Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски
 LE POESIE DI UN RAMINGO
Oscar Morosini

FOTO BANNER OSCAR

 

 LA NOSTRA OMBRA

Persino la nostra ombra
ci rende simili.
È il buio dentro di noi
a far differenza.
Perciò, siate luce per l’oscurità altrui.
E non tenebre

Tratto da «La nostra civiltà»

Soumalia Diawara

L’UOMO, FECE ORACOLI

Tuo carnefice
ti uccise in croce,
ma più gran dolore
fu l’assenza d’amore.
Poiché anche gli astanti
videro i tuoi miracoli,
ma dei mercanti
L’uomo, fece oracoli.

CRISTO

Tra noi ha camminato
il Padre l’ha mandato...
per noi si è incarnato
l’Amore incondizionato.

L’abbiamo crocifisso!
Mutando il cuore, in sasso,
il Suo corpo abbiam lacerato
ed il Suo volto sfigurato.

Pensando alla propria gloria,
in molti l'han odiato.
Lui, il miglior Uomo della storia,
per i giusti è ritornato.

Gesù amato,
grazie per avermi risvegliato,
il mio spirito hai dissetato,
e a nuova vita son rinato.

Oscar Morosini
26 Dicembre 2019

MILLE E UNO

pasionMille e uno pezzi
di frammenti scomposti
di un'anima che ancora cerca,
piccole parti che un giorno
formavano un tutto.
Tasselli confusi
dispersi nel vento
di un mosaico
i cui colori non trovano un posto.
Mille e uno
come le parole che non hai detto,
le cose che non hai fatto,
mentre la Creazione
veniva e tuttora viene
violata.
Oscar Morosini
7 dicembre 2019

IO E DIO
(poesia di Trilussa)

Ve vojo riccontà ‘na storia strana.
Che m’è successa propio l’artra settimana

Camminavo pe’ r vialone davanti alla chiesa der paese
Quanno ‘na strana voja d’entrà me prese

Sia chiaro non so mai stato un cristiano praticante
Se c’era un matrimonio, se vedevamo al ristorante

Ma me so sentito come se quarcuno,
Me dicesse: “dai entra, nu’ c’è nessuno”

Un misto de voja e paura m’aveva preso
Ma ‘na vorta dentro, restai sorpreso

La chiesa era vota, nun c’era nessuno
La voce che ho sentito era la mia, no de quarcuno

C’erano quattro panche e un vecchio crocifisso de nostro Signore
“Guarda te se a chiamamme è stato er Creatore”

Me gonfiai er petto e da sbruffone gridai: “ So passato pè un saluto”
Quanno na voce me rispose: ”mo sei entrato, nu fa lo scemo mettete seduto!”

Pensai: mo me giro e vado via,
Quanno quarcuno me rispose: “Nu te ne ‘nnà. Resta … famme compagnia”.

“Famo n’altra vorta , poi mi moje chi la sente: è tardi sarà già tutto apparecchiato”.
“Avvicinate nu fa lo scemo, ‘o so che nu sei sposato.

Me sentivo troppo strano, io che nun avevo mai pregato
Me sentivo pregà dar Signore der creato

“Signore dateme na prova, devo da crede
Che sete veramente Iddio che tutto vede”

“Voi na prova ? Questo nu te basta? Te sei mi fijo
E io sto qua inchiodato pe er bene che te vojo!”

“Me viè da piagne, me sento de scusamme.
Signore ve prego perdonate le mie mancanze

A sapello che c’eravate pe davero …
Venivo più spesso, ve accennevo quarche cero”.

“Ahahahahhaha ma te pensi che io sto solo qua dentro?
Io so sempre stato co te, nella gioia e nel tormento.

Te ricordi quanno eri piccolino
Io pe te ero Gesù bambino

Prima de coricatte la sera
Me dedicavi sempre na preghiera

Era semplice quella che po’ fa er core de un bambino,
Me facevi piagne e con le mie lacrime te bagnavo er cuscino

Poi anni de silenzio… te s’è indurito er core
Proprio verso de me, che t’ho fatto co tanto amore.

Te gridavo fijo mio sto qua,
Arza l’occhi guarda tuo papà!

Ma te niente… guardavi pe tera
E te ostinavi a famme la guera.

Poi quanno tu padre stava male
E te già pensavi ar funerale

Sul letto de morte… nelle ultime ore
T’è scappata na preghiera… “Te affido ar core der Creatore”.

Ecco perché t’ho chiamato,
Pe ditte quanto me sei mancato.

Ho cominciato a piagne dalla gioia e dar dolore…
Ho scoperto de esse amato dar Signore…

Questa è na storiella che nun ’ha niente da insegnà,
Solo che in cielo c’è un Dio che piagne se lo chiami papà!

 POESIA TRATTA DA «SOGNI DI UN UOMO»

La richiesta dell'asilo umanitario
è la richiesta di un umano ad altri umani,
del diritto di stare in un posto
dove la sua pancia non sia minacciata.
Il suo futuro meno plumbeo
e la sua vita più longeva.
Non si tratta sempre di guerre
che spingono noi altri ad andarcene,
ma di una cosa più atroce,
la povertà.
La fame uccide molto più lentamente
di una pallottola.
Ma è molto più crudele.
Insidiosa.

Trasforma l’uomo in bestia per l’uomo.
Non ci sono grandi chance
per chi nasce oggi in Africa.
Poiché non c’è dubbio
che siamo costretti
nel sistema monetario internazionale
senza averne i requisiti
né tantomeno i presupposti.
Cosa fareste se i vostri figli
non avessero da mangiare?
Cosa fareste se i vostri padri fossero costretti
in miniere pericolanti per estrarre quell'oro
che arricchisce solo
chi è dall'altra parte dell'Oceano?
Cosa fareste se i vostri nonni morissero
di fame preferendo dare la loro parte
ai loro nipoti?

