Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

Tierra Omar1Di Omar Cristaldo e Claudio Rojas

INTRODUZIONE

Nuovamente con voi dall'Associazione del Cielo a la Tierra, Paraguay, nel programma “Verdadera Justicia”, tramesso da un canale comunitario di Santiago del Cile che ci permette di condividere con il pubblico i messaggi che ci giungono dal Cielo alla Terra attraverso i suoi intermediari, come lo sono Eugenio Siragusa e Giorgio Bongiovanni che, sin dagli anni ‘60 il primo, e dagli anni ‘90 il secondo, stanno ricevendo, diffondendo e informando tutta la cittadinanza sui messaggi di ammonimento, di avvertimento, e di consolazione che gli extraterrestri di oggi, angeli di ieri, trasmettevano loro.
Oggi il tema che vogliamo trattare è di attualità, per risvegliare coscienze, non solo dal punto di vista mistico spirituale, ma anche dal punto di vista scientifico.

 

SITUAZIONE SULLA TERRA E I SUOI ABITANTI NEL XXI SECOLO

Oggi come oggi è un dato di fatto che: Il cambiamento climatico è provocato dall'uomo, cioè che l'uomo con il suo modo di agire sta causando un'alterazione pericolosa e generalizzata nella natura, che influenza la vita di migliaia di milioni di persone in tutto il mondo, nonostante gli sforzi che si sono fatti per ridurne l’impatto. Le persone e gli ecosistemi meno in grado di far fronte alla situazione sono i più colpiti, come affermano gli scienziati nell'ultimo report del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC).

La salute, la vita e i mezzi di sussistenza delle persone, così come i beni e le infrastrutture critiche, compresi i sistemi di energia e trasporto, si vedono sempre più colpiti dai pericoli delle ondate di caldo, temporali, siccità e inondazioni, e anche dall’innalzamento del livello del mare.

In Giappone si è discusso sul rapporto dell’Onu: Incertezza, rischio, crisi, pericoli globali, caos… sono alcuni dei concetti più ricorrenti (Iván Gil - 26/03/2014).

Per redigere questo rapporto dell’ONU ha partecipato un gruppo intergovernativo composto da 60 scienziati e rappresentanti di un centinaio di paesi. Il documento non si limita a descrivere l'attuale impatto ambientale, come in precedenti occasioni, ma focalizza l’attenzione sull'analisi delle minacce contro la civiltà. Le sue conclusioni non sono affatto incoraggianti e vanno a rafforzare gli stessi avvertimenti lanciati in un recente studio finanziato dalla Nasa.

Le catastrofi naturali che ci hanno colpito l’anno scorso, insieme agli effetti del clima estremo, con siccità, ondate di caldo, inondazioni e cicloni, hanno lasciato al loro passaggio gravi problemi di rifornimenti, iperinflazione e tentativi di rivolta. L’attenzione dell'ONU adesso non si incentra più sul disgelo dei ghiacciai o sul pericolo rappresentato per gli orsi polari dall'alterazione del loro habitat.Questa volta vengono indicate le serie difficoltà che affronterà la civiltà in un periodo non molto lontano, tra quattro o otto decenni. Ora la sfida è “cercare la sopravvivenza della specie umana”. Un punto di svolta nelle letture climatiche che, secondo Michel Jarraud, segretario generale dell'Organizzazione Meteorologica Mondiale, “è il risultato dell'azione umana”.

È quanto ci dice questo rapporto, ma ci sono molti altri rapporti elaborati nel corso degli anni.
Alle parole di Michel Jarraud “è il risultato dell'azione umana”, io aggiungo “del cattivo operato dell’uomo”.

Vogliamo condividere con il pubblico una parte del messaggio di Sethun Shenar del 11 Marzo 2011 portato a conoscenza dell'umanità per riuscire a comprendere la natura del pianeta Terra e quella dell'Uomo:

“VI ABBIAMO DETTO CHE LA TERRA È UN ESSERE COSMICO ED È UNA ENTITÀ VIVENTE CON I SUOI ANTICORPI E CON IL SUO METABOLISMO.
ELLA REAGISCE CON FORZA E SI DIFENDE DAGLI ATTACCHI DEI VIRUS CHE AVREBBERO DOVUTO ESSERE AL CONTRARIO ENZIMI LABORIOSI ED UBBIDIENTI (UOMINI)”.

