Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

IL PAPA: ABBIAMO PECCATO CONTRO LA TERRA

abbiamo

Durante l’udienza trasmessa in diretta e dedicata alla 50ª Giornata mondiale della Terra che si celebra oggi, Papa Francesco ha fatto un “mea culpa” che tutti noi dovremmo fare nostro prendendo consapevolezza di non aver avuto cura del nostro pianeta, della nostra casa, di averlo maltrattato, sfruttato e fatto soffrire. “Abbiamo peccato contro la terra, contro il nostro prossimo e, in definitiva, contro il Creatore, il Padre buono che provvede a ciascuno e vuole che viviamo insieme in comunione e prosperità” così si è espresso il Papa.

La reazione quindi di autodifesa della Terra come cellula vivente prima o poi sarebbe arrivata, aggiunge il Pontefice dalla biblioteca privata del Palazzo apostolico: “Dio perdona sempre, noi perdoniamo alcune volte sì alcune volte no, la terra non perdona mai. La terra non perdona. Se noi abbiamo deteriorato la terra, la risposta sarà molto brutta”.

Il nostro ruolo come umanità ospite del pianeta era quello di tutelarlo e godere delle numerose ricchezze che ci offre senza sfruttarlo creando squilibrio nella natura stessa: “A causa dell’egoismo siamo venuti meno alla nostra responsabilità di custodi e amministratori della terra – continua il Papa - L’abbiamo inquinata, l’abbiamo depredata, mettendo in pericolo la nostra stessa vita. Non c’è futuro per noi se distruggiamo l’ambiente che ci sostiene. Abbiamo mancato nel custodire la terra, nostra casa-giardino, e nel custodire i nostri fratelli”.

Il Papa ha espresso apprezzamento per quei movimenti, soprattutto giovanili che stanno nascendo e che cercano di risvegliare le coscienze e promuovendo un cambiamento radicale di interazione con la nostra Terra.

Il Pontefice ha concluso dicendo: “Questa primavera ci invita ad unirci alla lode che la natura, i fiori e gli animali rivolgono al Creatore. Possa il Creato trovare in questo anno un’occasione particolare per rianimarsi e rinvigorire”.

Maria José Lastra

22 Aprile 2020

 
DAL CIELO ALLA TERRA
 
HO SCRITTO IL 2 MARZO 2021:
 
IL PAPA AVVERTE L'UMANITÀ E ANNUNCIA IL DILUVIO UNIVERSALE.
LEGGETE ATTENTAMENTE.
IN FEDE
G.B.
 
PIANETA TERRA
2 Marzo 2021
 
IL RICHIAMO DEL PONTEFICE
 
Papa Francesco, il libro: «Verrà un nuovo Diluvio se non cambiamo strada sul clima e i ghiacciai»
I passaggi nel nuovo libro di papa Francesco «Dei vizi e delle virtù» che uscirà il 2 marzo. Una conversazione tra Bergoglio e don Marco Pozza, cappellano del carcere di Padova
di papa Francesco

Una conversazione tra prospettive in apparenza antitetiche, «il centro della Chiesa che dialoga con la periferia del carcere». Papa Francesco torna a parlare con don Marco Pozza, cappellano del carcere di Padova, dopo le conversazioni sul Padre Nostro, l’Ave Maria e il Credo. E questa volta, nel libro «Dei vizi e delle virtù» (Rizzoli) in uscita il 2 marzo, del quale anticipiamo alcuni stralci, il filo della riflessione segue la rappresentazione delle sette virtù e dei vizi opposti che Giotto ha dipinto nella Cappella degli Scrovegni: giustizia/ingiustizia, fortezza/incostanza, temperanza/ira, prudenza/stoltezza, fede/infedeltà, speranza/ disperazione, carità/gelosia. Spiega Francesco: «Ci sono persone virtuose, ci sono persone viziose, ma la maggioranza è un misto di virtù e vizi. Alcuni sono bravi in una virtù ma hanno qualche debolezza. Perché siamo tutti vulnerabili. E questa vulnerabilità esistenziale dobbiamo prenderla sul serio. È importante saperlo, come guida del nostro cammino, della nostra vita» (G.G.V).