Quello che farebbero tutti.
A costo della vostra vita,
cerchereste di salvare la loro.
Perciò non capisco né comprendo
chi vuole rimandare a casa propria
chi lì è già quasi morto.
Sento di slogan che parlano
di riportare gli immigrati a casa loro.
Ma a fare cosa?
A morire di una morte lenta?
Vedo compassione per gli italiani
che hanno perso le loro case
durante il terremoto.
E vedo odio per uomini e donne
che hanno solo la colpa di volersi salvare.
Dov'è la giusta informazione?
Chi dice il vero?

Perché far pagare a noi migranti
l'incompetenza di un sistema
e di una società imperialista
che da noi ha solo prelevato
e tuttora continua a farlo?
Il mio paese non siede tra i grandi dell'ONU.
Non ha voce.
Lì, muoiono le persone per inerzia.
Non voglio credere che qualcuno
pensi che una donazione per un vaccino
possa salvare l'Africa.
O semplicemente che qualche vestito usato,
adozioni a distanza o attività parallele
possano portare sollievo al mio continente,
alla mia gente.
Non si tratta più di un sogno
né di un desiderio ma di un’esigenza.

Chi non ha vita laddove è nato
ha il diritto di cercarlo altrove dove c'è.
A maggior ragione quando a tirare i fili
di questo sistema e dunque giustamente
a goderne, sono pochi.
Gli uomini bianchi ricchi non sono razzisti,
non ne hanno motivo,
usano i migranti nelle loro società,
ditte, li amano perché sono disperati
e giustamente costano Gente semplice
che si contro gente semplice.
Non si può colpevolizzare
né reprimere la realtà.
Bisogna analizzarla
e trovare una soluzione comune.

Soumalia Diawara

SI SONO SPARTITI IL MONDO, NIENTE MI SORPRENDE PIU'

Se mi dai la Cecenia
Ti lascio l'Armenia
Se mi lasci in Afghanistan
Ti do il Pakistan
Se non lasci Haiti
T’imbarco per Bangui
Se mi aiuti a bombardare l'Iraq
Organizzo per te il Kurdistan
Si sono spartiti il mondo, niente mi sorprende più
Niente mi sorprende
Niente mi sorprende
Si sono spartiti il mondo, niente mi sorprende più
Se mi lasci l'uranio
Ti rendo l'alluminio
Se mi lasci i tuoi depositi
Ti aiuto a cacciare i talebani
Se mi dai un sacco di grano
vengo in guerra con te
Se mi lasci estrarre il tuo oro
Ti aiuto a cacciare il generale.
SI sono spartiti il mondo, niente mi sorprende più
Niente mi sorprende
Niente mi sorprende
Si sono spartiti il mondo, niente mi sorprende più.
Niente mi sorprende.
Niente mi sorprende
Si sono spartiti l'Africa,
senza consultarci
Sono sorpresi che siamo disuniti
Una parte dell'Impero Mandingo
Era al Wolofs (SENEGAL)
Una parte dell'Impero Mossi
Era in Ghana
Una parte dell'impero Soussou
Era nell'Impero Mandingo
Una parte dell'Impero Mandingo
Era dai Mossi
Si sono spartiti l'Africa,
Senza consultarci
Senza chiederci
Senza avvisarci
Si sono spartiti il mondo, niente mi sorprende più
Niente mi sorprende
Niente mi sorprende
Si sono spartiti il mondo, niente mi sorprende più.

Tiken Jah Fakoly
Traduzione Soumalia Diawara

UN MONDO UGUALE?

Abbattere le differenze
ed azzerare le culture
affinché ogni uomo sia il riflesso
di ogni uomo?
No.
Non ci siamo.
Un mondo di rispetto
porta a modi equi.
Tutto qui.
La diversità è ricchezza,
i colori fanno l’arcobaleno
e le voci dovrebbero arrivare ai cuori.
Le armi più forti sono
di chi sfrutta i più deboli.
E finiscono nelle loro carni.
Bianco o nero sono distrazioni,
povero e ricco divisi da una frontiera.
Ogni padre che ama
augura ad ogni altro padre
ciò che vorrebbe per il figlio.
Ogni madre che partorisce
non può voler che un’altra donna
perda i figli.
Ma loro non lo sanno.
Perché loro, i loro figli,
non vanno in guerra e quando ci vanno,
sono generali o colonnelli nelle retrovie.
Coloro che costruiscono le case dei poveri
come scatole di sardine
e vivono in meravigliosi palazzi
che affacciano sul mare,
coloro che estraggono il petrolio altrove
e decidono i destini
di quei popoli costretti alla fame,
coloro che possiedono le banche
e le società farmaceutiche
che avvelenano per curare
alle nostre spese,
sono loro i veri nemici.
Dicono che bisogna prendere
i soldi da noi, noi poveri,
poiché siano in tanti.
Ma non hanno dimenticato
che quel numero fa la nostra forza
ed allora ci hanno divisi in fazioni,
affinché lottando tra di noi,
non ci accorgiamo di loro.
Continuo a non rispondere ai fascisti,
sessisti e razzisti perché so
che sono ignare vittime
di un sistema che li vede
anch’essi repressi.
Ma la logica del capitalismo
si perde dinnanzi
alla realtà dell’umanità.
Le banche prestano, noi diamo.
Le religioni impongono, noi siamo.
Le culture dividono, i nostri cuori uniscono
per il loro battito.
Non dobbiamo far ricredere nessuno,
ma semplicemente vivere
come dovremo.


Poesia tratta da «La nostra civiltà»
Soumalia Diawara

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1books11
  libroicontattiuniti139copertina italiano140