E ancora vi proponiamo alcuni paragrafi di un comunicato di Setun Shenar e la Fratellanza cosmica del 4 agosto 2013:
SIETE DELLE IDROVORE. AVETE DIVORATO TUTTO E VORRESTE DIVORARE ANCHE L'ANIMA DELLA MADRE TERRA. IL RISULTATO DEL VOSTRO CANNIBALISMO È MORTE, FAME, PESTILENZE E INQUINAMENTO GLOBALE. POCHI UOMINI, I PADRONI DEL MONDO, HANNO VISSUTO SULLA PELLE UMANA INNOCENTE E DEBOLE. QUESTO PECCATO MORTALE SARÀ SEVERAMENTE SANZIONATO DALLA GIUSTIZIA DIVINA, LA QUALE, SOPRATTUTTO TRAMITE LE FORZE DELLA NATURA, INTERVERRÀ DRASTICAMENTE PURIFICANDO IL MONDO.
https://www.thebongiovannifamily.it/messaggi-celesti/2013/5063-report-pianeta-terra.html

Messaggio di ammonimento e di prevenzione principalmente per coloro che hanno in mano le sorti del mondo e se ne considerano i padroni.
Vediamo e analizziamo la situazione della Terra e dei suoi abitanti in pieno secolo XXI. Grazie ai rapporti della NASA e dell’ONU possiamo conoscere quali sono le minacce alle quali siamo esposti. Prima lo ha dichiarato la NASA e adesso l’ONU: il colasso della civiltà è vicino.
https://www.elconfidencial.com/alma-corazon-vida/2014-03-26/primero-lo-dijo-la-nasa-y-ahora-la-onu-el-colapso-de-la-civilizacion-esta-proximo_106883/

La NASA lo definisce: IL MODELLO MATEMATICO DELLA ‘TEMPESTA PERFETTA’. Uno studio della NASA allerta sul collasso della civiltà (in pochi anni).
Il disastro della civiltà sul quale mette in guardia lo studio del Goddard Space Flight Center (Centro Spaziale dei Voli Goddard) si focalizza sulla disuguaglianza economica e lo sfruttamento di risorse.
Lo studio conclude che la principale minaccia contro la civiltà non proviene dall'esterno, bensì dagli stessi umani (Por Iván Gil-20/03/2014 - 06:00 Aggiornato: 25/03/2014 - 19:22).

Diversi studi di ogni tipo e condizione hanno rimarcato negli ultimi mesi l'aumento della disuguaglianza sociale in tutti i paesi del mondo o, che è la stessa cosa, il divario tra ricchi e poveri. L'organizzazione umanitaria Oxfam informava un mese fa che oltre l’82% della ricchezza mondiale è nelle mani del 1% della popolazione.

Nonostante il carattere apocalittico dei suoi avvertimenti, bisogna ricordare le coincidenti conclusioni di un'altra serie di studi, sia in ambito privato che pubblico. Tra questi lo Stress di Risorse di KPMG o Lo stress di Alimenti, energia, acqua e clima: una tempesta perfetta di eventi globali, elaborata dal comitato scientifico del Governo britannico. Tutti loro concordano sul fatto che la convergenza delle crisi alimentari, energetiche e dell'acqua potrebbero creare una "tempesta perfetta."

L'ONU ha informato sull’incertezza, rischio, crisi, pericoli globali, caos… I rischi e le minacce per la civiltà sarebbero dovuti alla diminuzione di risorse, che porterebbe ad incentivare la guerra per il controllo delle risorse della Terra e l’accesso a beni di prima necessità, si legge nella parte preliminare del rapporto “incoraggiando gli Stati ad assumere nuove sfide e a porre in essere, sempre di più, le politiche di sicurezza nazionale”.

E sottolinea l'aggravamento dei fenomeni meteorologici estremi che già sta causando una minore sopravvivenza di specie animali e vegetali, diminuzione della resa agricola, aumento di malattie associate all'inquinamento e lo spostamento di grandi masse di popolazione. Una destabilizzazione degli attuali “equilibri” che metterebbe a rischio la continuità della civiltà, secondo gli esperti che si sono basati su centinaia di studi precedenti presentati all'opinione della comunità scientifica. “É molto chiaro, non siamo preparati per affrontare questo tipo di situazioni”, riconosceva dopo un incontro l'autore principale del rapporto, Chris Field, all'agenzia Associated Press.

Proponiamo ancora una parte del messaggio di Setun Shenar e della Fratellanza cosmica del 4 Agosto 2013, che fa riferimento agli avvenimenti futuri che accadranno a causa del cattivo operato dell'uomo, già annunciati dagli extraterrestri:
http://www.unpuntoenelinfinito.com/messaggi-celesti/2013/5075--report-planeta-tierra.html

