Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски
andromedaDi Roberto Pezzini

Un fiume divide una giungla.

Un gruppo di persone, sopra una piattaforma volante, sta sorvolando lentamente la zona.

Regna un silenzio sereno e consapevole tra i passeggeri. L’aria è densa di un amore fatto di sostanza, di materia.

 
La piattaforma, formata da un'unica grande lastra di circa 10 metri per 5 e spessa una trentina di centimetri, era fatta di un materiale rigido, ma in qualche modo malleabile, accogliente, che poteva accudire in modo confortevole i piedi dei passeggeri.
Volava senza nessun motore, grazie a una qualche tecnologia evoluta e comprensiva.

La piattaforma era gremita di persone fino ai bordi, tutte in piedi. Senza nessuna balaustra o qualche sistema di sicurezza. Ma tutti i passeggeri erano tranquilli. Per loro era normale volare così. Semplicemente “sapevano” che non potevano cadere.

Non so come spiegare questa cosa, ma è come se tutti quanti fossero sulla stessa lunghezza d’onda: le persone, la piattaforma e tutto l’ambiente circostante.
Questa armonia teneva tutto insieme. A livello fisico.

Un’armonia “concreta”.
Io ero tra i passeggeri.

Non so da dove arrivavamo, ma ad un certo punto ci fermiamo a mezz’aria (tipo 5 metri dal suolo) sul versante nord del fiume. Sul versante opposto un gruppo di indigeni pellerossa, a torso nudo e con lance in mano, ci vede.
Nessuno è stupito dalla presenza di “stranieri” a bordo di una piattaforma volante.

In quell’istante incrocio lo sguardo di uno di loro. Era fermo, con la testa girata verso di me. Era bellissimo e fiero, come tutti i pellerossa. Con lineamenti marcati ed eleganti. E gli occhi neri come i suoi capelli, morbidi e resistenti. Di un nero luminoso e terreno.

Saremo stati a 10 metri di distanza l’uno dall’altro. Io, in mezzo a tutte le persone sopra il mezzo volante (ognuna immersa nel suo personale momento), e lui, ultimo del suo gruppo che già si stava per inoltrare tra la vegetazione.

Ci guardiamo, senza dire nulla. Sul suo viso un leggero sorriso. E i suoi occhi mi parlavano, mi accoglievano. Il suo sguardo era come si mi dicesse “Ciao fratello…”. Sapevamo entrambi di essere fratelli, fratelli nello spirito!

Fratelli che vivevano in questo nuovo mondo. Un mondo sorto dalla fine del vecchio mondo. Un mondo dove nessuno doveva più preoccuparsi di aiutare nessun altro, perché tutta la popolazione viveva nella pace e nell’armonia. Un mondo dove ci si doveva occupare soltanto della gioia, dell’amore e della bellezza.

Incontrarsi così e riconoscersi come esseri della stessa natura era bellissimo, magico, profondo e commovente. Ma, allo stesso tempo, assolutamente normale. Perché in quel mondo, quella era la normalità.

Il sole, prossimo all’ora del tramonto, emanava una luce che definirei opaca, umida. Era quasi tendente al grigio chiaro nei toni della sua luminosità. Ma era una luce bella, una luce viva. Che pulsava con il ritmo di un battito, con piccole e impercettibili (ma visibili) onde di luce densa.

Era il sole che comunicava con noi. Che comunicava con i suoi figli. Senza filtri, senza parole, senza immagini, senza suoni. Solo con la vibrazione, il battito e il calore della luce.

La cosa meravigliosa è che tutti noi capivamo. Sapevamo chi stava comunicando con noi. Era Dio.

E noi ci beavamo del suo amore, che potevamo vedere, toccare e sentire.

Ed era bellissimo sentirsi parte di tutto questo. Era bellissimo vivere.


Roberto Pezzini
20 Aprile 2023

DAL CIELO ALLA TERRA

pleiadi
 
 IO SONO
 
NELL'INFINITO E NEL PRESENTE IO SONO OVUNQUE VOGLIO ESSERE E SONO TUTTI COLORO CHE VIVONO ED OPERANO NELLA VERITÀ. PERCHÉ IO SONO IL TUTTO NEL TUTTO. SONO IL PRIMO E L'ULTIMO. SONO IL FILOSOFO AL QUALE BRUCIANO LE CARNI PER AMORE DELLA VERITÀ E SONO ANCHE IL VIANDANTE SEDUTO NELL'USCIO DI UNA CHIESA CHE CHIEDE L'ELEMOSINA. SONO ANCHE UNA ROSA CHE FIORISCE SULLA CROCE DEI GIUSTI. SONO E SEMPRE SARÒ UNA LACRIMA DI CRISTO. UNA SUA EMANAZIONE. UN SUO SORRISO. IO SONO, GRAZIE ALL'AMORE DEL SANTO SPIRITO.
PACE!
UN DIO SOLARE.
DAL CIELO ALLA TERRA
 
