Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски
LUIGI1Di Luigi Benedetti

"In principio era il Verbo, il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio"
La Luce idrogenale creante dell'Universo tutto, causa del dinamismo che istruisce ogni forma e sostanza ideata, sia manifesta che pre-manifesta, rappresenta il mezzo con cui gli Archetipi generatori del divenire macrocosmico partoriscono Spiriti Intelligenze nella sconfinata fucina alchemica di Dio. Questi Spiriti, forgiati nel tempo e nello spazio attraverso il percorso naturale dell'evoluzione, si plasmano nelle nebulose cosmiche, nella densa materia, per poi modellarsi e raffinarsi a tal punto da spiccare il volo e vincere la tridimensionalità, ormai non più necessaria, per solcare beati il Cielo spirituale e manifestarsi nel Mondo delle Idee.

Ed è con tale atto, cioè con la sacra trasmutazione del piombo in oro, che l'uomo prende possesso della Pietra filosofale, divenendo uomo-Dio. Così, in virtù del loro cosciente e trascendente stato vibratorio acquisito, tendono la mano ai loro amati fratelli minori, a quei giovani spiriti che ancora sono intenti a liberarsi dal fango delle basse pulsioni, intrappolati nella dualità dei Mondi della Carne.

Il Logos solare, l'eterna Sapienza personificata ed emanata dagli Elohim, desidera quindi accarezzare il cuore di coloro che si genuflettono devoti alla Chiamata evolutiva, in quegli istanti infiniti che si palesano durante la vita, in quegli attimi sospesi nel tempo, in quegli sprazzi di Eternità. In tal modo, lo Spirito Paraclito nutre di Luce e Amore le bocche assetate di Verità, dissetandole con l'acqua della Vita, con il nettare degli Dei, Ambrosia che rende immortali. "Chi berrà dell'acqua che io gli darò, non avrà più sete in eterno. Anzi, l'acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d'acqua che zampilla per la vita eterna"

L'antico Insegnamento dell'isola di Poseidonia non ha ancora avuto termine, e mai lo avrà, poiché esso è emanazione del Logos Solare che dimora nell'eterno presente. "Prima che Abramo fosse, Io Sono!".

Negli ultimi 14mila anni la Fiamma della Verità ha avvolto la Terra e scaldato il petto a coloro che il Padre ha voluto conservare nella Verità, a coloro che sono nel mondo ma non sono del mondo, a coloro cui è dato conoscere il mistero del Regno dei Cieli. Restano i nomi, cambiano le facce, ma lo Spirito Consolatore, con il suo caldo soffio vitale, passa ad uno ad uno i suoi Messaggeri, togliendo finalmente i sigilli della Pergamena Giovannea e annunciando le cose future tutte per intero. "Il Vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai da dove viene e dove va".

L'aquila d'Oro, pronta a lanciarsi in picchiata Dal Cielo Alla Terra, si appresta ad afferrare con i suoi artigli i figli del mondo e a lanciare l'ultimo grido di allerta contro l'umanità "Guai! Guai agli abitanti della Terra!". Ori, Nibiru, Bharat, e molti altri vegliardi della cerchia del Signore che in passato ammaestravano gli alunni bramosi di conoscenza nei templi d'avorio e oricalco, oggi rivelano la Verità nelle piazze, nelle strade, dai tetti delle case. E nessuno potrà dire “Non sapevo!” - "Non c'è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto. Pertanto ciò che avrete detto nelle tenebre, sarà udito in piena luce; e ciò che avrete detto all'orecchio nelle stanze più interne, sarà annunziato sui tetti".

Oggi, la Verità del Tempo di tutti i Tempi si riaccende con nuova fiamma e con tutta la sua sfolgorante potenza, attraverso Esseri dal Pensiero volumetrico incarnati in mezzo agli uomini. Pensiero che, se usato in accordo alla Legge del Padre, può far sì veramente che l'uomo diventi ad immagine e somiglianza del suo Creatore. Ed è per questo che la Millenaria Scuola di Poseidonia riapre i battenti, per marchiare a fuoco gli ultimi segnati che sono stati chiamati, affinché si raggiunga il numero di spiriti stabilito da Dio e si possa manifestare il Regno Promesso fin dalla creazione del mondo.
Oggi, riaffiora il Vento dello Spirito Atlantideo e riemerge l'Insegnamento di Poseidonia, che rivede la Luce per mezzo dei suoi Maestri, gli Immortali Mutanti creatori di forma e sostanza, amati dal Cristo.