… ADESSO SIETE SULL'ORLO DEL PRECIPIZIO ED IL PIANETA TERRA, PER LEGGE DI CAUSA - EFFETTO E DI SOPRAVVIVENZA, È IN FASE DI REAZIONE VIOLENTA CONTRO GLI ENZIMI UOMINI TRASFORMATISI IN VIRUS NOCIVI E MORTALI.
GLI TSUNAMI, I TERREMOTI CATASTROFICI, LE ERUZIONI VULCANICHE APOCALITTICHE E TANTE ALTRE CATASTROFI NATURALI PRODURRANNO UNA NUOVA DERIVA DEI CONTINENTI E UN NUOVO ASSESTAMENTO DEL GEOIDE. COME GIÀ VI ABBIAMO DETTO IN PRECEDENTI COMUNICATI NOI, EXTRATERRESTRI, ABBIAMO UN PIANO DI INTERVENTO STRATEGICO PER POTER PORRE IN SALVO ALCUNI MILIONI DI ESSERI UMANI IDONEI A POTER EREDITARE UN NUOVO CIELO ED UNA NUOVA TERRA. VI È STATO PROMESSO UN NUOVO REGNO DI PACE E D’AMORE DAL GENIO SOLARE CRISTO E QUESTA PROMESSA SI COMPIRÀ, SIATENE CERTI!
https://www.thebongiovannifamily.it/messaggi-celesti/2013/5063-report-pianeta-terra.html

Continua il rapporto dell'ONU: Alcuni rischi potrebbero essere raggruppati in cinque grandi blocchi: Violenza e scontri tra paesi per l'accesso alle risorse. Per la prima volta, il gruppo di esperti ha sottolineato l'associazione tra riscaldamento globale e conflitti bellici che diverrà un fattore di destabilizzazione che accrescerà i motivi di scontro.

Le ripercussioni oltrefrontiera (riduzione dei ghiacciai del pianeta, delle fonti di acqua o delle risorse alimentarie) “hanno il potenziale di aumentare la rivalità tra stati”. Un buon esempio è il fenomeno climatico di El Niño, in grado di alterare la disponibilità di alimenti base in numerosi punti del pianeta, causando problemi di rifornimento, iperinflazione e, in ultima istanza, rivolte sociali, come analizzato di recente in Valore Aggiunto.

Questo provocherà l'aumento del prezzo degli alimenti e 'punti caldi' di fame. I prezzi di alimenti e materie prime agricole aumenteranno tra il 3 e l’84 % fino all'anno 2050. Per ogni grado centigrado di aumento del riscaldamento globale, le risorse di acqua potabile diminuirebbero del 20%. Simultaneamente, i rischi di inondazioni, specialmente in Europa ed Asia, aumenterebbero sensibilmente a causa dell'emissione di gas a effetto serra, in linea con le tesi di James Lovelock, autore della nota e ormai consolidata Ipotesi Gaia.

Il crescente inquinamento dell'acqua diventerebbe fonte di trasmissione di infezioni. Disuguaglianza economica e generalizzazione della povertà. I poveri saranno più poveri, la classe media perderà potere d'acquisto e i ricchi saranno più ricchi. Disuguaglianze economiche che creano le basi di un possibile collasso della civiltà, come annunciava il citato studio della Nasa. Malattie croniche e aumento delle infezioni. La cattiva alimentazione, le ondate di caldo o l'inquinamento aggraveranno i problemi di salute della popolazione.

Questo rapporto sulla situazione catastrofica che si presenterà in un futuro non lontano riporta in auge Le Tesi Di JAMES LOVELOCK (James Ephraim Lovelock fu un medico, meteorologo, scrittore, inventore, chimico atmosferico ed ambientalista inglese, famoso per l'Ipotesi Gaia che vede la Terra come un sistema autoregolato).

Sostiene che siamo nel Conto alla rovescia quindi dice: “Godi finché puoi, il collasso mondiale arriverà in 16 anni”, diceva nel 2014.
Le tesi catastrofiste dello scienziato Lovelock, pubblicate alcuni anni fa, ora sono divenute attuali. Perché? Un esempio sono le oltre mille abitazioni inondate a causa del temporale in Inghilterra (Efe), le grandi inondazioni in Cina, etc. (Iván Gil - 20/02/2014).

L’anno zero sarebbe attorno al 2030 secondo il calendario romano. Solo un 20% della popolazione riuscirebbe a sopravvivere al collasso ambientale. Senza acqua, senza elettricità, senza aria pulita per respirare e con gran parte della crosta continentale sommersa dall'acqua. Così descrive il paesaggio della Terra tra 16 anni uno degli scienziati britannici più celebri che ha meritato il riconoscimento dei suoi colleghi per aver anticipato, con esattezza matematica, il futuro dell'umanità. Ricordiamo che Lovelock lo disse nel 2014 ed ora siamo già nel 2022, mancano 8 anni per il 2030.

