venti, mari e tutte le basi missilistiche nucleari del mondo affinché gli eletti possano avere il tempo di risvegliare quanti più chiamati possibili.

etnamichele

UFO sorvolano la centrale nucleare di Fukushima in Giappone dopo il terremoto del 13 Febbraio 2021
26 Ottobre 2012: UFO sigariforme ripreso mentre entrava nel vulcano Popocatepetl, in Messico

Loro rallentano o accelerano gli eventi secondo i disegni del Padre come dimostrato dal seguente messaggio:

tsunamimichele

La Creazione si ribella all’uomo

LE SCELTE DIABOLICHE E NEFASTE POSTE IN ESSERE DAI DOMINATORI DEL MONDO, CON LA COMPLICITÀ PASSIVA DEI DOMINATI, PROVOCHERÀ, ED IL PROCESSO È GIÀ INIZIATO DA TEMPO, UNA VIOLENTISSIMA REAZIONE NATURALE (GIUSTIZIA DIVINA) DEL PIANETA TERRA. ERUZIONI VULCANICHE, TERREMOTI, MAREMOTI, URAGANI, SPOSTAMENTO DELL'ASSE POLARE, ATTIVITÀ SOLARE AI MASSIMI LIVELLI, ASTEROIDI, MAGNETISMO ANOMALO SONO SOLO ALCUNE DELLE METODOLOGIE CHE METTERANNO IN PRATICA I GENI COSMICI (SOLE-PIANETA) ANCHE ATTRAVERSO GLI ZIGOS, CIOÈ I QUATTRO CAVALIERI DELL'APOCALISSE, ACQUA, ARIA, TERRA E FUOCO.
VOGLIAMO ALTRESÌ RICORDARE CHE SIETE GIÀ ENTRATI DA TEMPO NELLA FASE IRREVERSIBILE, CIOÈ DAL PUNTO IPERCRITICO SIETE PASSATI AL PUNTO IPERCAOTICO CHE NEL NOSTRO LINGUAGGIO SIGNIFICA PUNTO DI NON RITORNO. ASPETTATEVI QUINDI NEI PROSSIMI QUATTRO ANNI DEL VOSTRO TEMPO EVENTI CATASTROFICI NATURALI DI PORTATA DEVASTANTE CHE POTRANNO ANNIENTARE VASTI STRATI DI TERRITORIO IN MOLTE NAZIONI DELLA TERRA PROVOCANDO LA MORTE DI CENTINAIA DI MIGLIAIA DI PERSONE.
LA COLPA È SOLO VOSTRA! DELLA VOSTRA INSENSIBILITÀ AI RICHIAMI DEL CIELO. DELLA VOSTRA CINICA SOCIETÀ CHE AMA LA MORTE PIÙ DELLA VITA.
LA TERRA, QUESTA MADRE GENEROSA, HA TUTTO IL DIRITTO DI DIFENDERSI DA UN VIRUS CANCEROGENO QUALE È DIVENUTO L'UOMO CHE GIORNO PER GIORNO DISTRUGGE LA SUA FAUNA, LA SUA FLORA E LA VITA IN TUTTE LE SUE MANIFESTAZIONI.
MALGRADO TUTTO, SAPPIAMO CHE ANCORA VI SONO ANIME NOBILI E PURE DA RISVEGLIARE SUL PIANETA TERRA. SAPPIAMO INOLTRE CHE VI È UNA CERTA QUALITÀ DI ESSERI UMANI CHE SONO ELETTI E CHIAMATI. CIOÈ I GIUSTI, I MANSUETI E I PURI DI CUORE CHE NOI DOBBIAMO PROTEGGERE E TUTELARE PERCHÉ SONO IL SALE ED IL LIEVITO DELLA NUOVA-ERA. COLORO CHE EREDITERANNO IL REGNO DI DIO CHE GESÙ-CRISTO INSTAURERÀ SULLA TERRA DOPO AVERLO FATTO RISORGERE DALLA CENERE DI UNA UMANITÀ BRUCIATA E DISTRUTTA.
IL FUOCO DELL'AMORE, DELLA GIUSTIZIA E DELLA PACE CHE ARDERÀ NEL PETTO DI UOMINI NUOVI E DI UNA GENERAZIONE RIGENERATA E PURIFICATA.
IL FUOCO DELL'UOMO-COSMICO.
PACE!
HO RINGRAZIATO E SALUTATO I FRATELLI DELLA LUCE SETUN-SHENAR E ITHACAR, CHERUBINI DELLA LUCE CRISTICA.
 
Montevideo (Uruguay)
6 Maggio 2008. Ore 16:07
G.B.

Cronache dalle Arche 13 Aprile 2013, Pordenone

D: Nel messaggio di Pasqua, Gesù dice: “STATE ATTENTI E VIGILATE! IL TEMPO CHE MANIFESTERÀ QUESTO GRANDE ED UNICO EVENTO PER GLI UOMINI DELLA TERRA È PROSSIMO ED I SEGNI CHE LO PREANNUNCIANO SONO PALESI A TUTTI. DURANTE QUEI GIORNI IL CIELO SI SQUARCERÀ E LE FORZE DELLA NATURA: L'ACQUA, L'ARIA, LA TERRA ED IL FUOCO, AVRANNO GIÀ PERCOSSO CON LA VERGA DIVINA I POTENTI DEL MONDO E MILIARDI DI ESSERI UMANI. LE LEGIONI ANGELICHE SI PRESENTERANNO ALLA CIVILTÀ DEL PIANETA TERRA COMPIENDO MIRACOLI CHE SCONVOLGERANNO LA SCIENZA E LA RELIGIONE DEGLI UOMINI”. Cosa significa percosso? E se una gran parte di Umanità sarà eliminata, perché saranno necessari i miracoli?

G: Le percosse saranno date dalle catastrofi: l’acqua, l’aria, la terra ed il fuoco provocheranno tsunami, terremoti, tempeste; mentre il Sole causerà una tempesta di fuoco (flare solare) della durata di alcuni minuti, che farà raggiungere al Pianeta la temperatura di 130° C e periranno molte persone.

D: I miracoli saranno quindi necessari?

G: I miracoli saranno necessari per il risveglio delle anime che verranno da voi e alle quali dovrete rispondere. Noi fratelli segnati nella fronte siamo tanti, sparsi in tutto il mondo, anche in estremo Oriente, non solo a Pordenone e Sant’Elpidio; seppur non ci conosciamo divulghiamo gli stessi messaggi.

Questi esseri cosmici oggi li possiamo riconoscere nelle vite di uomini che hanno dato tutta la loro vita in favore del bene, della lotta alle ingiustizie, della tenace ricerca del risveglio delle anime ai valori cristici di giustizia-pace-amore, condizione indispensabile per l’acquisizione della superiore genetica cosmica GNA; a questi “missionari cosmici” e a coloro che in essi hanno creduto, gli esseri di luce, tramite Giorgio Bongiovanni, il 25 Agosto 1996, assicurano:

“LA NOSTRA VIGILANZA RIMANE ATTIVA E NON CI STANCHEREMO MAI DI RIPETERVI CHE IL NOSTRO AMORE UNIVERSALE E LE NOSTRE ENTITÀ ASTRALI SONO ACCANTO A TUTTI COLORO CHE, SUL VOSTRO PIANETA, HANNO REALIZZATO LA SUPERIORE GENETICA PRODIGANDOSI A FAVORE E PER LA SOPRAVVIVENZA DEL PIANETA E DELLA VOSTRA SPECIE: QUESTI ESSERI, UOMINI E DONNE, CHE LAVORANO NEI VARI CAMPI SOCIALI, SOLIDARI, POLITICI, SCIENTIFICI, SPIRITUALI, RELIGIOSI, ECC. ECC. NON SONO MOLTI MA SUFFICIENTI PER FAR EMERGERE LA QUALITÀ DALLA QUANTITÀ.
A COSTORO RACCOMANDIAMO LA MASSIMA EFFICIENZA NEGLI EQUILIBRI PSICHICI-CEREBRALI: ARMONIA, PACE, AMORE, TOLLERANZA, AMORE PER LA NATURA, DESIDERIO DI GIUSTIZIA, ALIMENTAZIONE ORDINATA, PERMANENZA IN LUOGHI POCO INQUINATI, ECC. ECC.
SONO GLI ELEMENTI NECESSARI PER UNA CURA PREVENTIVA DELLA MALATTIA HARBAR, SONO SENTIMENTI E ATTITUDINI CHE IMPEDISCONO TOTALMENTE LA MANIFESTAZIONE DEL MORBO.
LA FORZA SPIRITUALE DELLA FEDE DEVE MANTENERSI SALDA E SICURA.
LE PROMESSE DIVINE SONO IN FASE DI COMPIMENTO.
IL NOSTRO INTERVENTO DIRETTO È PROSSIMO. ASPETTIAMO CHE LA LUCE DIVINA CI DIA INFORMAZIONE DIRETTIVA A QUESTO PROPOSITO.
QUESTO GIORNO SI APPROSSIMA, ABITANTI DELLA TERRA, E SARÀ IL GIORNO DELLA GRANDE RIVELAZIONE, LA PIÙ GRANDE DI TUTTA LA VOSTRA STORIA, QUELLA CHE PROVOCHERÀ IL GRANDE CAMBIAMENTO E IL GRANDE GIUDIZIO, PERCHÉ CI SARÀ LA RIVELAZIONE DI COLUI CHE, POCHI, IN QUESTO SECOLO ASPETTANO!

Già nel 1968 Eugenio Siragusa in un messaggio per gli operatori del C.S.F.C. (centro studi fratellanza cosmica) per volontà degli esseri cosmici, diffondeva:

«SIAMO COSTANTEMENTE VICINI A VOI E FACCIAMO TUTTO QUELLO CHE E’ UTILE PER ALLEVIARE TUTTO QUELLO CHE SAREBBE UNA DIFFICOLTA’ INSALVABILE NEL COMPIMENTO DELLA VOSTRA MISSIONE. NOI VI SEGUIAMO SEMPRE, ANCHE SE NON CI POTETE VEDERE. EDIFICHIAMO IL NECESSARIO PER STIMOLARE IN VOI LA SERENITA’, LA FORZA NECESSARIA, LA CERTEZZA DEL NOSTRO INCONDIZIONATO AMORE. NON TEMIATE NE NULLA NE A NESSUNO. I NOSTRI MEZZI SONO INVISIBILMENTE SUL VOSTRO CAMMINO ED I NOSTRI CONSIGLI NELLE VOSTRE MENTI. POTETE ESSERE CERTI DELLA NOSTRA UNIVERSALE BENEVOLENZA. GLI ZIGOS SONO I VOSTRI ALLEATI E COLLABORATORI IN TUTTI I SENSI. CONSERVATEVI IN COMPLETA GIOIA PERCHE’ LA VOSTRA OPERA E’ GRATA A COLUI CHE PROSSIMAMENTE VERRA’ SULLA TERRA». (Siragusa “l’annunciatore” pag. 111)

Cronache delle Arche 13 Aprile 2013 Pordenone

D: Nel messaggio di Pasqua Cristo dice: “VI HO GIÀ DETTO, ATTRAVERSO LO SCRIVENTE CHE PORTA NEL SUO CORPO I SEGNI SACRI DELLA MIA CROCIFISSIONE, MIO SERVO E SERVO VOSTRO, CHE VISITERÒ UNO AD UNO GLI ELETTI DAL PADRE MIO E TUTTE LE ANIME CHE SONO STATE DA LORO CHIAMATE PER PARTECIPARE ALLA CHIESA GIOVANNEA”. Oltre a colui che porta i segni, chi sono gli eletti? Sono in carne ed ossa?

G: Si, lo sono.

D: Sono quindi anime chiamate.

G: Sono anime chiamate a tutti gli effetti e prendono “automaticamente” la genetica GNA.

D: Quindi noi potremmo avere la genetica GNA?

G: Certo, se vi è stata trasmessa da un eletto. La trasmissione avviene anche spiritualmente, non solo fisicamente.

In una risposta a una mamma che chiedeva spiegazioni sulla trasmissione della genetica GNA ai propri figli, Giorgio Bongiovanni spiega:

D: La genetica GNA può essere sviluppata anche da chi non è portatore?

G: Se io ho la genetica GNA e tu non la possiedi, ma credi alla mia filosofia e alla mia scienza, la mia genetica ti verrà trasmessa attraverso le onde cerebrali. Le onde magnetiche entrano nella tua psiche, il tuo DNA si trasforma e diventi un extraterrestre. Nel nostro caso, se sposi la mia causa, ti converti e diventi un operatore di questo messaggio; nel tempo, crescendo, acquisirai la GNA e a tua volta la puoi trasmettere agli altri.

D: Quindi il DNA stesso funge da antenna?

G: Sia il cervello che il DNA.

Elisabetta Montevidoni (Segreteria dal Cielo alla Terra) commenta le risposte di Giorgio Bongiovanni:

Nel mondo i portatori della genetica spirituale GNA sono circa 7.465.000 che sono i figli spirituali dei 144.000 esseri di luce in missione di redenzione sulla Terra in veste umana, discesi assieme al Cristo.

Ma tale numero può espandersi se le persone escono fuori dalla propria cittadella ed iniziano a lavorare a favore della vita del Pianeta e dei più deboli, degli ultimi, degli afflitti, dei sofferenti, dei perseguitati, come spiega Gesù nel vangelo di Matteo cap.25. Significa quindi acquisire una coscienza evolutiva che si avvicina alla quarta dimensione per divenire appunto eletti. Per questo motivo Gesù tornerà in veste di Giudice a separare le pecore dai capri.

I figli che possiedono la genetica superiore devono essere tutelati da valori materiali egoico- possessivi e crescere con l'esempio evangelico di amore e soprattutto di lotta rivoluzionaria pacifica alle ingiustizie del mondo ricordando loro che Cristo tornerà a liberare questo mondo dal Male come ha promesso. Altrimenti questi bambini rischiano di diventare violenti o di cadere in depressione rifiutando di vivere in una società che è all'antitesi dei valori universali che possiedono.

OurVoiceMichele 19    ManifestazioneMichele20
Il movimento Culturale Our Voice impegnato nella denuncia di ogni forma di ingiustizia nel mondo
La protesta dei giovani contro i poteri del mondo indifferenti alla distruzione dell'ecosistema

Pier Giorgio Caria nel suo articolo del 7 maggio 2021 “Il messaggio del cosmo, della terra e dei Crop Circles (2° parte)” spiega:

Esprimendo in altro modo quanto sopra esposto, possiamo dire che in questo mondo c’è un gruppo di Entità che personifica strumenti umani portatori di una particolare genetica, che si reincarnano epoca dopo epoca, portando avanti le attività necessarie per l’instaurazione del Regno promesso da Cristo. Affinché ciò avvenga, è fondamentale che prima vengano formati gli esseri umani con le qualità umane e spirituali indispensabili per poter vivere in una società che non si corrompa. In questi duemila anni Cristo, i Suoi Discepoli, gli Angeli e la Madre Santissima stanno lavorando alla grande Opera di preparazione di coloro che verranno eletti. Il Regno, prima che essere un posto in cui vivere, è un numero di persone con le caratteristiche necessarie per esserne degni abitanti. È inutile avere palazzi meravigliosi ma vuoti, tecnologie belle ma che non usa nessuno: prima devono esistere i cittadini. Quindi prima del ritorno di Cristo deve esserci il numero minimo necessario di uomini e donne indispensabili per poter instaurare il Regno e questo numero è di 7.465.006 persone. In realtà, questo è un numero che corrisponde ad un gruppo enzimatico perché il pianeta Terra, in quanto cellula viva cosmica, non può sopravvivere se non ha un numero minimo di enzimi piramidali umani che ne garantiscano i processi biologici, animici e spirituali fondamentali per la sua sopravvivenza. Se venisse a mancare quel numero, il pianeta Terra diventerebbe sterile e morirebbe, cioè i regni di natura non si riprodurrebbero più. Questo è un tema che mette in una luce ancora più importante quanto sia stata fondamentale la venuta del Figlio di Dio sulla Terra, considerando pure che a causa della follia umana, potrebbe scatenarsi l’olocausto nucleare che distruggerebbe il pianeta e provocherebbe una spaventosa catastrofe cosmica. La missione del Signore nostro Gesù Cristo, oltre al sublime e inimitabile esempio di sacrificio e amore incondizionato che dobbiamo imitare, è anche una complessa operazione di altissima scienza spirituale, biologica e materiale: è venuto a guarire la cellula madre, ma anche a dare all’enzima umano con la genetica materiale DNA, la possibilità di acquisire la genetica cosmica GNA e poter così entrare a far parte degli Eletti che formeranno il Nuovo Regno. Questo aspetto è chiaramente espresso nei versetti successivi del capitolo 17 del Vangelo di Giovanni: 20 Non prego solo per questi, ma anche per quelli che per la loro parola crederanno in me; 21 perché tutti siano una sola cosa. Come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch'essi in noi una cosa sola, perché il mondo creda che tu mi hai mandato.