6 GENNAIO 2020 - GUBBIO
RIUNIONE SPIRITUALE DELL'EPIFANIA

Marco Marsili annuncia la riunione spirituale con Giorgio, poi presenta le tematiche dell'incontro e il programma della serata. Successivamente introduce il tema dell'Epifania:
“Cosa possiamo dire dell'Epifania? Ma io posso dire quello che ho letto. In questi giorni sto leggendo la trascrizione delle visioni di Teresa Neumann. Sono molto interessanti e commoventi perché lei ha ricevuto delle visioni come se le stesse vivendo in prima persona. Infatti chi era lì intorno, ci sono anche dei filmati, vedeva lei che partecipava a quelle scene che solo lei vedeva, dopo ci che viveva una sorta di quiete spirituale, grazie alla quale riprendeva un attimo le forze e parlava di quello che aveva visto prima di riposarsi. Lei aveva 12 fratelli, per cui c'era sempre gente durante le sue visioni, parenti e amici. Lei, una santa stigmatizzata: il Venerdì Santo aveva le stigmate. Non erano sempre permanenti, come quelle del nostro maestro Giorgio. Erano comunque delle sanguinazioni, delle estasi molto impressionanti quelle di Teresa Neumann. Si trovano facilmente in internet. Sono molto impressionanti, molto impattanti. Per quanto riguarda l'Epifania, le sue dichiarazioni mi hanno lasciato un po' spiazzato, perché io ingenuamente pensavo che i Re Magi fossero 3, poi c'è chi dice che fossero 7, chi invece 10, oppure 3. Lei dice che c'erano 3 regnanti, uno della Media, uno d'Africa e un altro più orientale. Ma non erano loro i Magi, loro erano i regnanti che, attraverso i loro astronomi, i loro sapienti (Magi), erano venuti a conoscenza di questa strana stella che era nel cielo. Ora non ho ben capito dalle sue visioni se c'era effettivamente una stella particolare e, a latere di questa, le carovane dei Magi siano state guidate da un'altra stella, che sappiamo che una stella non era, oppure se quella che vedevano nel cielo era già la "stella” che poi li avrebbe guidati. Io sono più propenso alla seconda ipotesi.”

Flavio Ciucani: Su questo ci sono due elementi fondamentali, due momenti: il primo riguarda ciò che si legge nel Vangelo, il secondo momento invece quello più scientifico, più storico-scientifico. Il Vangelo ci dice che arrivarono i Magi dall'Oriente e portarono in dono Oro, Incenso e Mirra. Non è scritto che vennero 3 Magi, né è scritto che vennero 3 Re. Si dice che portarono 3 doni, per cui, poi, nella credenza popolare si pensò che tali doni fossero uno a testa. Ma questo non è, anche perché della tradizione si parla di 12 personaggi e non di 3. La tradizione comincia a prendere spunto da tutto quello che era la teoria numerologica degli ebrei, ovvero la Cabala, per cui non è credibile neanche questo. In Germania, a Basilea, c'è una grande chiesa in cui si trova la tomba dei Magi, e sono 12 tombe. Però tutto questo potrebbe essere non significativo, quanti fossero che cosa essi portassero. La cosa che interessava invece a Matteo era molto più importante, perché Matteo è uno degli Apostoli che fece una strada diversa: andò per un po' con Paolo, fu colui che scrisse il Vangelo di Paolo. Paolo parlava e istruiva la gente, quindi parlava del Signore, parlava di Gesù, parlava della storia di Gesù. Si confrontò anche con gli altri due Vangeli, ma non aveva conosciuto direttamente Gesù, e non aveva appreso da nessuno le notizie sulla sua vita. Quindi questo fa presupporre che lui andasse in estasi e vedesse il Maestro durante la sanguinazione delle sue stigmate. Paolo era uno stimmatizzato, per cui andava in estasi, come Giorgio oggi va in estasi durante la sanguinazione. Per cui Paolo è stato istruito direttamente dal Maestro Gesù.