È certo che le teorie apocalittiche sulla fine del mondo attirano sempre più adepti, ma il repentino clima estremo e i disastri naturali che stanno colpendo diversi luoghi della terra in queste ultime settimane, con piogge torrenziali e inondazioni, hanno attirato l’attenzione sull’uomo che lo aveva segnalato con diversi anni di anticipo. Lovelock disse che tra dieci anni Londra sarebbe rimasta sotto il livello del mare, e visto quello che sta accadendo i britannici si chiedono seriamente se non era tanto sbagliato quello che diceva a suo tempo. Gli studi su ambientalismo e cambiamento climatico sono quelli che hanno dato più prestigio a Lovelock. Grazie a questi, nel 1965 riuscì già ad anticipare con dovizia di particolari la situazione climatica del pianeta dell'anno 2000. Ora afferma che non si può più tornare dietro. Londra finirà sotto il livello del mare. Il clima sarà estremo, antartico e desertico, causando grandi devastazioni globali, spiega l'ambientalista.

Tuttavia, la reazione di Gaia non si fermerà qui. Due decenni dopo, l'Europa sarà un gran deserto dominato dal clima subsahariano. O quello che rimarrà del continente, perché alcuni paesi, come Regno Unito o Irlanda, saranno scomparsi, assorbiti dall'aumento del livello del mare. “La Tierra se agota” è l'ultimo libro del britannico, pubblicato in Spagna da Planeta. Come nel caso di ‘La rivolta di Gaia’, più che un avvertimento un campanello d’allarme, la constatazione di un fenomeno irreversibile provocato dall'azione dell'uomo.

Molti condividono l'idea di Lovelock che “è troppo tardi per evitare la catastrofe”. Per lo scienziato britannico “non abbiamo tempo. Tutte le politiche verdi, come il cosiddetto sviluppo sostenibile, sono parole che non avranno alcun effetto reale nel pianeta”, diceva già cinque anni fa. Tutte le misure adottate per frenare il cambiamento climatico, dice, "non servono a ridurre l’impronta di carbonio". Sono poco più che meccanismi per pulire la coscienza.

Afferma anche che riciclare “è una perdita di tempo e di energia” che il rimboschimento per compensare le emissioni di carbonio “peggiora ancora di più le cose” o che prendere decisioni di consumo ecologiche sono solo “gesti per apparire”.

“L’80% della popolazione mondiale sparirà”. Da quando è nata la vita sulla Terra ci sono stati solo sette disastri di questa portata. Di tutte le misure adottate per arrestare il cambiamento climatico, afferma lo scienziato, la più falsa e inutile di tutte, è l'energia rinnovabile.

Ora o mai più: le 4 conclusioni urgenti della relazione dell'ONU sul clima

Il nuovo rapporto dell’IPCC lancia lo stesso avvertimento per ennesima volta: per limitare il riscaldamento a livelli gestibili, il mondo ha solo pochi anni per smettere di utilizzare completamente i combustibili fossili (Kieran Mulvaney 5 Aprile 2022).

A meno che le emissioni globali di gas effetto serra raggiungano il punto massimo entro tre anni e diminuiscano di metà nel 2030, probabilmente il mondo sperimenterà numerosi impatti climatici estremi, secondo l’ultimo rapporto del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico, IPCC, dell'ONU.

Secondo il rapporto pubblicato ieri, Climate Change 2022: Mitigation of Climate Change, se non vengono prese misure urgenti, l'umanità non riuscirà a limitare il riscaldamento a 1,5 gradi Celsius, la soglia per un futuro con più incendi, siccità, temporali, ecc. Se si mantengono i livelli attuali, è probabile che le emissioni di gas effetto serra provochino il doppio di riscaldamento.

“Ora o mai più, se vogliamo limitare il riscaldamento globale a 1,5ºC", ha detto Jim Skea, copresidente del gruppo di lavoro dell'IPCC che ha elaborato il rapporto, in una conferenza stampa. “Senza una riduzione immediata e profonda delle emissioni in tutti i settori, sarà impossibile”.

I gas effetto serra nell'atmosfera della Terra hanno raggiunto i livelli più alti della storia dell'umanità. Le emissioni di questi gas sono scese bruscamente nel 2020 come conseguenza delle chiusure per la pandemia, ma nel 2021 si sono rialzate superando addirittura il record del 2019, quando hanno registrato un valore del 12% più elevato che nel 2010 e un 54% più alto che nel 1990, quando fu pubblicato il primo rapporto dell'IPCC.
“Siamo in un crocevia, ha aggiunto il presidente dell'IPCC, Hoesung Lee, nella sessione informativa. “Le decisioni che prendiamo ora possono garantire un futuro vivibile. Abbiamo gli strumenti e le conoscenze necessarie per limitare il riscaldamento”.