papa Francisco

DAL CIELO ALLA TERRA

SETUN SHENAR E I FRATELLI DELLA LUCE COMUNICANO:

PRENDIAMO ATTO, CON AMORE E FRATERNA SOLIDARIETÀ, CHE FRANCESCO, IL PAPA DELLA CHIESA CATTOLICA APOSTOLICA ROMANA, ABBIA ESPRESSO DURANTE L’UDIENZA DEDICATA ALLA 50° GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA PAROLE GIUSTE E CORRETTE. “Abbiamo peccato contro la terra” HA DETTO IL PONTEFICE “contro il nostro prossimo e, in definitiva, contro il Creatore, il Padre buono che provvede a ciascuno e vuole che viviamo insieme in comunione e prosperità … Dio perdona sempre, noi perdoniamo alcune volte sì alcune volte no, la terra non perdona mai. La terra non perdona. Se noi abbiamo deteriorato la terra, la risposta sarà molto brutta … A causa dell’egoismo siamo venuti meno alla nostra responsabilità di custodi e amministratori della terra. L’abbiamo inquinata, l’abbiamo depredata, mettendo in pericolo la nostra stessa vita. Non c’è futuro per noi se distruggiamo l’ambiente che ci sostiene. Abbiamo mancato nel custodire la terra, nostra casa-giardino, e nel custodire i nostri fratelli”.
APPREZZIAMO IL MASSIMO RAPPRESENTANTE DELLA CHIESA CATTOLICA, FONDATA DA GESÙ CRISTO, QUANDO ESPRIME PAROLE CHE RIFLETTONO LA GIUSTIZIA DI DIO.
CI AUGURIAMO CHE ANCHE SU ALTRI TEMI SCOTTANTI CHE ATTANAGLIANO IL PIANETA TERRA, IL PONTEFICE DEI CRISTIANI CATTOLICI POSSA ESALTARE IL VALORE DELLA GIUSTIZIA E ANNUNCIARE IL PROSSIMO COMPIMENTO DELLA PROFEZIA DELLA SECONDA VENUTA DI CRISTO ANNUNCIATA DAI VANGELI DEGLI APOSTOLI (Matteo cap. 24 – Luca cap. 17-24 – Marco cap. 13, 26 – Atti cap. 1, 11 – Apocalisse cap. 1, 7)
PACE AL DI SOPRA DI TUTTE LE FRONTIERE.

SETUN SHENAR E I FRATELLI DELLA LUCE SALUTANO

PIANETA TERRA
25 Aprile 2020. Ore 22:49
G. B.

amonestacion1Di Francesca Panfili
Sono state dure e dirette le parole di Papa Francesco espresse ieri durante la messa tenutasi in forma privata presso il santuario della Divina Misericordia di Roma. Il Pontefice è uscito dalle mura Vaticane per la celebrazione domenicale ed ha invitato alla riflessione i fedeli di tutto il mondo sul pericolo di un virus presente negli uomini molto più pericoloso e contagioso di quello attuale ovvero il virus del «dell'egoismo indifferente». Il vero pericolo per Bergoglio è rappresentato dal «dimenticare chi è rimasto indietro» riferendosi cosi agli indifesi e ai poveri del mondo presenti anche in grande numero nella nostra società occidentale.
«L’egoismo indifferente – ha insistito il Papa- si propaga a partire dall'idea che la vita migliora se va meglio a me, che tutto andrà bene se andrà bene per me» perseguendo cosi interessi egoistici e personali a discapito di quelli collettivi e umanitari.

 


Papa:
'Non ci siamo fermati davanti a guerre e ingiustizie planetarie "In questo nostro mondo, che Tu ami più di noi, siamo andati avanti a tutta velocità, sentendoci forti e capaci in tutto. Avidi di guadagno, ci siamo lasciati assorbire dalle cose e frastornare dalla fretta. Non ci siamo fermati davanti ai tuoi richiami, non ci siamo ridestati di fronte a guerre e ingiustizie planetarie, non abbiamo ascoltato il grido dei poveri, e del nostro pianeta gravemente malato. Abbiamo proseguito imperterriti, pensando di rimanere sempre sani in un mondo malato".