Marco: è lui che scrive "io muoio ogni giorno per le ferite riportate sul mio corpo".

Flavio: Matteo ha riportato questo fatto e ha scritto il Vangelo a Roma. Poi le strade di Matteo e Paolo si sono divise: una ipotesi è che Paolo sia partito prima da Roma per andare in Spagna, oppure che Matteo sia partito dopo la morte di Paolo, a seguito della persecuzione perpetrata da Nerone contro i cristiani. Matteo quindi parte da Roma e arriva in quello che è l’attuale Iran, dove ci sono documentazioni storiche che ne testimoniano la presenza. Oggi nel 2020 in Iran c’è ancora una comunità religiosa che si rifà a Zarathustra, fondatore del Zoroastrismo. Tale confessione si basava sulla credenza in un salvatore che avrebbe dato la via per arrivare fino all’eternità, al paradiso e alla gioia eterna. I sacerdoti di questa religione si chiamavano Magi. Per cui, con il riferimento ai Magi, Matteo ha voluto dire che esisteva un’altra religione che professava Gesù come il loro salvatore. Lo Zoroastrismo e il Cristianesimo hanno molti punti in comune, e Matteo ne ha voluto evidenziare il nesso nel suo Vangelo. Questa è l’origine dell’Epifania che possiamo dedurre dai Vangeli e dalle fonti storiche.

Rispetto all’Epifania, per come la intendiamo noi, ossia la festa della Befana, questa è una questione prettamente romana, sviluppatasi in epoca tardo-cristiana. A Roma l’Epifania coincideva con una festa romana dei bambini, che in questo periodo dell’anno ricevevano delle regalie. Tale festa è stata ripresa dai Cristiani per festeggiare l’arrivo dei Magi che portavano doni al bambino Gesù. La figura della Befana è invece stata introdotta nel tardo Medio Evo e rappresenta una strega buona.
I primi Cristiani credevano che l'Epifania (dal greco "mi mostro al mondo, mi manifesto") fosse il Natale. Infatti il Natale degli ortodossi si festeggia due settimane dopo il nostro. Il Natale è stato portato al 25 Dicembre per due ragioni: la prima è la coincidenza con il solstizio di inverno, quando il sole ricomincia ad illuminare le giornate, che diventano sempre più lunghe. La storia narra che Costantino, avendo accentrato il potere temporale e quello spirituale nella figura dell’imperatore, era il massimo rappresentante della religione romana, e il suo simbolo era il Sol Invictus, il sole invincibile. Dal 20 al 26 dicembre si celebrava la festa del sole, proprio per la coincidenza con il solstizio invernale. Il Sole è la rappresentazione di Dio, l’emblema di Gesù, per cui il Natale venne spostato al Dicembre.

Marco: Quindi Gesù probabilmente è nato tra il 6 e il 7 gennaio.

Flavio: È probabile. Probabilmente in realtà è nato in primavera. Rispetto a questo si presume che Gesù fosse del segno dei Pesci. In epoca romana i censimenti venivano indetti in inverno per cui, considerando la lentezza degli spostamenti, che venivano affrontati a piedi o con animali da soma, la registrazione avveniva in primavera, per cui è probabile che Gesù sia nato in Primavera. Il censimento è stato fatto sotto Quirino, governatore della Galilea per i primi 5 mesi dell’anno.
La seconda ipotesi è di epoca medievale: a Sant’Elpidio e a Gubbio si festeggiava l’entrata della primavera il 25 Marzo. Il 25 Marzo è l’annunciazione della Beata Vergine, ovvero il momento in cui l’Arcangelo Gabriele annuncia a Maria che è incinta dell’Immacolata Concezione.