Alcuni dei punti chiave della relazione sono i seguenti:

La rivoluzione dell'energia pulita è sempre più economica.
Per avere la speranza di limitare il riscaldamento a 1,5ºC, l'uso di carbone deve diminuire del 95% in tutto il mondo, mentre il consumo di petrolio e gas deve diminuire del 60% e 45% rispettivamente, entro il 2050.

“Abbiamo, almeno in fase di indagine, sviluppo e dimostrazione, tutte le tecnologie di cui abbiamo bisogno per decarbonizzare la nostra economia, e quelle che ci mancano si potrebbero essere sviluppate rapidamente con le politiche adeguate”, ha affermato Genevieve Guenther, direttrice fondatrice di End Climate Silence ed autrice del libro The Language of Climate Politics. “Come abbiamo visto nella Seconda Guerra Mondiale, quando all'inizio alcuni utilizzavano un cavallo e una carrozza e alla fine ci siamo trovati a scindere l'atomo, gli esseri umani sono capaci di meraviglie quando si mettono in testa di farle”.

Attraverso i messaggi dal Cielo alla Terra diretti ai potenti che determinano l’andamento delle cose sulla Terra, già nel 2013 erano stati dati dei suggerimenti per riuscire a fermare, o frenare il riscaldamento globale. Condividiamo con voi una parte del seguente messaggio:

SETUN SHENAR COMUNICA:
A SUO TEMPO VI AVEVAMO SUGGERITO, ATTRAVERSO CONSIGLI ED ISPIRAZIONI, LE SOLUZIONI PER SUPERARE LA VOSTRA CRISI DI SOPRAVVIVENZA TRAMITE LO SFRUTTAMENTO DELL'ENERGIA SOLARE ED ALTRE FORME DI ENERGIE NATURALI ED INESAURIBILI. VI AVEVAMO ANCHE SEGNALATO CHE SOTTO LA SUPERFICIE DEL GRANDE CONTINENTE AFRICANO C'È UN OCEANO DI ACQUA PURA OLIGOMINERALE CHE AVREBBE SAZIATO LA SETE E LA FAME DI TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA. L'AFRICA È ANCHE IL TERRITORIO IDEALE PER INSTALLARE LA PIÙ GRANDE CENTRALE DI ENERGIA SOLARE TERMODINAMICA DEL MONDO CHE PUÒ SODDISFARE IL BISOGNO INDISPENSABILE DI ENERGIA DI TUTTE LE NAZIONI DEL VOSTRO PIANETA. I VOSTRI POTENTI, COME DITE VOI SULLA TERRA, HANNO FATTO ORECCHIO DA MERCANTE E, PER TALE RAGIONE, L'AFRICA E SUOI ABITANTI SONO STATI TRASFORMATI IN UN TERRITORIO DI MORTE, DI MALATTIE, DI SETE, DI FAME E DI GUERRE. COSÌ, SONO CADUTE NEL VUOTO LE SOLUZIONI CHE ALCUNI VOSTRI SCIENZIATI AVEVANO TROVATO GRAZIE ALLE NOSTRE ISPIRAZIONI.
4 Agosto 2013. Ore 17:00. G. B.
https://www.thebongiovannifamily.it/messaggi-celesti/2013/5063-report-pianeta-terra.html

Il nuovo rapporto climatico dell'ONU è un ultimatum devastante per la salute globale
La politica e la resistenza al cambiamento sono i principali ostacoli.

“Alcuni leader governativi e imprenditoriali dicono una cosa, ma ne fanno un'altra”, ha dichiarato il Segretario Generale dell'ONU, Antonio Guterres, a seguito della pubblicazione del rapporto. “In poche parole, stanno mentendo. E i risultati saranno catastrofici”.
Il rapporto dell'IPCC sostiene che “solo secondo considerazioni tecnologiche e di costi, la mitigazione delle emissioni per limitare il riscaldamento a 1,5°C è fattibile”. Gli ostacoli sono “la politica e le relazioni di potere e gli interessi dello status quo che bloccano le politiche climatiche, compresa l'eliminazione dei combustibili fossili. Questo include campagne di disinformazione che cercano attivamente di indebolire la fede nella scienza del clima”.

“È la prima volta che vedo dare tanta importanza alla disinformazione in una relazione dell'IPCC", afferma Alexander Barron, professore aggiunto di scienze e politiche ambientali nello Smith College della Massachusetts (Stati Uniti). “Come scienziato che si occupa di politica climatica, ho visto presunti esperti il cui messaggio è stato amplificato da think tank finanziati a favore dei combustibili fossili; ho visto attori contrattati per presentarsi in riunioni comunitarie; per me, è difficile dire fino a che punto c'è stata un'opposizione attiva ad avanzare nelle direzioni di cui abbiamo bisogno”.