IN OGNI MANIFESTAZIONE DI VITA ANIMALE O UMANA CHE ESPRIME DUE OCCHI PER VEDERE VI È LA PERSONIFICAZIONE DI UNO SPIRITO INDIVIDUALE, UNA MANIFESTAZIONE DEL SANTO SPIRITO, UN VOSTRO FRATELLO UNIVERSALE FIGLIO DELLA CREAZIONE E DEL CREATORE.
PACE!
UN DIO SOLARE.
LE MANIFESTAZIONI DELLO SPIRITO COLLETTIVO E INDIVIDUALE
 
1.    VITA MINERALE (COLLETTIVO)
2.    VITA VEGETALE (COLLETTIVO)
3.   VITA ANIMALE (INDIVIDUALE) ESPRESSIONE VISIVA CON DUE OCCHI (SPECCHIO DELLO SPIRITO E DELL'ANIMA)
4.    VITA PLANETARIA (INDIVIDUALE) INCARNAZIONE UMANA DI LUCE (HOMO SAPIENS)
5.    VITA UNIVERSALE (INDIVIDUALE) ESSERE ASTRALE NON UMANO MA DIVINO SOLARE (ANGELI)
6.    VITA COSMICA (INDIVIDUALE) ESSERE CRISTICO. IL SOLE (LE STELLE) ARCANGELI (È stato detto: Io ed il Padre mio siamo una sola cosa)
7.   SPIRITO SANTO CHE COMPENETRA IL PADRE (INDIVIDUALE) IL SOLE. OGNI SOLE DELL'UNIVERSO È UN PADRE. UNO SOLO È LO SPIRITO SANTO. INFINITI SONO I PADRI DEI SISTEMI SOLARI E DELLE GALASSIE. TUTTI SONO FRATELLI E SORELLE. DAL PADRE ADONAY, UOMO-DIO, ALLA LUCCIOLA NOTTURNA, PICCOLA E MINIMA ESPRESSIONE DI VITA, PERCHÉ ENTRAMBI HANNO GLI OCCHI DELLO SPIRITO CHE LI RENDE FRATELLI NELL'AMORE DEL SANTO SPIRITO.
PACE!
UN DIO SOLARE!
 
PIANETA TERRA
9 agosto 2013. Ore 23:23
G. B.
DAL CIELO ALLA TERRA

nibiru200 copy

 LA GIOIA DI ESISTERE NELL'AMORE E NELL'ETERNITÀ

LA MASSIMA REALIZZAZIONE DELLO SPIRITO QUANDO OPERA NELLA MATERIA, QUANDO CIOÈ SPERIMENTA L'INCARNAZIONE, È VINCERE LA MORTE E QUINDI ESSERE COSCIENTE DELLA PROPRIA ETERNITÀ.
SE VOI, PER UN SOLO ISTANTE PENSASTE A QUESTA GRANDE VERITÀ TUTTI I VOSTRI AFFANNI E LE VOSTRE DEPRESSIONI MATERIALI SI SCIOGLIEREBBERO COME NEVE AL SOLE.
“CHI CREDE IN ME NON MORIRÀ MAI” (Giovanni 11, 25-26), DISSE L'AMATO MAESTRO E RE DELL'UNIVERSO GESÙ-CRISTO. INTENDEVA DIRE CHE AVENDO LUI LIBERATO MOLTE ANIME UMANE DAL KARMA E SALVATO LE STESSE DALLA MORTE SECONDA, L'ETERNITÀ DELLO SPIRITO IN TUTTE LE DIMENSIONI SAREBBE STATA IMMUTABILE ED ETERNA. “CHI CREDE IN ME NON MORIRÀ MAI”, MA QUANTI HANNO CREDUTO? QUANTI HANNO LIBERATO IL PROPRIO SPIRITO DAL LACCIO DELLA MATERIA CORRUTTIBILE?
POCHI! POCHISSIMI OGGI NEL MONDO HANNO REALIZZATO LA LORO ETERNITÀ E LA LORO DIVINITÀ NELL'EGO SUPERIORE.
LA NOSTRA SPERANZA CHE VOI,  SPIRITI RISVEGLIATI NELL'OPERA GIOVANNEA, POSSIATE FINALMENTE DIVENIRE COSCIENTI DI TALE SUPREMA VERITÀ, TRIONFANDO SULLA CARNE E QUINDI ESALTANDO LA GIOIA DI ESISTERE NELL'AMORE E NELL'ETERNITÀ.
PACE!
UN DIO SOLARE!

PIANETA TERRA
20 Ottobre 2012. Ore 13:56
G. B.

DAL CIELO ALLA TERRA

consolatoresol200

PICCOLI GRANELLI DI FUOCO NELL'INFINITO OCEANO COSMICO

SCRIVI FIGLIOLO, LO SPIRITO SUPREMO DI ARAT RA PARLA.