Intervista di Pier Giorgio Caria a Giorgio Bongiovanni del 25 Dicembre 2020 (“Un anno di segni”)

Pier Giorgio Caria: Tu hai usato un termine “scienza dello spirito”, quindi quel discorso che abbiamo sottolineato che l’etica e il comportamento etico dell’essere umano muta la sua materia biologica e la sua materia genetica ci pone in una situazione di riconsiderazione anche delle scritture perché quello che tu hai detto Giorgio mi richiama il passo del vangelo dove il signore, Gesù, consacra gli eletti al padre e poi dice: “quelli che imiteranno gli eletti anche loro verranno consacrati” e questo mi richiama al discorso della genetica GNA.

Giorgio: Gesù dice:“non ti chiedo di toglierli dal mondo”, quindi state attenti che è molto preciso, “ma di preservarli dal male. Ti raccomando loro”, quindi si riferiva ai 12 e a questi eletti e a “tutti coloro i quali in loro crederanno”; quindi fa una differenza tra i 144000, i 12 apostoli che sono già eletti e quindi se c’è gente della terra, “coloro i quali in loro crederanno”, te li consacro; tutti coloro della genetica DNA che credono nel messaggio degli apostoli e degli eletti automaticamente avviene la “redenzione”, cioè la trasformazione del loro DNA in GNA; diventano “iniziati”; quindi non c’è bisogno che sono nati col GNA come i 144000; ci diventano; quindi diventano a tutti gli effetti “fratelli” dei chiamati.

Pier Giorgio Caria: Quando tu dici “coloro che crederanno negli eletti” ovviamente non è solo un mero credo.

Giorgio: No! Credere nelle azioni!

Pier Giorgio Caria: Quindi imitare le azioni, cioè cambiare il proprio stile di vita.

Giorgio: Lo davo per scontato hai fatto bene a farmi la domanda; no credere non serve a niente; credere è che l’università ha accettato che tu ti iscriva; che ti sei laureato?

LA CHIESA DI PIETRO E LA CHIESA INIZIATICA DI GIOVANNI (Cronache dalle Arche 13 aprile 2013 – Pordenone)

Parlando della Chiesa Iniziatica di Giovanni, Giorgio Bongiovanni spiega ulteriormente che la cosa più importante è il nostro spirito e non le chiese esteriori; l’unica chiesa da costruire è quella spirituale e questa è l’unica via se vogliamo realizzare la genetica cosmica GNA; se si continua a cercare soluzioni esterne a noi non potremo realizzare i valori dello spirito.

Giorgio: Siamo degli iniziati ed apparteniamo alla Chiesa di Giovanni, il prediletto, accompagnato dal precursore, che è Giovanni Battista: entrambi formano la Chiesa spirituale di Cristo, perché insegnano il Messaggio Universale. Universale significa che è rivolto a tutti e rappresenta la Legge di Dio in ogni Suo aspetto, anche quelli scomodi alle istituzioni: la reincarnazione, la Vita nell’Universo, la Legge di Causa ed Effetto, gli Angeli che sono Extraterrestri, il Sole, cioè Cristo, ed i Pianeti sono le cellule Cosmiche, la denuncia dell’Anticristo, la non compromissione con il potere, etc. Tutto questo lo insegna Giovanni, mentre nel catechismo della Chiesa Cattolica questi argomenti sono stati manipolati o addirittura mai contemplati. Noi dobbiamo prendere coscienza di questo, senza provare vergogna o impressionarci se parliamo così. Nell’ultima conferenza in Uruguay sono stato ospite di una Chiesa metodista dove, dal tabernacolo, ho parlato ai fratelli. Io amo tutte le Chiese che parlano di Cristo, ma sono fedele solo ad una: quella di Giovanni. Fate molta attenzione a queste parole, perché non sono mie, mi sono state date dal Cielo: Io amo tutte le Chiese di Cristo e se mi invitano partecipo, ma sono fedele solo alla Chiesa di Giovanni. Io, come voi, faccio parte della sua tribù: la stella a sette punte che molti qui portano al collo, e che tanti altri porteranno, rappresenta la prima Comunione o la Cresima con la Chiesa di Giovanni la cui appartenenza, essendo un'istituzione che non esiste sul piano umano, non prevede alcuna iscrizione.

PietroGiovanniMichele 21EugeniosoleMichele22
Giovanni e Pietro corrono al Santo Sepolcro
La stella a sette punte con il rubino di Corindone:Sincronizzatore energetico Uomo-Pianeta-Sole

AquilaVaticanoMichele 24Eruzione dell'Etna 20 luglio 2019: una foto riprende la lava incandescente mentre assume la forma
di quello che fa pensare a un'Aquila che tiene fra gli artigli una campana

Infatti noi siamo riuniti in una casa, non in un tempio, perché non vogliamo invadere la Chiesa di Pietro. Tante volte il diavolo mi ha detto: “Perché non costruisci un tempio per la tua Chiesa? Lo sai quante migliaia e migliaia di persone verrebbero da te?” Ed io ho risposto a Satana: “Caro Satana, il tempio non è fatto di pietra, ma è il cuore dell’uomo, quindi rivolgiti ad altri, non a me”.

Michele 23
Giovanni l'evangelista

Gesù disse: “Il tempio del Padre Mio, non è fatto di pietra”, quindi il nostro tempio, quello della Chiesa di Giovanni, è il nostro cuore.”

LA CASA DEL PADRE MIO NON È FATTA DI PIETRA”
 
LA CASA DEL PADRE MIO È LA TERRA, LA DIMORA IN CUI LA LUCE SI FA CARNE E SANGUE NEL TEMPIO DELL’UOMO.
IN QUESTA MADRE GENEROSA, DISPENSATRICE DI VITA ATTRAVERSO LA INCUBAZIONE DELLA LUCE SOLARE, RISIEDE LA VOLONTÀ DI COLUI CHE CREA E MANIFESTA LE SUE ESIGENZE EVOLUTIVE.
LA CASA DEL PADRE MIO È IL CUORE DEL MONDO E DELL’UOMO, DOVE VI È LA FIAMMA DI QUEL LEGAME CHE UNISCE IL CIELO ALLA TERRA, IL MANIFESTO ALL’IDEA CREANTE, L’AMORE ALL’AMORE.
LE CHIESE COSTRUITE DAGLI UOMINI NON SONO ALTRO CHE FREDDI RICOVERI DI PIETRA, LUOGHI DI RITO E DI OSTENTAZIONE, BUI SEPOLCRI INANIMATI SENZA VERO SPIRITO.
LA CHIESA DEL PADRE MIO È L’UMANITÀ E LA SUA CASA È LA MADRE TERRA.
 