Inoltre, la relazione segnala che il finanziamento delle energie rinnovabili "è molto al di sotto del necessario" e, in realtà, continua ad impallidire in confronto alle sovvenzioni concesse ai combustibili fossili. Conclude che il mero fatto di finire con quelle sovvenzioni potrebbe ridurre le emissioni di gas effetto serra di un 10 % per il 2030.

Urgente ma non impossibile: Qualificando la relazione di "momento decisivo per il nostro pianeta", John Kerry, l'inviato presidenziale speciale dell'USA per il clima, dice che "attualmente stiamo imbarazzandoci nella nostra battaglia per evitare le peggiori conseguenze della crisi climatica". Ma, aggiunge, "abbiamo gli attrezzi necessari per raggiungere i nostri obiettivi, ridurre le emissioni di gas effetto serra alla metà entro il 2030, raggiungere il livello zero nel 2050 ed assicurare un pianeta più sano e pulito."

"La maggiore incertezza della relazione dell'IPCC è che cosa la gente farà, e questo non è fuori del nostro controllo. Possiamo scegliere tra una strada o l'altro. La questione è quanto lotta la gente per tutto questo."

Cambiamento climatico: 6 punti di "non ritorno" che probabilmente si oltrepasseranno, secondo un nuovo studio, Esme Stallard, BBC News, reporter di Scienza e Clima - 10 settembre 2022
coralli omarCoralli in Australia

I coralli non sopravvivono se la temperatura dell'acqua è troppo calda. I tassi attuali di riscaldamento porranno la Terra a rischio di attraversare sei "pericolosi" punti di non ritorno climatici, secondo una nuova analisi.

Oltrepassare questi limiti colpirebbe i sistemi del pianeta, portando al collasso delle calotte glaciali e alla perdita delle barriere coralline.

Commentatori scientifici hanno precedentemente dichiarato che arrivare a questo punto sarebbe raggiungere una "emergenza climatica."

Gli investigatori hanno analizzato l’evidenza di punti di non ritorno in 200 indagini recenti.

Hanno tenuto in conto:

• A quali temperature si raggiungerebbero i punti di non ritorno.
• Che impatti avrebbero negli altri sistemi della Terra.
• Con quali tempistiche si avvertirebbero gli impatti

Le indagini, basate su dati pubblicati dal 2008, hanno riscontrato che esiste già un rischio che i livelli attuali di riscaldamento globale raggiungano sei punti climatici di non ritorno, e i rischi incrementano con ogni decimo di grado di riscaldamento.

I punti di "non ritorno": L'idea di "punti climatici di non ritorno" fu esposta per la prima volta dal gruppo di scienza climatica delle Nazioni Unite, il Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC), due decenni fa.
Se si incrociano, potrebbero scatenare un cambiamento significativo nel funzionamento dei sistemi terrestri, colpendo oceani, il clima e i processi chimici, alcuni dei quali potrebbero essere "irreversibili", secondo le Nazioni Unite.

Una volta superato un punto, la rottura del sistema si autoalimenta, per cui continuerà, benché non ci sia più riscaldamento. È auto perpetuante: un po' come quando una palla inizia a rotolare giù per una collina senza potersi fermare.

La calotta glaciale della Groenlandia è il principale responsabile dell'innalzamento del livello del mare.
All'epoca si credeva che i punti si sarebbero incrociati solo se le temperature globali fossero aumentate di oltre 5°C. Ma da allora, sono state accumulate sempre più prove che dimostrano come questi limiti possano essere superati molto prima.

Quali sono i punti: I sei punti che "probabilmente" si intersecano, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Science, sono:

• Il crollo della calotta glaciale della Groenlandia.
• Il crollo della calotta glaciale dell'Antartide occidentale.
• Il crollo della circolazione oceanica nella regione polare del Nord Atlantico.
• Estinzione delle barriere coralline alle basse latitudini.
• Scioglimento improvviso del permafrost (strato di terra permanentemente congelato) nelle regioni del nord.
• Brusca perdita di ghiaccio marino nel Mare di Barents.

L'autore principale dello studio, David Armstrong McKay, del Centro di Resiliencia di Stoccolma, l'Università di Exeter e la Commissione della Terra, dicono che già si stanno vedendo segni di destabilizzazione nelle regioni polari, e che questo è il passo che precede il collasso di sistema.

ghiaccio groenlandia omarGroenlandia ed Antartide attualmente perdono ghiaccio sei volte più rapidamente di quello che facevano 30 anni fa, e la calotta di ghiaccio della Groenlandia si è ridotta in maniera continua durante gli ultimi 25 anni, a causa del cambiamento climatico, secondo le Nazioni Unite.

