Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

piccoloprincipeDi Marusca Ricci

Il suo nome è Giovanni
Giovanni ha due anni, capelli castano chiari occhi profondi come l’Oceano e dolci come un frutto maturo. Lui ti corre incontro quando ti vede e ti fissa dritto negli occhi come voler esplorare le profondità della tua anima e tirare fuori quell'amore e quella dolcezza seppellite nel dolore.

Non si vede bene che con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi.**

Lui vive l'attimo e cerca, attorno a sé, ciò che non conosce per poter farne esperienza, renderlo parte di sé stesso per non perderlo mai più.

Per favore addomesticami...

Volentieri, ma non ho tempo. Ho da scoprire degli amici e conoscere molte cose

Non si conoscono che le cose che si addomesticano. Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico addomesticami

Giovanni ti fa sempre partecipe di ciò che fa, vuole che tu beva nel bicchiere dove beve lui o ti offre un pezzo di pane che sta mangiando. Lui raccoglie una fragola nell'orto e te la dona.

È il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha reso la tua rosa così importante.

Ti chiede la mano quando non riesce a fare le scale e ti allunga le braccia quando vuole esplorare qualcosa di cui però ha un po' di timore.

Ho fatto di te il mio amico e ora, per me, sei unico al mondo.

Giovanni ancora non parla con le nostre comuni parole, lui ha il suo modo di esprimersi, talvolta molto più espressivo del nostro linguaggio. Imita i rumori e chiama le persone con appellativi tutti suoi personali.

Gli adulti non capiscono mai niente da soli ed è una noia che i bambini siano sempre eternamente costretti a spiegar loro le cose.

Giovanni ha una piccola pianola che ha imparato ad usare senza che nessuno gli abbia insegnato. In realtà lui ha fatto sempre tutto da solo. Ha cominciato ad allungare la manina per prendere il cibo quando era il momento dello svezzamento e così per il camminare, a poco a poco sperimentando ha conquistato i suoi primi passi.

I grandi amano le cifre. Quando voi gli parlate di un nuovo amico, mai si interessano alle cose essenziali. Non si domandano mai: “Qual è il tono della sua voce? Quali sono i suoi giochi preferiti? Fa collezione di farfalle?” Ma vi domandano: “Che età ha? Quanti fratelli? Quanto pesa? Quanto guadagna suo padre?” Allora soltanto credono di conoscerlo.

Giovanni sa ballare, ma nessuno gli ha mai insegnato. I suoi giochi preferiti sono i vari piccoli elettrodomestici che la sua casa gli offre. Ama tagliare l'erba e imitare chi fa bricolage.

Giovanni è stato 10 mesi nel grembo di sua madre. Lui sapeva quanto fosse importante la madre per poter crescere in sapienza e grazie e ha voluto rinsaldare questo legami d'amore istruendola nell'intimo della sua anima .. è stato necessario un mese in più...

Dal dialogo fra il Piccolo Principe e la volpe:

… Vieni a giocare con me sono così triste

Non posso giocare con te non sono addomesticata

Cosa significa?

È una cosa da molti dimenticata, significa creare dei legami... tu finora non sei che un ragazzino uguale a centomila e non ho bisogno di te e neppure tu hai bisogno di me. Ma se tu mi addomestichi noi avremo bisogno l'uno dell'altro: tu sarai per me unico al mondo e io sarò per te unica al mondo...

Che cosa bisogna fare?

Bisogna essere molto pazienti. In principio tu ti sederai un po' lontano da me... Io ti guarderò con la coda dell'occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po' più vicino... Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi, alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Col passare dell’ora aumenterà la mia felicità. Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi e ad inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità!... sarebbe meglio che tu venissi sempre ad un orario così io potrò prepararmi il cuore...

Giovanni è il mio Maestro preferito

**dal libro Il Piccolo Principe di Antoine De Saint-Exupery

77º anniversario della morte di Antoine De Saint-Exupery

Marusca Ricci
31 luglio 2021

Allegati:

- 26-07-21 Bambini e miniere
https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/cronache-dalle-arche/cronache-dalle-arche-2021/9137-bambini-e-miniere.html

- 12-07-21 Il Ritorno in Italia
https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/cronache-dalle-arche/cronache-dalle-arche-2021/9121-il-ritorno-in-italia.html

- 26-12-20 Io sono spirito eterno
https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/cronache-dalle-arche/cronache-dalle-arche-2020/8801-io-sono-spirito-eterno.html

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea 

Siti amici

220X130_mystery





Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

LIBRI

banner libri marsili

lavocedelsole200 1

 

 


 

 

 

tapa libroGB Giovetti1

cop dererum1

ilritorno1

books11copertina italiano140