DAL CIELO ALLA TERRA
IL MAESTRO GESÙ
TRAMITE GIORGIO BONGIOVANNI
Porto S. Elpidio (Italia)
6 Marzo 1991

"IL TEMPIO DEL PADRE MIO NON È FATTO DI PIETRA"

IL TEMPIO DEL PADRE MIO È NEI VOSTRI CUORI, E LA SUA LUCE NEI VOSTRI SPIRITI.
OGGI, SIETE PIÙ PAGANI DI IERI, PERCHÉ PIÙ DI IERI ADORATE LE IMMAGINI FATTE DI PIETRA E DI MATERIA CORRUTTIBILE. SIETE PIÙ STOLTI DEI VOSTRI PADRI CHE, COSÌ FACENDO, CREDEVANO DI ADORARE LA DIVINITÀ DI DIO.
DIO È GIUSTIZIA E AMORE; È CIÒ CHE NON POTETE PALPARE MA SOLO SENTIRE, E IL SUO TEMPIO È LA LUCE CHE È DENTRO DI VOI.
"IL TEMPIO DEL PADRE MIO NON È FATTO DI PIETRA", È STATO DETTO E SCRITTO.
LE IMMAGINI SIANO UNO SCRIGNO DI RICORDI, MA MAI DI ADORAZIONE, DI VENERAZIONE O DI ORAZIONE. PREGATE DIO NELLA SUA REALE ESSENZA SPIRITUALE. EGLI È DENTRO DI VOI, È IN OGNI PALPITO DEI VOSTRI CUORI, IN OGNI SOSPIRO DELLE VOSTRE ANIME; È NEI VOSTRI DOLORI E NELLE VOSTRE GIOIE. EGLI È LA SUBLIME ED ECCELSA LUCE CREANTE ED ETERNA.
VI DO LA MIA PACE.
DAL CIELO ALLA TERRA
Nicolosi, 24 Febbraio 1978.
Ore 16:55
 
Ci possiamo riunire in una stalla, in una casa, in un'associazione, anche in una Chiesa se ci invitano, perché il tempio del nostro cuore e di Cristo, è il nostro corpo, e voi dovete curarlo, amarlo, rispettarlo, perché è il luogo in cui si adagia lo Spirito di Dio, cioè il vostro Spirito.
Alla fine del Vangelo di Giovanni, quest'ultimo segue Gesù insieme a Pietro, il quale sapeva che Giovanni era il prediletto del Cristo, il discepolo che Lui amava di più. Egli lo prediligeva perché era colto ed il più evoluto spiritualmente. Pietro, vedendo che Giovanni rimaneva indietro si voltò e chiese a Gesù cosa sarebbe stato di lui, Cristo gli rispose: «Se voglio che lui rimanga finché io venga, che te ne importa? Tu seguimi» (Gv. 21, 20-23). Quindi, lui lascia Giovanni come depositario degli insegnamenti spirituali.
E, al discepolo prediletto, presente sotto la croce, Cristo dà in consegna la Santissima Madre Maria, che è la Madre della Chiesa quando Le disse: «Donna, ecco tuo figlio". Poi disse al discepolo: "Ecco tua madre". Da quel momento il discepolo la prese in casa sua (Gv. 19, 26-27).
 

QUINTA PARTE

CONSIDERAZIONI PERSONALI

iltempoèvenutoMichele 25

Fin dai tempi dell’antico testamento il simbolo del “segnato sulla fronte” riguarda coloro che sono inviati da Dio (i 144000 di cui parla l’Apocalisse) o che Dio vuole salvare (gli israeliti rimasti integri e degni che il signore vuole preservare per poi sterminare gli altri). Anche Cristo nel vangelo di Giovanni parla di “coloro che non sono del mondo” e li raccomanda al padre chiedendogli “non di toglierli dal mondo” ma di “preservarli dal male” e prega “non solo per questi, ma anche per coloro che in essi crederanno, perché tutti siano una sola cosa”. Gesù si riferiva a gli apostoli e a gli eletti che nel tempo si sarebbero manifestati e ai chiamati, cioè alle persone che grazie a loro avrebbero acquisito i valori spirituali cristici.

Oggi è il tempo della venuta di Cristo ed egli, come disse la Madonna a Giorgio a Fatima, richiama “i suoi”, i segnati.

Giorgio Bongiovanni spiega ampiamente che tutte le persone “chiamate” possono acquisire la GNA stando a contatto e praticando gli insegnamenti di questi “eletti”. Questi inviati da Dio sono esseri di evoluzione superiore (come nel disegno di Eugenio Siragusa) ma verso la quale noi dobbiamo tendere.

Oggi vediamo che ci sono molti “eletti” nel mondo che portano il “segno del Padre” sulla fronte; a volte visibile a volte no; ciò che conta di più per noi “chiamati” è riconoscerli; essi possono manifestare la loro natura indipendentemente dalla cultura o dal contesto sociale di appartenenza ma dalla loro vita e dalle loro opere si potranno riconoscere senza ombra di dubbio; “nessuno poteva comprendere quel cantico se non i centoquarantaquattromila, i redenti della terra” (Ap.14) perché il loro spirito di sacrificio, il loro coraggio, la loro dedizione alla verità, alla giustizia e all’amore rappresenta una lingua ormai sconosciuta e incomprensibile alla maggior parte della nostra umanità; “sono senza macchia”. (Ap.14,1)
 
Personaggi tra loro completamente diversi, molto lontani negli usi e costumi, nella cultura di appartenenza e nel credo religioso, sono stati da sempre accomunati dallo stesso senso di giustizia e dalla dedizione alla costruzione di un mondo basato sulla pace, sull’uguaglianza e sulla fratellanza tra i popoli; sono stati portatori quindi di uno stesso messaggio d’amore e giustizia non compreso dalla maggior parte delle persone, un “canto che solo tra loro possono udire”.
 
gandhiMichele 27
martinlutherkingMichele 28
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 
Mohāndās Karamchand Gāndhi, pioniere della "disobbedienza civile" come forma di ribellione all'oppressione
Martin Luther King leader del movimento per i diritti civili degli afroamericani.

Quello che noi “chiamati” oggi dobbiamo fare è seguire l’esempio dei “poveri d’Israele” in Ezechiele 9, i quali ancora erano capaci di “piangere e sospirare” indignandosi di fronte alla società che vedevano e rimanendo incorruttibili nonostante tutto; proprio per questo Il signore ordinò ai suoi angeli di segnarli con un Tau sulla fronte; solo questo ha permesso a quelle persone di essere protette, “salvate”, dalla furia di Dio. Oggi quindi come possiamo imitare quelle persone di allora? Giorgio ha spiegato ampiamente la strada da seguire: dobbiamo mettere in pratica gli insegnamenti e l’esempio di questi esseri evoluti che, a volte sono incarnati in mezzo a noi e a volte ispirano o personificano direttamente esseri umani idonei ad accogliere la guida di entità molto più evolute che da millenni stanno portando avanti un disegno di natura cosmica il cui fine è quello di far emergere un uomo nuovo capace di abitare in un regno nuovo, incentrato sui valori cristici.

COME FARE?
DIVENTARE PROTAGONISTI DEGLI EVENTI PER ACQUISIRE UN NUOVO STATO DI COSCIENZA

(Cronache dalle Arche 13 aprile 2013 Pordenone)

Giorgio: Un altro concetto importantissimo che ho spiegato e voglio ribadire qui, insieme a voi, è lo “stato di coscienza”. Immaginatevi degli Extraterrestri che, dopo aver contattatouna certa persona, la invitano in una sala cinematografica e dicano: “Ora ti mostriamo un film, veritiero, di tutto quello che succederà nel tuo Pianeta, in tutte le città e alle persone. Ma, prima di vederlo, è necessario che tu prenda delle lezioni di stato di coscienza”.

L'uomo si rivolge agli Extraterrestri e risponde: “Cari fratelli, va bene, ma che significa?” E questi: “Significa che prima di entrare al cinema e vedere la proiezione del futuro ti dobbiamo preparare, altrimenti alla fine del film ti verrà un collasso cardiocircolatorio o un infarto e noi saremo responsabili della tua vita, perché quello che vedrai succederà veramente”. Ma cosa vedrò?”

“Vedrai catastrofi, terremoti, guerre, anche Segni nel cielo. Moriranno milioni di persone, molte dalla disperazione, ecc.”

Così il contattato viene preparato allo stato di coscienza cristico.

Io non sono un Maestro di meditazione; sono un Messaggero di Dio che vi porta un Messaggio spirituale; vi dico che per avere uno stato di coscienza in equilibrio, armonico, per poter sopportare e non solo, ma anche essere protagonista degli eventi, devi avere uno stato di coscienza chiamiamolo Cristico o Divino. Altrimenti non sarai protagonista, che già è una sconfitta, ma non riuscirai a sopportare questi avvenimenti, quindi a sopravvivere.