Sebbene alcuni degli altri punti di non ritorno non si verifichino, a meno che le temperature globali non aumentino di almeno 3,5°C, tutti questi sistemi sono collegati tra loro. Quindi, se un sistema inizia a fallire, potrebbe aumentare le possibilità di collasso di altri.

Vari punti di non ritorno: La coautrice Ricarda Winkelmann, investigatrice nell'Istituto di Postdam per l'investigazione di impatto climatico e membro della Commissione della Terra, ha dichiarato: "Molti degli elementi nei sistemi terrestri sono interconnessi, rendendo i punti di non ritorno a cascata un'ulteriore grave preoccupazione."

Per esempio, se ci sono calotte glaciali più piccole o meno calotte e meno ghiaccio marino, l'energia solare viene riflessa in misura minore, con conseguente aumento del riscaldamento globale.
La squadra suggerì che oltre ad identificare questi rischi, la lista dei punti di non ritorno poteva aumentare fino a 16.

Questa è la situazione del Pianeta Terra e quella dei suoi abitanti nel XXI secolo, che sviluppiamo in base a relazioni ufficiali di enti intergovernativi, come il Pentagono, l'ONU e la NASA, sempre in base agli avvenimenti che si vanno sviluppando e come si sviluppano. Giungono dal Cielo alla Terra messaggi tramite lo stigmatizzato Giorgio Bongiovanni, e per condividere abbiamo estratto dal Messaggio di Setun Shenar del 1° gennaio 2017: quanto segue:

SE VOI FOSTE IN SINTONIA CON LO SPIRITO COSMICO DELLA MADRE TERRA, LE FORZE DELLA NATURA (GLI ZIGOS) SAREBBERO VOSTRI AMICI, COLLABORATORI DELLA VOSTRA VITA E DELL'EVOLUZIONE DEL VOSTRO SPIRITO. PURTROPPO, A CAUSA DEL VOSTRO LEGITTIMO LIBERO ARBITRIO, LE VOSTRE SCELTE NEGLI ULTIMI QUINDICIMILA ANNI DEL VOSTRO TEMPO SONO STATE NEFASTE, DELETERIE E AUTODISTRUTTIVE.
https://www.thebongiovannifamily.it/messaggi-celesti/2017/7060-anno-domini-2017-amore-speranza-giustizia-e-verita.html