PICCOLI GRANELLI DI FUOCO NELL'INFINITO OCEANO COSMICO GENERATI DALLA ETERNA FIAMMA DEL MIO SPIRITO SOLARE.
GRANELLI DI SABBIA DI UNA SPIAGGIA SENZA FINE. GOCCE D'ACQUA DI IMMENSI  OCEANI.
QUESTO SIETE, FIGLI DELLA TERRA E FIGLI MIEI.
IO BENEDICO E PERSONIFICO COLORO CHE CERCANO IL MIO REGNO E LA MIA GIUSTIZIA.
IL MIO TEMPO È GIUNTO ED  IL  GRIDO DEI GIUSTI, DEI PARGOLETTI E DEI SANTI HA RAGGIUNTO LA SOMMITÀ DEL CIELO,  LA PROFONDITÀ DEL MIO CUORE  E LO SPIRITO DI CRISTO, FIGLIO MIO UNIGENITO.
LA MIA IRA SARÀ SANTA E LA MIA SPADA COLPIRÀ INESORABILMENTE TUTTI GLI ASSASSINI DELLA VITA E I BESTEMMIATORI DEL SANTO SPIRITO.
IL MIO GIUDIZIO SARÀ SEVERO E LA MIA MISERICORDIA VERSO I GIUSTI E I BUONI INFINITA.
ATTENTI FIGLI E FIGLIE DEGLI UOMINI!
ATTENTI FIGLI E FIGLIE DI SATANA, IL FIGLIO MIO MALEDETTO!
TUTTE LE VOCI CHE GRIDANO CONTRO L'ANTICRISTO SONO LA MIA VOCE, ESSI SONO I MESSAGGERI DELLA DIVINA VOLONTÀ CHE CERCANO E VOGLIONO LA GIUSTIZIA PER I SENZA VOCE, PER GLI ULTIMI, PER I SOFFERENTI, PER GLI EMARGINATI,  PER I PARGOLETTI DELLA VITA, PER I DEBOLI E PER TUTTI COLORO CHE SONO CONTRO IL PRINCIPE DI QUESTO MONDO.
IN VERITÀ VI DICO, SE ASCOLTERETE LA VOCE DEI MIEI TESTIMONI I VOSTRI PECCATI SARANNO PERDONATI E I VOSTRI SPIRITI SARANNO ESENTATI DALLA MORTE SECONDA.
QUESTO È IL TEMPO DELL'ANNUNCIATORE!
DI COLUI E DI COLORO CHE PER MIO SUPREMO VOLERE ANNUNZIANO IL RITORNO GLORIOSO DI MIO FIGLIO IL CRISTO E LA MANIFESTAZIONE DELLA GIUSTIZIA DIVINA DEL SANTO SPIRITO.
QUESTO È IL TEMPO DELL'APOCALISSE E STOLTI SONO COLORO CHE PROMETTONO LA PACE PERCHÈ PACE NON AVRETE FINCHÈ NON DIRETE BENEDETTO COLUI CHE VIENE NEL NOME DEL SIGNORE.
LA  PACE, LA GIUSTIZIA E L'AMORE SARANNO I VALORI CHE DOMINERANNO IL MIO REGNO PROMESSO CHE IO, LO SPIRITO SUPREMO DI ARAT-RA, INSTAURERÒ SUL VOSTRO PIANETA TERRA - SARAS.
I BEATI E GLI  ELETTI NON TEMANO, PER AMORE LORO HO ABBREVIATO I GIORNI INFERNALI CHE ATTANAGLIANO LE LORO  ANIME  E GLI SPIRITI DELLA TERRA.
AI MIEI FIGLI E ALLE MIE FIGLIE NEL MONDO MA NON DEL MONDO ALITO NEI LORO SPIRITI L'ETERNO FUOCO SOLARE DEL MIO  DIVINO AMORE.
A TE FIGLIOLO LE MIE GRAZIE AVVOLGONO IL TUO SPIRITO A ME INFINITAMENTE DEVOTO.

PIANETA TERRA
2 ottobre 2012. Ore 16:27   
G. B.


Messaggi allegati:

- 1-12-20 Amore, Cosmo, micro e macro
https://www.thebongiovannifamily.it/messaggi-celesti/2020/8764-amore-cosmo-micro-e-macro.html

- 23-07-18 Tutto è vita e la vita è tutto
https://www.thebongiovannifamily.it/messaggi-celesti/2018/7697-tutto-e-vita-e-la-vita-e-tutto.html

- 19-04-16 Il nostro infinito amore: il Cosmo
https://www.thebongiovannifamily.it/messaggi-celesti/2016/6680--il-nostro-infinito-amore-il-cosmo.html

- 26-12-06 Il Cosmo è composto da 150 bilioni di universi

https://www.thebongiovannifamily.it/messaggi-celesti/2009-2000/2006/244-il-cosmo-e-composto-da-150-bilioni-di-universi.html

- 4-03-97 Il Cosmo è un essere vivente. Vita nell'universo
https://www.thebongiovannifamily.it/messaggi-celesti/1999-1990/1997/3902-il-cosmo-e-un-essere-vivente-vita-nelluniverso.html