Cosa significa sopravvivere ed essere protagonisti degli eventi futuri con lo stato di coscienza cristico? Se un uomo sa che a qualche un chilometro di distanza stà per arrivare un missile che distruggerà quest’arca, si deve preparare ad evitare la distruzione, oppure prevedere le conseguenze e programmare le soluzioni per sopravvivere e ricostruire una casa nuova. Se avrà paura, morirà dentro la casa; se sarà egoista e desidererà solo sopravvivere non potrà costruire una casa nuova, e nella migliore delle ipotesi finirà in mezzo alla strada a chiedere l’elemosina.

La traduzione di questa parabola è la seguente: noi dobbiamo preparare i fratelli del mondo a risvegliarsi durante gli eventi catastrofici. Se noi vorremo essere selezionati e far parte dei Segni Celesti, dovremo diventare protagonisti degli eventi.
Il cap. 24 di Matteo, sulla fine dei tempi, dice: “Allora sentirete parlare di guerre e di rumori di guerre; guardate di non turbarvi, perché bisogna che tutte queste cose avvengano ma non sarà ancora la fine. Infatti si solleverà popolo contro popolo e regno contro regno; vi saranno carestie, pestilenze e terremoti in vari luoghi. Ma tutte queste cose saranno soltanto l'inizio delle doglie di parto [..]. Nel Vangelo di Luca dice: «Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l'attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte». (Lc 21,25)

Quali sono questi segni? I segni nel cielo sono i fratelli Extraterrestri, mentre noi siamo i Segni sulla Terra, i chiamati a risvegliare coloro che stanno dormendo: i depressi, i diseredati, gli sconfitti, i falliti, i morti di fame, i disoccupati, tutti quelli che si vogliono suicidare. Pensavate forse che i coniugi ed il cognato che si sono suicidati a Civitanova Marche, la scorsa settimana, a causa delle difficoltà economiche avrebbero compiuto questo gesto estremo se fossero stati nostri amici o avessero frequentato la nostra Arca? No, non l’avrebbero fatto, perché noi diamo la vita, la speranza anche a chi si è indebitato fino al collo, perché siamo fratelli, stiamo insieme e perché c’è Cristo. Non è questo un Segno? Quando diventi un tramite della salvezza della vita di qualcuno che si vuole ammazzare, c'è forse miracolo più grande? Se riesci a togliere dal mondo della droga alcuni giovani, non sei forse un segno celeste? Se guarisci dei bambini, se invii dei fondi da destinare al recupero dei bambini di strada in Paraguay o a quelli di Padre Scordato in Sicilia, non hai fatto un miracolo? Io, tu, noi fratelli delle Arche, siamo i segni sulla Terra, se lo vogliamo. Se rinunceremo, saremo i segni della morte seconda, non ci sono alternative.

funimamichele
L'instancabile dedizione degli attivisti sociali di FUNIMA International - L'opera di sostegno ai bisognosi, agli ultimi

Quindi, dobbiamo sviluppare lo stato di coscienza, chi siamo, a quale Chiesa apparteniamo, il perché siamo qui, cosa vuole Cristo da noi e come partecipare e sopravvivere agli eventi del futuro. Bisognerà essere protagonisti dei fatti, perché potremo sopravvivere, ma attenzione al sillogismo! Noi chiamati dalla tribù di Giovanni e quindi da Cristo, riusciremo a resistere agli eventi solo se saremo protagonisti, altrimenti verremo schiacciati dagli stessi e faremo la morte seconda, perché a noi è stata data la conoscenza. Attenzione, non vi sto esaltando. Noi non siamo nessuno, non abbiamo cariche e non siamo più evoluti degli altri, ma facciamo parte di questa Chiesa spirituale e questo è quello che ci chiede Cristo. Non so per quale ragione a noi sia stata data la conoscenza, probabilmente per le nostre precedenti reincarnazioni, forse ce lo siamo meritati, ma è solo un’ipotesi. Nei messaggi spirituali che i Fratelli Celesti mi hanno dato in questi anni, c’è scritto tutto, anche in quelli ricevuti dal mio maestro Eugenio Siragusa, con un linguaggio più antico, ma non certamente minore del mio, è rivelato tutto. A noi è stata data la conoscenza ed io non l’ho tenuta nascosta; è tutta nel sito, i messaggi sono lì, un menù per poter approfondire il nostro cammino spirituale e lo stato di coscienza. Anche se Cristo, prima di noi, ha detto tutto nel Vangelo, oggi abbiamo la fortuna di avere lo Spirito della Verità che lo spiega, quindi noi dobbiamo preparare gli altri. Se non saremo pronti, perché siamo rimasti indietro o addirittura abbiamo lasciato l’Opera, non verremo perdonati. Non è una minaccia, è il messaggio che mi è stato dato e non ve lo nascondo. Io non posso fare come i veggenti di Medjugorie che dicono: “Questo è un segreto”, io non ho segreti. Quindi se siamo ammoniti o minacciati non ci posso fare niente: se lasciamo l’Opera non saremo perdonati. Non servirà a nulla strapparsi i capelli di fronte a Cristo.

Io posso dire a Gesù: “Signore, mi sono ritirato perché ero stanco, ma ti ho servito con le stigmate per ventiquattro anni, poi non ce l’ho fatta più. Ho sempre creduto in te, ma mi sono fermato e mi sono messo a guardare la televisione”. Lui mi dirà: “Figliolo, non ti posso perdonare. Non ti riconosco. Non dovevi abbandonare! Ti avevo detto che avrei perdonato tutti i tuoi peccati umani perché sei nel mondo, ma non quello di rinunciare all’Opera, cioè al sacerdozio, all’Evangelizzazione. Vai alla morte seconda!”.

Michele33
La seconda morte nei gironi infernali della Divina Commedia

Se vogliamo parlare con i termini della Chiesa di Pietro, forse a volte mi capite meglio, questo significa che non devi abbandonare l’Evangelizzazione, ma donare te stesso ai tuoi fratelli, quelli dormienti, i mezzi dormienti, quelli atei, tutti. Questo è un altro messaggio molto importante, anzi fondamentale, che ho dato in Sud America: lo stato di coscienza per la preparazione agli eventi futuri, all’interno dei quali noi dobbiamo essere protagonisti e nello stesso tempo sopravvivere, ma non al contrario; perché se non saremo protagonisti noi periremo, mentre altri pur non essendolo sopravvivranno. Su questo, cari fratelli, Satana non ha potere. Lui ha la meglio su di noi con i soldi, perché ne abbiamo pochi, sopravviviamo e con questi possiamo fare un po' di Opera. Ma su quello che vi ho detto lui non ha potere, lo stato di coscienza non si acquisisce con il denaro: un miliardo di euro non ti servirebbero a niente se non realizzassi il Cristo in te. Non avremo giustificazioni se non lo faremo; non possiamo dire a Gesù: “Non avevo una lira, non lo potevo fare”, perché Lui dirà: “La tua ricchezza era dentro, la dovevi solo realizzare e fortificare, parlare ai tuoi fratelli e risvegliarli. Io ti ho dato la conoscenza attraverso i Miei messaggeri, Giovanni, Giovanni Battista, Setun Shenar, Eugenio Siragusa, l’hai avuta e te la sei tenuta stretta”. Le tentazioni saranno grandi come lo sono sempre: la depressione, la tentazione del sentimento, dell’economia e della salute, se ci saremo fortificati nella fede, le potremo superare tutte. Quindi se vogliamo organizzare un futuro non abbiamo altro da fare che predicare il Vangelo e preparare tutta l’Umanità che incontreremo sui nostri passi al fatto che molto presto ci saranno grandi cambiamenti, con eventi che mai la storia umana abbia ricordato.

D: Tu hai detto che dobbiamo cercare di sopravvivere agli eventi che ci saranno da protagonisti, ma nel Vangelo c’è scritto anche che chi cercherà di salvare la propria vita la perderà. A cosa si riferisce e a chi?