NEL MONDO INTERO: FAME, MALATTIE, PESTILENZE, MAFIE, GUERRE E LO SPETTRO DI UN NUOVO IMPERO RUSSO-CINESE CHE SI OPPONE A QUELLO AMERICANO-OCCIDENTALE, MA SOPRATTUTTO TRE GRANDI CRISI CHE RISCHIANO DI PORTARE IL PIANETA TERRA E L'UMANITÀ NEL BARATRO DELL'AUTODISTRUZIONE: LA CRISI ENERGETICA, LA CRISI ECONOMICA E LA CRISI AMBIENTALE.
ABBIAMO GIÀ DETTO, RIPETUTO E SPIEGATO NEI DETTAGLI LE RAGIONI PER LE QUALI SI SONO SCATENATE QUESTE CRISI. QUALI SONO STATE LE CAUSE CHE LE HANNO GENERATE E QUALI EFFETTI COMPORTANO E COMPORTERANNO LE STESSE: LA TERZA GUERRA MONDIALE, COMBATTUTA, FORSE, ANCHE CON ARMI NUCLEARI!
LE SCELTE DIABOLICHE E NEFASTE POSTE IN ESSERE DAI DOMINATORI DEL MONDO, CON LA COMPLICITÀ PASSIVA DEI DOMINATI, PROVOCHERÀ, ED IL PROCESSO È GIÀ INIZIATO DA TEMPO, UNA VIOLENTISSIMA REAZIONE NATURALE (GIUSTIZIA DIVINA) DEL PIANETA TERRA. ERUZIONI VULCANICHE, TERREMOTI, MAREMOTI, URAGANI, SPOSTAMENTO DELL'ASSE POLARE, ATTIVITÀ SOLARE AI MASSIMI LIVELLI, ASTEROIDI, MAGNETISMO ANOMALO SONO SOLO ALCUNE DELLE METODOLOGIE CHE METTERANNO IN PRATICA I GENI COSMICI (SOLE-PIANETA) ANCHE ATTRAVERSO GLI ZIGOS, CIOÈ I QUATTRO CAVALIERI DELL'APOCALISSE, ACQUA, ARIA, TERRA E FUOCO.
VOGLIAMO ALTRESÌ RICORDARE CHE SIETE GIÀ ENTRATI DA TEMPO NELLA FASE IRREVERSIBILE, CIOÈ DAL PUNTO IPERCRITICO SIETE PASSATI AL PUNTO IPERCAOTICO CHE NEL NOSTRO LINGUAGGIO SIGNIFICA PUNTO DI NON RITORNO. ASPETTATEVI QUINDI NEI PROSSIMI QUATTRO ANNI DEL VOSTRO TEMPO EVENTI CATASTROFICI NATURALI DI PORTATA DEVASTANTE CHE POTRANNO ANNIENTARE VASTI STRATI DI TERRITORIO IN MOLTE NAZIONI DELLA TERRA PROVOCANDO LA MORTE DI CENTINAIA DI MIGLIAIA DI PERSONE.
LA COLPA È SOLO VOSTRA! DELLA VOSTRA INSENSIBILITÀ AI RICHIAMI DEL CIELO. DELLA VOSTRA CINICA SOCIETÀ CHE AMA LA MORTE PIÙ DELLA VITA.
LA TERRA, QUESTA MADRE GENEROSA, HA TUTTO IL DIRITTO DI DIFENDERSI DA UN VIRUS CANCEROGENO QUALE È DIVENUTO L'UOMO CHE GIORNO PER GIORNO DISTRUGGE LA SUA FAUNA, LA SUA FLORA E LA VITA IN TUTTE LE SUE MANIFESTAZIONI.
MALGRADO TUTTO, SAPPIAMO CHE ANCORA VI SONO ANIME NOBILI E PURE DA RISVEGLIARE SUL PIANETA TERRA. SAPPIAMO INOLTRE CHE VI È UNA CERTA QUALITÀ DI ESSERI UMANI CHE SONO ELETTI E CHIAMATI. CIOÈ I GIUSTI, I MANSUETI E I PURI DI CUORE CHE NOI DOBBIAMO PROTEGGERE E TUTELARE PERCHÉ SONO IL SALE ED IL LIEVITO DELLA NUOVA-ERA. COLORO CHE EREDITERANNO IL REGNO DI DIO CHE GESÙ-CRISTO INSTAURERÀ SULLA TERRA DOPO AVERLO FATTO RISORGERE DALLA CENERE DI UNA UMANITÀ BRUCIATA E DISTRUTTA.
IL FUOCO DELL'AMORE, DELLA GIUSTIZIA E DELLA PACE CHE ARDERÀ NEL PETTO DI UOMINI NUOVI E DI UNA GENERAZIONE RIGENERATA E PURIFICATA.
IL FUOCO DELL'UOMO-COSMICO.
PACE!
HO RINGRAZIATO E SALUTATO I FRATELLI DELLA LUCE SETUN-SHENAR E ITHACAR, CHERUBINI DELLA LUCE CRISTICA.

Abbiamo preso in considerazione questi rapporti intergovernativi, con l'intenzione di far prendere coscienza alla popolazione in merito alla realtà che viviamo oggi sulla Terra, situazione già precedentemente annunciata in diverse profezie, come un richiamo di attenzione sul comportamento dell'uomo il quale, non ha ancora preso coscienza che la Terra è un Essere vivente e che reagisce a tutte le azioni contro di lei, come il male che fa l’uomo distruggendo il suo ecosistema. Ecco quindi che lei tende a difendersi attraverso quella che per noi sarebbe la Giustizia Divina, le forze della natura, gli Zigos già citati nell'apocalisse come i 4 cavalieri che sono l'Aria, l'Acqua, la Terra e il Fuoco, e che oggi sono liberi e cavalcano a gran velocità in ogni angolo del pianeta. Segni che annunciano che siamo nel tempo del ritorno del Maestro Gesù Cristo, l’unico che può fermare questa pazzia dell'umanità in cammino verso l'autodistruzione, e la possibilità di distruggere la Terra con esplosioni nucleari.

Fraternamente
Omar Cristaldo e Claudio Rojas
Sudamerica 17 Settembre 2022.

Link programma: https://youtu.be/CiEr4P3t0mI

Allegati:

- 11-09-22 La metodologia dei fratelli superiori
https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/cronache-dalle-arche/cronache-dalle-arche-2022/9583-la-metodologia-dei-fratelli-superiori.html

- 8-08-22 Il Sole, la Terra, gli Zigos, i messaggi del Cosmo e i Segni dei tempi
https://www.thebongiovannifamily.it/messaggi-celesti/2022/9522-il-sole-la-terra-gli-zigos-i-messaggi-del-cosmo-e-i-segni-dei-tempi.html

- 18-06-22 La fine del mondo o la fine dei tempi
https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/cronache-dalle-arche/cronache-dalle-arche-2022/9482-la-fine-del-mondo-o-la-fine-dei-tempi.html

- 4-06-22 "Verdadera Justicia": Un programma che divulga la verità
https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/cronache-dalle-arche/cronache-dalle-arche-2022/9472-verdadera-justicia-un-programma-che-divulga-la-verita.html