Marco: Potrebbe anche essere che Gesù sia nato il 25 Dicembre perché la divinità si sovrappone al culto solare, essendo l’incarnazione del sole.

Flavio: Comunque su questo argomento possiamo fare solo supposizioni basate sulla logica, sulla lettura del Vangelo, e possiamo fare delle ipotesi dal punto di vista spirituale.
Nella lettura del Vangelo possiamo trovare qualche riferimento basato sulla stagionalità, ma resta vago.
Il discorso sulle origini dell’Epifania e della nascita di Cristo continua con un botta e risposta tra Flavio e Marco. Solitamente le religioni si sono appoggiate ai governanti di ogni epoca per avere una diffusione più ampia e non essere osteggiate. Nello specifico, Costantino fece un editto per la libera pratica di ogni religione nell’impero romano. Inoltre, l’imperatore diede ai Vescovi la facoltà di governare le provincie, fondendo il potere spirituale con quello temporale. La chiesa cattolica da Costantino in poi è diventata potente e ricca, In questo modo Costantino si assicurò la fine di ogni diatriba. Nel 325 dC ha indetto il primo Concilio della storia. Da qui i vescovi non furono più liberi di indire tali Concili senza la presenza dei governanti, almeno fino al 1000 dC.

Per tornare al discorso dell’Epifania, i Re di cui parla la Neumann rappresentano dei territori in cui era presente la religione di Zoroastro.
Ma come erano venuti a sapere della stella cometa e della profezia del Cristo? I Magi erano scienziati astronomi e astrologi. Lo studio dei movimenti planetari e delle interazioni dei corpi celesti poteva determinare i tempi, i luoghi e i modi dei cambiamenti dell’umanità. Probabilmente i Magi sono arrivati molto prima della nascita di Cristo, in quanto erano a conoscenza solo del periodo. L’indicazione del luogo e del omento esatto è stata data dalla “stella”, che in realtà non era una stella, bensì un corpo celeste con determinati connotati, quali erano stati studiati dai Magi.

Arriva in sala Giorgio e ha inizio la riunione spirituale.luigi7

Giorgio: Buonasera. Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo, Amen.

Ho fatto un viaggio un po’ lungo ma sono qua, siamo qua, insieme a tutti voi. Sono venuto qua per ascoltare gli Our Voice, soprattutto. Secondo il programma che mi è stato dato da Sonia Tabita e dai vertici di Our Voice oggi ho il piacere, l’onore, la gioia e anche la tristezza di chiudere il campus Our Voice che quest'anno è stato fatto sotto le feste di Natale fino ad oggi. La prima cosa che mi sento di dire in discorso di chiusura, è che ognuno di noi deve dire quello che pensa, quello che sente, tutti quelli che hanno partecipato. Io parlerò per due, per me e per Pier che non ha voce, però credo di interpretare anche il suo pensiero dicendo che è stato un campus straordinario. Il bilancio è veramente strepitoso sia degli studi che delle attenzioni che abbiamo avuto con gli ospiti straordinari interni ed esterni, sia della redazione Antimafia, di quella spirituale stessa. Giulietto Chiesa, che è stato nostro ospite illustre di quest'anno, ha fatto dei commenti direi straordinari, meravigliosi. Un grande giornalista e scrittore, che è anche molto pragmatico, molto razionale, non si fa prendere facilmente dalle emozioni, ha detto di non aver mai visto, e lui ha fatto centinaia di migliaia di conferenze e convegni, un’attenzione come l’ha avuta da questi giovani che ha incontrato durante la conferenza di Fermo, può essere pari solo a quella a lui riservata in Russia. Siete stati straordinaria, la partecipazione è stata grandiosa, per cui io vorrei una relazione scritta da parte di tutti i partecipanti del campus. Una relazione che deve rimanere negli archivi di Our Voice di quest'anno di tutto ciò che avete appreso in questo studio chiamato campus.

Sonia Tabita propone, oltre alla relazione, di organizzare un altro incontro con Giorgio, in cui la relazione si può esporre oralmente, da registrare su video.