G: Noi dobbiamo sopravvivere per ubbidire a quel comandamento che Gesù ha dato: rimanere in vita per risvegliare dalla morte i nostri fratelli che dormono. Se tutta la Chiesa spirituale di Giovanni lasciasse il corpo per andarsene, chi risveglierebbe quelle persone? Certo ci sono coloro che hanno compiuto le opere buone senza bisogno di noi, e saranno salvi. Non siamo qui per quelli che fanno le opere, né per i giusti; non dobbiamo risvegliare i giudici martiri o i missionari che aiutano i bambini, perché questi sono già risvegliati. Noi dobbiamo destare chi dorme, senza pensare alla salvezza del corpo. Ecco perché ci dobbiamo buttare in mezzo alle bombe atomiche, alle guerre e agli attentati: se abbiamo fede e non tenteremo di salvare la nostra vita, Gesù ci risparmierà fisicamente. Ci sono persone nel mondo, alcune delle quali si autodefiniscono messaggeri di Cristo, che si stanno facendo le provviste, raccolgono candele, acqua e hanno acquistato terreni da coltivare perché vogliono salvarsi dall’Apocalisse. Invece così perderanno la vita spirituale. Noi non dobbiamo salvarci fisicamente, ma risvegliare gli altri. Gesù ci dice: «Se voi tentate di salvare la vita, siete egoisti e perderete quella spirituale». Quindi bisogna prepararsi ad essere pronti, per poter “guidare” e risvegliare un popolo che, con tutto quello che succederà, andrà alla deriva.

Vi faccio un esempio. I nonni hanno raccontato ai nostri genitori e a molti di noi, che in tempo di guerra la gente viveva nella disperazione e nella miseria, con un pezzo di pane campavano in dieci, tant’è che mangiavano persino i topi. Tutto questo rappresenterà una ricchezza di fronte a ciò che succederà e se non saremo pronti, ci assalirà la paura che ci distruggerà e periremo prima degli altri. Invece dobbiamo prepararci: questo si chiama stato di coscienza e si fa con la preghiera e con l’Opera. Dovete stare attenti ai Segni, perché un’altra tentazione che vi arriverà, anzi già è in corso, è che ci potremmo distrarre dai Segni, visto che stiamo pensando solo a lavorare.
Certamente si deve fare, ma occorre prestare attenzione ed essere riconoscenti con Dio che ci chiama e parla attraverso di essi. A volte li consideriamo scontati, perché comunque seguiamo Giorgio e crediamo, così dimentichiamo di pregare e di comprendere i Segni; e sbagliamo. Non sono grandi per ora, è vero, lo riconosco, ma ci sono e vengono sempre da Cristo. Grandi o piccoli che siano, per me ogni Segno è gigantesco, anche una macchiolina nel tetto fatta da Lui. Dobbiamo stare attenti ai Segni. Sempre.

D: Le opere possono essere carità, perdono, preghiera e sopportazione?

Giorgio: Si, ma ne manca uno e lo devi mettere al primo posto: “il senso della giustizia”. Senza senso della giustizia non c’è carità, non c’è perdono né amore. Solo allora siamo d’accordo.

D: Giustizia, pace e amore.

Giorgio: Sì, la prima parola deve essere Giustizia, non perché essa sia più importante dell’Amore; sbagliate a pensare così. L’Amore è la cosa essenziale, perché rappresenta la Creazione, la forma espressiva dello Spirito Creante che, quando crea o ha creato, non ha espresso quella forma della Creazione, che io chiamerei geniale, con la parola Giustizia: l’ha manifestata con la parola Amore, che è la base principale dell’Universo. La Giustizia è l’ordine delle cose e dove c’è il caos, questa interviene.

D: Perché la collochi al primo posto?

Giorgio: La metto al primo posto perché sulla Terra l’uomo non sa amare, nel sentimento spesso mette l’egoismo, il materialismo, addirittura l’odio e questo crea il caos. Ecco perché la prima parola sulla Terra deve essere la Giustizia. Quando c’è Giustizia c’è l’equilibrio, puoi amare e mettere in pratica la pace.

Il 15 Agosto a Polcenigo Giorgio riceve un messaggio dalla Santa Madre.

Questo messaggio dimostra che la cosa che più di ogni altra il cielo vuole da noi oggi, figli della terra, è di “attivarci” come mai prima per risvegliare ai valori dello spirito le coscienze addormentate nel materialismo e per lottare contro i criminali e contro le ingiustizie; anche a costo della vita.

madonnaadranoMichele35DAL CIELO ALLA TERRA

ANNO DOMINI 15 AGOSTO 2020:
 
LA MADRE CELESTE SANTISSIMA MIRIAM
IO CHE TANTISSIMO L’AMO HO ASCOLTATO E SCRITTO.
E LEI HA PARLATO E MI HA DETTO:
QUELLO CHE IO VOGLIO!
VOGLIO CHE I MIEI FIGLI, DISCEPOLI DI MIO FIGLIO IL CRISTO, RISVEGLINO LE ANIME ADDORMENTATE NEL BUIO DELLA MATERIA!
IO VOGLIO CHE TUTTI COLORO CHE SI PROCLAMANO MIEI SERVITORI E SERVITORI DI MIO FIGLIO, DIANO LA LORO VITA PER CERCARE LA VERITÀ E LA GIUSTIZIA NEL MONDO. IO VOGLIO CHE ESSI SI SCAGLINO CONTRO I VENDITORI DI MORTE, DI ARMI, DI DROGA!
IO VOGLIO CHE I MIEI FIGLI CHE PREDICANO IL ROSARIO E RECITANO IL PADRE NOSTRO SACRIFICHINO LA LORO VITA PER SOSTENERE I GIUSTI, SCHIERANDOSI CONTRO I CRIMINALI, CONTRO COLORO CHE SPECULANO SULLA PELLE DEGLI UOMINI, CONTRO I POTENTI, CONTRO I DITTATORI, CONTRO I CRIMINALI MAFIOSI GIÀ SCOMUNICATI E CONDOTTI, CON LA LORO ANIMA, VERSO LA MORTE SECONDA E L’INFERNO DELL’OSCURITÀ DELLA MATERIA!
IO VOGLIO CHE DEDICHIATE TUTTA LA VOSTRA VITA NON SOLO ALLA PREGHIERA MA ALL’OPERA, ALLE AZIONI! SONO LE AZIONI CHE DIMOSTRANO SE SIETE VERAMENTE APOSTOLI DI MIO FIGLIO IL CRISTO. NON VOGLIO LE PREGHIERE CON LE RICHIESTE DI RICCHEZZA, DI STABILITÀ ECONOMICA O DI GUARIGIONI. A ME INTERESSA LA PACE NEL MONDO, LA SALVEZZA DELLE ANIME, LA CONVERSIONE DEI PECCATORI, LA CONVERSIONE DI COLORO CHE DISPERDONO LE PROPRIE ENERGIE VITALI NELL’OBLIO DELLA MATERIA, OFFUSCATI DAL DIO DENARO.
QUESTO VOGLIO!
IO, LA MADRE SANTISSIMA, QUESTO VOGLIO!
SAPPIATELO! NON C’È ALTRO VOLERE MIO E DI MIO FIGLIO IL CRISTO, AL DI FUORI DI CIÒ CHE VI HO TRASMESSO ATTRAVERSO UN SERVO, LO SCRIVENTE, PORTANTE I SEGNI DELLA CROCE DI MIO FIGLIO DA OLTRE 30 ANNI DEL VOSTRO TEMPO.
IO VOGLIO CHE VOI SIATE TESTIMONI DELLA GIUSTIZIA.
QUESTO VOGLIO, NON VOGLIO ALTRO!
VOGLIO ACCOMPAGNARE QUESTO UOMO CON LE MIE LACRIME DI SANGUE E NON ABBANDONARLO MAI.
PACE!
HO RINGRAZIATO LA MADRE CELESTE, IO CHE TANTISSIMO L’AMO.
 
VOSTRO IN FEDE
GIORGIO BONGIOVANNI

Cronache dalle Arche 13 aprile 2013 Pordenone

D: È naturale avere paura anche nel cammino dell’Opera?

G: Si, ma bisogna sconfiggerla.

D: Non è peccato?