Il Papa da solo in Piazza San Pietro grida al Mondo:
ammonimento e preghiera
Papa Francesco, in mondovisione, affacciato su una piazza San Pietro deserta, ha svolto un momento straordinario di preghiera in questo momento in cui il mondo affronta la pandemia del coronavirus.

Per la prima volta nella storia della Chiesa Cattolica Apostolica e Romana un Pontefice si trova da solo pregando Dio di "non lasciarci in balia della tempesta". Ma non vi è stata solo la preghiera. Nella sua omelia Papa Francesco ha rivolto un ammonimento, che condividiamo in toto, alla stessa umanità: "È il tempo del nostro giudizio: il tempo di scegliere che cosa conta e che cosa passa, di separare ciò che è necessario da ciò che non lo è. È il tempo di reimpostare la rotta della vita verso di Te, Signore, e verso gli altri. E possiamo guardare a tanti compagni di viaggio esemplari, che, nella paura, hanno reagito donando la propria vita. È la forza operante dello Spirito riversata e plasmata in coraggiose e generose dedizioni".

E poi ancora ha proseguito nel suo monito: "Il Signore ci interpella dalla sua croce a ritrovare la vita che ci attende, a guardare verso coloro che ci reclamano, a rafforzare, riconoscere e incentivare la grazia che ci abita. Abbracciare la sua croce significa trovare il coraggio di abbracciare tutte le contrarietà del tempo presente, abbandonando per un momento il nostro affanno di onnipotenza e di possesso per dare spazio alla creatività che solo lo Spirito è capace di suscitare. Significa trovare il coraggio di aprire spazi dove tutti possano sentirsi chiamati e permettere nuove forme di ospitalità, di fraternità e di solidarietà. Abbracciare il Signore per abbracciare la speranza: ecco la forza della fede, che libera dalla paura e dà speranza".

La redazione
27 marzo 2020

DAL CIELO ALLA TERRA

HO SCRITTO L'12 MARZO 2020:

CONDIVIDIAMO E RIPRENDIAMO INTEGRALMENTE LE PAROLE DI PAPA FRANCESCO. CI PERMETTIAMO DI AGGIUNGERE CHE LA NATURA E DIO NON DEVONO ESSERE SFIDATE DALL'UOMO CHE HA PERSO ORAMAI IL CAMMINO DELLA VERITÀ.
IL PAPA COMUNQUE HA SPERANZA NEI GIOVANI E NEI GIUSTI.
NOI CONDIVIDIAMO.
IN FEDE
G.B.
PIANETA TERRA
12 Marzo 2020

Così i megalomani della finanza soffocano il mondo

Sfruttamento incondizionato del pianeta, inquinamento e degrado, disparità sociali sono alcune delle tematiche affrontate da Papa Francesco nel libro “La dittatura dell'economia” (Edizioni Gruppo Abele e con prefazione di Luigi Ciotti) in uscita il prossimo 18 marzo e pubblicato dal “Fatto Quotidiano” lo scorso 10 marzo.

“L’intervento dell’essere umano sulla natura si è sempre verificato, ma per molto tempo ha avuto la caratteristica di accompagnare, di assecondare le possibilità offerte dalle cose stesse. “Si trattava di ricevere quello che la realtà naturale da sé permette, come tendendo la mano. Viceversa, ora ciò che interessa è estrarre tutto quanto è possibile dalle cose attraverso l’imposizione della mano umana, che tende a ignorare o a dimenticare la realtà stessa di ciò che ha dinanzi. Per questo l’essere umano e le cose hanno cessato di darsi amichevolmente la mano, diventando invece dei contendenti. Da qui si passa facilmente all’idea di una crescita infinita o illimitata, che ha tanto entusiasmato gli economisti, i teorici della finanza e della tecnologia. Ciò suppone la menzogna circa la disponibilità infinita dei beni del pianeta, che conduce a “spremerlo” fino al limite e oltre il limite. Si tratta del falso presupposto che “esiste una quantità illimitata di energia e di mezzi utilizzabili, che la loro immediata rigenerazione è possibile e che gli effetti negativi delle manipolazioni della natura possono essere facilmente assorbiti”.