Giorgio: Potete raccogliere le impressioni, ma quello che più mi interessa sono i dati. Io avevo detto ieri nella chat che vi avrei interrogato, non è uno scherzo. Rimandiamo l’interrogazione. Tutti voi dovrete esporre, per cui tutti dovrete dire che cosa avete realizzato nei tre campi di studio, antimafia, attivismo sociale, aiuto a chi soffre e messaggi spirituali, che cosa avete realizzato, e soprattutto mi piacerebbe sapere dove vi sentite creativi nel porre in essere spettacoli, rappresentazioni artistiche. Perché voi dovete apprendere e studiare per poi creare delle scenografie di balli, canti e composizioni teatrali sui teatri di tutto il mondo, Italia e Sud America. Sonietta coordina e addirittura crea, però le creatività devono nascere anche da tutti gli altri, che poi devono spingere ai vertici di Our Voice a comporre e coordinare quelle ispirazioni che devono venire da chi si occupa professionalmente di quel settore dell’arte, cioè, ad esempio, Stefano nel balletto, Elisa nella recitazione, ecc. Riccardo che non va in scena può creare immagini e deve esporre la sua creatività in ciò che ha appreso di quell’argomento, trattasi di antimafia, trattasi di stelle. Questo è importante, perché poi tutto rimane bello, ma bello per me, che ho il compito di esporlo oralmente o attraverso la scrittura o con le immagini. Ma voi lo dovete mettere in scena. Per voi si complica di più la vita nel traslare ciò che avete appreso in una scena teatrale. Però prima io devo vedere se lo avete appreso bene, da qui l’incontro, per capire se avete compreso bene e realizzato il messaggio del campus, che quest’anno è stato molto più profondo dell’anno scorso su tutti i livelli. Quindi dovete rispondere alla docente se avete capito gli argomenti realizzati. Poi la creatività verrà da sola, ma intanto interessa che voi abbiate studiato e che abbiate realizzato. Complimenti ai ragazzi per il campus di grande livello.

Domanda di Pier: Cambiando argomento, puoi commentare quello che è accaduto in Iran con l’assassinio di Soleymani e la tensione che c’è adesso? Giulietto sostiene che non ci sarà una grande reazione da parte dell’Iran, perché non ha le armi atomiche. Tu cosa pensi? Il Cielo ti ha detto qualcosa?