G: È peccato se perseveri nella paura o se la stessa ti fa segnare il passo, se ti fermi o diminuisci la velocità del tuo cammino. E' normale che ci sia la paura, l'importante è vincerla, ma non deve condizionarti. Se accadesse il contrario, allora stai commettendo peccato; se dopo aver intrapreso un cammino si rischia di cadere nella rinuncia è molto pericoloso, Gesù non ci perdonerà. Io non sono in grado di giudicare, quindi non posso dire: “Vi perdono”, può dirlo solo Gesù. Non posso aiutarvi se voi rinuncerete, non potrò fare più niente.

Voglio dire un’altra cosa, importante per tutti e per me stesso. Non posso usare i tuoi peccati per giustificare la mia rinuncia, la mia scarsa fede, la rabbia o la mia delusione. Se commetto dei peccati e li confesso, tu non puoi servirti del mio errore per rinunciare: farai la morte seconda. Se dopo aver sbagliato chiedo perdono e continuo nell’Opera, andrò nella Luce, mentre tu, che non hai commesso peccato, andrai nelle tenebre. Sono stato chiaro? Se io, con le stimmate, ho mancato e dico a Gesù: “Perdonami” Lui risponderà: “Sì che ti perdono, figliolo. Hai sbagliato, stai attento, ma ora va avanti”. Se tu non hai commesso errori, ma usi il mio peccato per fermarti e dire: “Giorgio ha compiuto questa colpa, sono deluso e ora faccio la mia vita”, farai la morte seconda ed io andrò nella quinta dimensione; perché sbagliando ho insegnato l’umiltà nel risollevarmi, quindi sono discepolo di Cristo. Nella tua arroganza, non aspettavi altro che io peccassi per rivelare la tua vera identità negativa.

Se mi dicessi: “Hai peccato? Va bene Giorgio, siamo umani. ci mancherebbe, andiamo avanti fratello”, restiamo umili e ci abbracciamo, Cristo ci premierà entrambi ed andremo con Lui. Questo facevano gli scribi e i farisei, questo fanno oggi i puritani, quelli che sono puliti senza peccato. Loro sono ipocriti e dentro sono marci, nel senso che non hanno coraggio, sono deboli: chi non opera o opera per altri fini, più personali che collettivi, cerca il peccato del fratello per rinunciare all’Opera. Chi invece sbaglia, a partire da Giorgio che porta le stimmate fino a Pietro discepolo di Cristo, e dona la vita, Gesù lo porta con Sé in Paradiso. Tutti coloro che non hanno peccato, ma non aspettavano altro che gli apostoli cadessero, sono andati all’Inferno, pur non avendo commesso peccati. Se capite questo, avete capito tutto del Vangelo; comprenderete anche il perché Gesù si sia portato dietro il criminale crocifisso ed abbia lasciato altri che non avevano commesso mai nessun reato, mandandoli all’Inferno.

SPOGLIARSI DI TUTTO PER LAVORARE SU NOI STESSI

In un incontro tenutosi a Buja il 24 febbraio 2019 Giorgio approfondisce in modo “disarmante” cosa significa “spogliarsi di tutto”, l’atteggiamento che dobbiamo adottare per realizzare l’“opera cristica” dentro di noi, l’arma più potente che abbiamo per vincere questa battaglia contro il male.

“Chi vuole seguirmi, rinunci a se stesso…”, Frammenti dell’incontro con le Arche (24 febbraio, 2019, Buja, Italia)
di Agustín Saiz
Michele36
Un contatto con i "Fratelli del cosmo"
 
…Gli extraterrestri, quando voi vedrete quell’astronave, vi spiegheranno queste cose, non credete più nelle sciocchezze che vi hanno insegnato. Guardate il Sole, è un mondo abitato da migliaia di milioni di angeli”. Quindi tutto ciò che abbiamo vissuto sulla Terra anche i vestiti che abbiamo addosso, a proposito dei vestiti la prima cosa che vi diranno spogliarvi nudi. Ci spogliamo nudi?! Quindi non possiamo vedere gli extraterrestri. Le cose che porti addosso hanno distrutto la Madre Terra e l’hanno inquinata, o ti spogli o sei complice e criminale come quelli che l’hanno inquinata. Ti mettono una tuta aderente alla tua pelle che può stare a qualsiasi temperatura a 200 gradi sopra lo zero a 200 gradi sotto lo zero, ed è sottile come il cotone, è una tuta sintetica costruita da loro con materiali naturali e ti dicono questi li devi portare per sempre, ogni vestito dura 200 anni, te lo puoi cambiare ogni tanto, sono sette colori e basta, quelli sono i vestiti, noi che ci vestiamo alla moda, seguiamo la moda ci spariamo…Tutto ciò a cui crediamo era falso per non parlare delle proprietà, delle case, dei mezzi di comunicazione, delle credenze spirituali. Noi viviamo in molte illusioni non tutte grazie a Dio ma molte ce le siamo create. Quando io vado negli Stati Uniti, adesso è da molto che non ci vado, non c’è una cosa vera, i quadri, le piante, le cascate… però se tu fai un documentario sembra tutto straordinario ma non è vero niente. Questo è il mondo che ci siamo creati noi.
“...ci ha colpito il messaggio (l’anticristo è cristiano) perché noi siamo dentro quella lista, l’anticristo è manche in mezzo a noi perché noi siamo cristiani. Quindi se ti ha colpito è perché hai sentito nel tuo spirito che quel messaggio è rivolto anche a noi. Noi siamo un po’ migliori dei cristiani cattolici perché abbiamo fatto una scelta di seguire la verità ma noi dobbiamo diventare puri. Siamo sulla strada perché ci sono io, un messaggero, ci sono dei segni ben precisi ma non è tutto. È un avvertimento anche per noi che nella parte finale quando dice ‘se non odiate tuo padre e tua madre i tuoi fratelli, se non ti spogli di tutto non sei degno di seguirmi (Luca 14-26)…Onestamente ancora noi non lo stiamo facendo del tutto. Quando lo faremo del tutto noi vedremo l’anticristo e avremo il potere di smascherarlo e di abbatterlo, ma adesso che non lo stiamo facendo del tutto, noi non lo percepiamo, ci chiediamo quanto tempo passerà, quando tornerà Cristo? Dov’è l’anticristo? Come si chiama? E questo non riusciamo ancora anche se siamo sulla buona strada e ci stiamo sforzando veramente mettendoci l’anima ma ancora non abbiamo fatto tutto quello che Gesù ci chiede in quel passo. Come me ne accorgo che lo sto facendo? Te ne accorgi che vedi l’anticristo, non c’è bisogno che ti dirò io il nome e cognome, te ne accorgi che vedrai Gesù seduto vicino a te, magari non lo vedi, lo percepisci, lo senti, lo servi. Anche noi ci dobbiamo spogliare di certi meccanismi che ci fanno paura, perché noi è l’unico peccato in questo momento di debolezza che abbiamo, non è che non ci crediamo, noi ci crediamo noi stiamo dando tutto il nostro cuore c’è una cosa che ancora è anti cristica in noi la paura…la paura che se io ti dico adesso alzati vieni con me lascia tua moglie e tuo figlio i tuoi genitori tuo marito e accompagnami a Palermo e non li vedrai mai più tu non ti alzi subito, ci pensi, hai paura se hai paura pensi che io possa essere tentato da qualcuno che ti vuole dissuadere… Qualunque persona qui dentro non direbbe subito si…dobbiamo essere onesti. Non si tratta di essere degni o no. Riconosciamo con umiltà che siamo nel percorso, ci stiamo lavorando, ci stiamo mettendo tutto noi stessi.…
Dobbiamo essere pronti a quel giorno dove Gesù attraverso qualcuno che posso essere io, può essere padre Pio, può essere un segno chiaro…uno che non devi discernere, che ci dirà vieni o fai questo. E quel giorno noi siamo in grado di sconfiggere l’anticristo perché vedi l’anticristo non sarà sconfitto da Putin nella terza guerra mondiale, se mai Putin lo mette in difficoltà.
 
eschatusMichele37
La morte dell’Anticristo. Immagine di Bruce Pennington
 
putincarriarmati
Il Presidente russo Vladimir Putin
Esercito russo nella Parata del 75° anniversario della vittoria sul nazifascismo 9 maggio 2020 "Giorno della Vittoria"