il coraggio di papa francesco 2DAL CIELO ALLA TERRA

HO SCRITTO IL 10 GIUGNO 2019:

IL CORAGGIO DI PAPA FRANCESCO: L'IRA DI DIO SI SCATENERÀ CONTRO I VENDITORI DI ARMI. UN CORAGGIO CHE NOI AMMIRIAMO.
IN FEDE
G.B

Sant’Elpidio a Mare (Italia)
10 Giugno 2019


- Il Papa: l’ira di Dio si scatenerà contro chi parla di pace e vende armi
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/papa-ira-dio-si-scatenera-contro-chi-parla-di-pace-e-vende-armi-988b1734-96bb-4415-a4aa-1f5393a539e9.html

Messaggi allegati:

- 13-05-19 13 maggio 2019: Fatima 102 anni dopo
https://www.giorgiobongiovanni.it/messaggi-celesti/2019/8030-13-maggio-2019-fatima-102-anni-dopo.html

- 8-11-18 Attacco al Papa e il giorno del giudizio
https://www.giorgiobongiovanni.it/messaggi-celesti/2018/7796-attacco-al-papa-il-giorno-del-giudizio.html

- 3-07-17 La grande meretrice
https://www.giorgiobongiovanni.it/messaggi-celesti/2017/7312-la-grande-meretrice.html

- 7-02-14 Papa Francesco e Giovanni Battista
https://www.giorgiobongiovanni.it/messaggi-celesti/2014/5426-papa-francesco-e-giovanni-battista.html

- 25-05-13 La giusta testimonianza di Papa Francesco
https://www.giorgiobongiovanni.it/messaggi-celesti/2013/4919-la-giusta-testimonianza-di-papa-francesco.html

sudanchildarmy

DAL CIELO ALLA TERRA

HO SCRITTO IL 13 FEBBRAIO 2019:

COLPEVOLI!
POTENTI, CAPI DI GOVERNO, POLITICI E RICCHI OPULENTI!
COLPEVOLI!
SOCIETÀ, RICCHI E POVERI!
COLPEVOLI!
L'ONU, UN PALAZZACCIO CHE NON SERVE A NULLA O SERVE IL POTERE DELLE NAZIONI NUCLEARI.
COLPEVOLI!
GLI INDIFFERENTI, GLI APATICI, GLI EGOISTI, I CINICI.
COLPEVOLI!
I SEGUACI DELLE RELIGIONI NEW AGE, CRISTIANI E NON, DI OGNI CETO SOCIALE, I QUALI CREDONO, SBAGLIANDO, CHE CON LA PREGHIERA E LA MEDITAZIONE SI LAVANO LA LORO SPORCA COSCIENZA PENSANDO DI SALVARE LA VITA DI UN POVERO BAMBINO DISGRAZIATO E SFORTUNATO.
COLPEVOLI!

apostasia200Por Claudio Rojas G.

Il 14.01.2019 Papa Francesco si è riunito in Vaticano con una delegazione della Conferenza Episcopale del Cile, rappresentata da Santiago Silva e Ricardo Ezzati, con l’intento di analizzare i progressi che ci sono stati nel nostro paese in materia di abusi sessuali.

Precisamente a questo riguardo si è espressa una delle vittime di abuso sessuale da parte di membri del clero: James Hamilton. Ha dichiarato di non avere molte aspettative su questa riunione con la massima autorità della Chiesa cattolica: "Io penso che ci saranno delle controversie. Non si può ignorare che ci sono persone incriminate dalla giustizia imputate di occultamento di numerosi e ripetuti abusi nella Chiesa. Sono imputati perché non potevano fare altrimenti. Sono imputati e sono effettivamente, criminali", ha dichiarato il medico ai microfoni di CNN Chile.

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea 

Siti amici

220X130_mystery





Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

LIBRI

banner libri marsili

lavocedelsole200 1

 

 


 

 

 

tapa libroGB Giovetti1

cop dererum1

ilritorno1

books11copertina italiano140