Giorgio: Il Cielo mi ha detto quello che ho scritto e che avete letto tutti. È una grande provocazione ed è un segno dei tempi. Ed è il segno che vogliono defenestrare in qualche modo al presidente degli Stati Uniti d'America che vogliono farlo fuori. A me non dispiacerebbe, quindi voglio proprio che lo facciano fuori. Ma non perché sia d'accordo con quei folli guerrafondai che lo vogliono fare fuori. Io sono d'accordo che si compiano le profezie. Non sono d’accordo dal punto di vista sociale ed etico perché è un atto di ferocia sanguinaria di personaggi guerrafondai che vogliono fare la guerra e che sono avidi di sangue e non vedono l'ora di attaccare qualche Paese, cioè l’Iran, di scatenare la terza guerra mondiale, portare il mondo all’autodistruzione, e loro pensano di sopravvivere e governare il mondo. Questi sono i generali del Pentagono, alcune lobby ebraiche e islamiche, i guerrafondai politici americani dell’industria delle armi, i padroni universali, come li chiama Giulietto Chiesa. Che non sono solo americani, sono anche inglesi, francesi, tedeschi, arabi. Quindi credo che Trump non sia stato nemmeno avvertito, non l'hanno nemmeno calcolato. Sono andati a dirgli "è successo questo, ora te lo gestisci tu, firma l’ordine retrodatato". E quindi lui sa che è ai ferri corti. Adesso vediamo come va a finire l’impeachment. Anche se lo dovessero assolvere perderà le elezioni; o comunque vogliono che lui le perda per mettere un repubblicano o un democratico che si occupi di politica estera perché a Trump non interessa la politica estera. Lui vuole solo la ricchezza delle classi statunitensi più abbienti, mantenendo uno stile di vita americano alto per i ricchi. Non gli interessa l’ulteriore indebolimento delle classi sociali più povere. A lui interessa che tutta l’elite, l’establishment dei ricchi americani viva in una nazione ricca. Per questo cerca di fare delle vere e proprie truffe economiche per mantenere gli Stati Uniti e il popolo americano ad uno status di vita alto. Non sa o non vuole sapere che l’America è attualmente in fallimento, e non vuole ascoltare i guerrafondai industriali e i banchieri che gli stanno dicendo "o noi facciamo delle guerre o noi falliamo". Lui non vuole fare la guerra nel mondo perché non gli interessa, lui è il classico miliardario che vuole fare soldi ed avere belle donne. Quindi o lo uccideranno oppure inventeranno qualche scandalo. Secondo me l'Iran risponderà in modo violento, facendo credere agli Usa di avere armi di distruzione di massa. Attaccheranno il Golfo Persico e non faranno passare le navi con il petrolio. Ci sarà un fallimento generale dell'economia poiché il petrolio potrà costare anche 100 dollari al litro! Questa è la risposata che darà l'Iran, attaccare tutte le petroliere che passano nel Golfo Persico, dove passa tre quarti del petrolio del mondo. E nel Golfo Persico la flotta più potente è dell'Iran, quindi non ha bisogno di lanciare i missili in Europa. Senza petrolio, tutti andranno sotto scacco. Questo è l'inizio di una escalation che durerà qualche anno, siamo nelle serie delle coppe dell'apocalisse. Vorrei dire agli italiani e al presidente del consiglio che noi siamo assassini, poiché i droni sono partiti e partono anche dal nostro paese. Siamo tutti colpevoli di concorso in strage. Io non ci credo che Conte non sapeva niente. Intanto gli extraterrestri guardano, osservano, danno opinioni ma non intervengono finché non verrà sparata un'arma di distruzione di massa che uccide decine di milioni di persone. Noi dobbiamo stare tranquilli, perché siamo operai al servizio del Cielo, di Cristo, quindi dobbiamo andare avanti con le nostre proteste.

D: Prima si parlava di quando sia nato in realtà Gesù. Oggi, essendo il giorno dell'Epifania, si stava facendo un discorso a riguardo. Lo chiedo a te.

Giorgio: Gesù non è nato il 25 dicembre, ma è nato tra marzo e aprile dell'anno zero, nel periodo primaverile. Non era caldo, ma nemmeno freddo invernale. Ecco perché cercavano un posto al riparo Giuseppe e Maria. Volevano un giaciglio per Gesù, quindi il fatto che il bue e l'asinello lo abbiano riscaldato con il loro fiato ci potrebbe anche stare, mentre non avrebbe avuto senso se fosse stato in pieno inverno. Poi, stiamo sempre parlando del figlio di Dio, che se vuole potrebbe far sorgere il Sole anche di notte.

D: I Magi erano davvero tre?

Giorgio: I rappresentanti erano tre, ma poi avevano una schiera di principi e principesse, della tribù di Zoroastro, e sapevano che l'espressione massima della divinità avrebbe preso corpo in Palestina. La stella cometa era in realtà l'Astronave SHA, di 40 km di diametro, l'astronave della Confederazione Interstellare; si trovava fuori dall'atmosfera, altrimenti avrebbe illuminato tutto, ed è una città-astronave che ha fatto da rotta per seimila km ai Magi. Tutte le vere religioni sono state fondate dagli extraterrestri, quindi gli esseri di luce hanno portato in Palestina i Magi per rendere onore al figlio di Dio. Loro sapevano che Israele era stato scelto come popolo privilegiato per trasmettere la nuova genetica a tutto il mondo, esperimento che invece è fallito. La genetica degli ebrei si è ora trasferita nei popoli latini che stanno evangelizzando il mondo.

Il messaggio migliore dato al mondo è quello cristiano , gli altri sono straordinari, ma sono anche violenti. Nel Cristo invece vi è l'istigazione alla non violenza. Nessuno degli altri Avatar si è sacrificato come Cristo per salvare il mondo.