L’anticristo sarà sconfitto quando noi avremo fede totale e ci spogliamo di tutto…I due testimoni nella Bibbia sono descritti vestiti di sacco. Che significa che i due testimoni indicheranno la faccia dell’anticristo vestiti di sacco? Cosa significa? Che si mettono la tunica? Significa che sono nudi senza niente, quindi nel momento in cui non hanno nemmeno la maglietta, è un modo di dire no? Hanno il potere di dire all’anticristo muori e lui muore ma se io lo incontro di nuovo a Roma mi chiama e io gli dico muori… lui si mette a ridere. Perché io devo essere nudo, capisci simbolicamente, io non devo avere nessuna paura di lasciare Sonietta, Sonia, Our Voice, AntimafiaDuemila, 20 euro che ho in tasca, non devo avere paura di niente, sicuro al cento per cento, e quello morirà. Quindi dobbiamo lavorare molto su noi stessi. Cioè non è un frustarmi, è un impulso perché se noi pensiamo che quel messaggio è solo rivolto ai cattolici…è rivolto anche a noi, a noi nel nostro piccolo, perché grazie a Dio noi non abbiamo palazzi, non abbiamo regioni, non abbiamo voti da prendere, non abbiamo governi, dobbiamo solo lavorare dentro noi stessi, quindi è rivolto anche a noi.

eschatusMichele40

L’albero sterile viene abbattuto di fronte ai due Testimoni, i Profeti Enoch ed Elia, in forza di quanto è stato detto, scritto e tramandato: “Ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco”. Immagine di Bruce Pennington Nuova Poseidonia n. 7 Giugno/Luglio 2016

CONCLUSIONI

Fra le persone che seguono l'opera Giovannea si sente spesso dire: “non c'è più tempo!...manca poco!”...a volte con gioia per il ritorno di Gesù, a volte con timore per paura di perdere la propria vita nella grande tribolazione che lo precederà.
Dal punto di vista umano è comprensibile un simile atteggiamento; l'emotività e la paura sono sempre state insite nella vita umana.

Nell’intervista del 31 Gennaio 2021 di Pier Giorgio Caria a Giorgio Bongiovanni viene annunciata quella che potrebbe rappresentare l’ultima speranza di salvezza per l’umanità:

Giorgio: ...Però c’è una sorpresa, c’è una grande civiltà che vuole apparire al mondo..e fare vedere per qualche giorno un altro mondo, un altro universo, che non è il nostro, molto più bello….mi aspetto un contatto massivo fra gli extraterrestri e gli uomini...di fatto loro sono già qui in mezzo a noi; ci sono 7000000 di extraterrestri che circolano in mezzo a noi e questi 7000000 stanno “inculcando” determinati valori a questa società; non ce la faranno a fare tutto perché rischiano di essere eliminati….e poi interverranno i loro fratelli che si manifesteranno a tutto il mondo e quindi il mondo si fermerà, finalmente alcuni giorni ad ascoltare questi esseri; poi non lo so cosa sceglierà ma ci sarà questa grandissima manifestazione...posso sbagliarmi; ma ti devi augurare che non mi sbagli perché se mi dovessi sbagliare sarebbe la fine di quest’umanità, inesorabilmente; quindi auguratevi che non mi sbaglio rispetto al contatto fra gli extraterrestri e la razza umana….un ultimo avviso dove la non accettazione dei loro consigli per cambiare la nostra vita sarebbe la nostra fine…..sarebbe una grande sconfitta di tutti quegli esseri che “non sono di questo mondo”, che hanno dato la vita a questo mondo e poi si ritrovano con la distruzione di questo mondo.
 
Verrebbe spontaneo quindi aspettarci la salvezza da queste civiltà, da questi fratelli maggiori; ma oggi possiamo fare di più; oggi ci viene chiesto di metterci al servizio di Cristo, quì e ora, anche se ancora non lo possiamo vedere ne toccare; abbiamo gli eletti che il padre ci ha dato per poter credere in lui, abbiamo avuto innumerevoli segni per convincerci della sua presenza; dobbiamo solo renderci “disponibili” e predisporci all’ascolto e all’accoglienza di questa coscienza più vasta, per poi lasciarci guidare e adempiere alla nostra missione nel migliore dei modi possibili, sforzandoci al massimo.

Il 26.01.2019 in una Conferenza tenutasi a Milano dal titolo “Il Cristo Cosmico” Giorgio Bongiovanni afferma: «Cristo è l’acqua che entra in Gesù, in Giovanni, in Giovanni Battista, in te e in me, se lo vogliamo servire ma l’acqua è sempre quella».

La massima espressione dell’energia Cristica in questo pianeta è stata Gesù di Nazareth; voi dovete cominciare ad entrare in questa “dimensione”: non esiste nell’universo l’individualità “separata”; nelle dimensioni superiori non c’è più l’ego, c’è il noi; questo concetto ce l’ha espresso perfettamente Cristo, pur sapendo che lui era il figlio e non il Padre, quando ha detto “perché io e il Padre mio siamo una cosa sola”; perché nelle dimensioni superiori l’evoluzione avviene attraverso la compenetrazione; dovete cominciare ad entrare in quest’ottica: perdere l’ego ed acquisire il “noi”».

Oggi siamo chiamati a divenire noi “corpo mistico del Cristo”, affinché possiamo percepirne la presenza anche in mezzo alle difficoltà e prepararci ad accoglierlo con tutto noi stessi.

A Polcenigo, il 15 Agosto 2020 dopo aver ricevuto il messaggio della Santa Madre, Giorgio ci ha detto: «Non dovete avere nessuna paura! Cristo è già tornato; il Signore dice “presto tornerò!” ma noi non dobbiamo stare ad aspettarlo, perché lui è già qui in mezzo a noi, quindi dovete essere felici».

gesùbussaMichele42
Cristo bussa alla porta del nostro cuore per donarci la luce della conoscenza

Niente ci verrà regalato, ma tutto è in offerta; starà a noi decidere se accettare o rifiutare la “chiamata” per divenire, un giorno forse, “eletti”. Se riusciremo a cambiare la direzione del nostro cuore, se riusciremo a spenderci al massimo per la causa della vittoria del bene sul male, sotto la guida di questi “Maestri”, imitandoli e prendendoli ad esempio, facendo nostro il loro stesso cuore, allora, forse, acquisiremo i valori quadridimensionali e potremo essere considerate persone migliori, diverse, degne di un nuovo mondo, illuminato dal ritorno del “Sole cristico”; quel Sole accecante che solo l’Aquila Giovannea non ha mai temuto di vedere in volto e che i suoi figli da sempre attendono con certezza assoluta, per compiere quel passo definitivo verso la loro vera patria, il cosmo.

adoniesisMichele41

Fonti:

https://www.thebongiovannifamily.it/messaggi-celesti/2014/5706-il-segno-di-fatima-e-lapocalisse-di-giovanni-25-anni-dopo.html

https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/perle-di-saggezza/4995-gli-eventi-celesti-e-i-testimoni-della-chiesa-giovannea.html

https://www.thebongiovannifamily.it/pier-giorgio-caria-sp-1156758028/9023-il-messaggio-del-cosmo-della-terra-e-dei-crop-circles-2-parte-2.html

https://www.thebongiovannifamily.it/messaggi-1999-1990/messaggi-1991/3910%e2%80%94la-casa-del-padre%20mio-non-e-fatta-di-pietra.html

https://www.thebongiovannifamily.it/images/nuova-poseidonia/Nuova-Poseidonia-2016-07-web.pdf

https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/la-posta-di-giorgio-bongiovanni/6685-sonia-24a.html

https://www.thebongiovannifamily.it/messaggi-celesti/2020/8603-la-madre-celeste-santissima-miriam.html

https://www.giorgiobongiovanni.it/cronache/cronache-dalle-arche/7909-non-abbiate-timore-io-sono-qui.html

https://www.giorgiobongiovanni.it/2-non-categorizzato/7932-l-anticristo-e-cristiano-2.html)

https://www.youtube.com/watch?v=7RZ-G2Tzctg&t=3499s

https://www.youtube.com/watch?v=dcy156gQyn0&t=3639s

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea 

Siti amici

220X130_mystery





Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

LIBRI

banner libri marsili

lavocedelsole200 1

 

 


 

 

 

tapa libroGB Giovetti1

cop dererum1

ilritorno1

books11copertina italiano140