D: L'altro ieri stavamo parlando di alcuni dipinti di Bruce Pennington. Stavamo parlando del momento in cui ci sarà l'intervento delle forze celesti per prelevare i bambini e i giusti. In un suo dipinto venivano prelevati persone sia col corpo fisico sia in spirito. Questo è giusto? E quando avverrà si proverà terrore?

Giorgio: Chi verrà preso avrà gioia e non crederà ai suoi occhi. Ci sarà solo gioia perché sarà prelevato solo colui che è a conoscenza della verità. Chi non è a conoscenza della verità non sarà prelevato. Anche i giusti, i magistrati e i giornalisti che operano nella società saranno prelevati, perché hanno la mente aperta e quindi conoscono la verità come noi. Sono coscienti della verità. Chi avrà paura significa che non ha coscienza della verità e quindi non verrà preso. I bambini vi ho detto che li prendono tutti. L'importante è operare ed amare, poi uno può crederci o meno, perché chi opera crede nell'azione.

D: Ha qualche significato il fatto che il drone che ha ucciso Soleymani sia partito proprio da Sigonella?

Giorgio: Al centro della Sicilia c'è il MUOS, il più grande coordinamento radar logistico satellitare militare europeo. Quindi, da lì è stato dato l'ordine. Nella mia terra, questo è un segno molto brutto e negativo. Dovremmo scendere nelle piazze e dire agli USA che a noi non interessa la guerra. Ma non abbiamo il coraggio di farlo. A me non interessa più niente di perdere tempo, perché tanto questo popolo non cambia, a me interessa diffondere il messaggio Cristico e fare la lotta alla mafia, perché so che attraverso questo percorso noi possiamo arrivare all'Anticristo. Ma siccome ci sono degli operatori del cielo come voi in giro, gli italiani sono fortunati, perché qua in Italia non succederà niente. Se succederà qualcosa anche qui in Italia, gli extraterrestri annienteranno le forze militari del mondo. Voi giovani avete la grande responsabilità di risvegliare altri giovani. Siete tutelati dall'Alto. Finché non torna Gesù nessuno vi intralcerà il cammino, soffrirete perché vedrete tanta gente che muore, ma l'Opera non ci farà cadere in depressione. Ma di cose brutte ne vedremo tante. In Italia però non succederà niente. Qui succederanno cose per quanto riguarda la mafia, su cui stiamo lavorando.

Io sto pregando tanto il Padre Adonai per un contatto massivo. Prima dello scatenarsi di qualsiasi cosa, vorrei che gli extraterrestri si manifestino a tutti massivamente. Atterrare in massa, fermare il mondo 24-36 ore, fare parlare un operatore della Terra, e poi andarsene. Darebbero un messaggio positivo e universale a tutti quanti, e tutte le tv lo potranno riprendere. Prenderebbero un portavoce tra noi e gli comunicherebbero un messaggio. Loro farebbero sparire tutte le armi grazie al potere dell'antimateria. Io questo sto chiedendo ai fratelli del Cielo. Non mi hanno ancora risposto. Ma può accadere. A quel punto ragazzi, se la gente non li accetta, saranno guai. Oggi sono intorno ai 10 milioni quelli che accetterebbero il loro aiuto. I bimbi di oggi vedranno sicuramente questo contatto cosmico, che presto ci sarà.

D: Durante l'ultima riunione che hai fatto col Sudamerica, hai detto che nella seconda venuta di Gesù, lui si manifesterà come Figlio.

Giorgio: Bravo, duemila anni fa si è manifestata la Trinità nel corpo di persone, cioè Cristo e sua Madre. Perché Maria quando era sotto la croce era sia lo Spirito Santo, mamma, sia il Padre, il quale stava in silenzio; ma è come se avesse risposto tramite la madre che accarezzava e aiutava Gesù ai piedi della croce, affinché si compisse la volontà di Dio. Quindi, la Madonna sotto la croce rappresenta la Madre (Santo Spirito) e il Padre (Adonai). Oggi, invece, l'unico che rappresenta la Trinità è Cristo, che è già sulla Terra attraverso Gesù, in incognita. Un altro mio desiderio sarebbe che Gesù una sera vi potesse visitare fisicamente come ha fatto con me. Voi aspettatelo che verrà.

D: Ti ringrazio per le parole di consolazione che ci stai donando. Mi nasce un dubbio: Gesù ogni volta che faceva un miracolo, diceva "la tua fede ti ha salvato". Poi disse "Quando tornerò troverò ancora la fede sulla Terra?". Allora mi domando, non è per caso che i fratelli del cielo ci daranno gli strumenti ma saremo comunque noi a dover fare il nuovo regno? Saremo noi a dover dare l'ultimo atto di Fede?

Giorgio: Se succede oggi la terza mondiale, non ci sarà più nulla da ricostruire nel nostro pianeta perché tutto sarà distrutto e radioattivo per millenni e millenni. Solo Loro possono ricostruire e rigenerare la Terra e creare il Nuovo Regno. Noi dovremo dare Loro il consenso. Solo così ci darebbero gli strumenti. Io spero che Loro si mostrino a tutti per dare l'ultima chance a questa umanità, prima che avvenga l'olocausto nucleare. Io glielo chiedo tutti i giorni.

D: Il bellissimo messaggio che hai ricevuto su Yogananda diceva che lui è uno dei sette Arcangeli di Cristo. Quindi anche lui è uno degli Ashtar Sheran? Se sì, quale di loro?

Giorgio: Assolutamente sì. Yogananda è un Arcangelo di Cristo, uno dei sette Ashtar Sheran. Non ha importanza quale egli sia. Hai presente sette gemellini tutti uguali, ognuno con un nome diverso? Ogni giorno ti viene a trovare uno di loro, e tu non sai chi di loro egli sia, perché sono identici in tutto e per tutto. Quindi che interesse può avere sapere egli quale dei sette di loro sia, se sono tutti gemelli? Sono i sette spiriti di Dio, gli esseri più vicini a Cristo, i comandanti delle flotte intergalattiche che operano in questa parte di Universo. Ogni Sole ha un Regno, e il Regno di colui che abbiamo conosciuto come Gesù è questo Sole, però chi Gesù aveva dentro era il Re di tutti i Soli.

D: È possibile, per quanto riguarda l'ipotetico e sperato atterraggio, che avvenga prima qualcosa di meno eclatante ma comunque forte, ad esempio che le astronavi si abbassino di quota e che gli Esseri si facciano vedere dall'interno?luigi8

Giorgio: Se decidono di farlo tra uno o tre anni, ci sarà una campagna di sensibilizzazione e di preparazione straordinaria. Tutti potranno filmare le astronavi, non solo tu o Antonio Urzi. L'umanità dovrà essere preparata al meglio in meno di un anno. C'è però anche una campagna contro gli extraterrestri, quindi dovranno fare una sensibilizzazione molto accurata. C'è un piccolo dettaglio però: per stare con Loro, bisogna dare TUTTO. Anche tua moglie e i tuoi figli, non solo i soldi. Il lavoro, la casa, tutto. Siamo pronti a questo? Loro hanno tutta la ricchezza dell'universo, tutte le medicine dell'universo, guariscono tutte le malattie dell'universo, hanno tutta l'energia dell'universo, loro hanno tutta la tecnologia dell'universo, loro possono amplificarti il quoziente intellettivo, ti possono dare tutto. In cambio però ti chiedono tutto. Accettate? Io certo che accetto. Tutto ciò che puoi usare è della comunità, della confederazione, non c'è proprietà privata nel Nuovo Regno. Per questo si deve dare tutto, poiché ogni oggetto di possesso è un reato, e c'è una pena per chi commette reato. A chi ha molti soldi non piace questa comunità degli extraterrestri.

Il più grande peccato dell'uomo sono i soldi. Basterebbe togliere i soldi, e non ci sarebbe nemmeno bisogno dell'atterraggio di massa. Ma i soldi sono una scelta dell'uomo che vuole schiacciare il fratello. I soldi sono più potenti di tutte le altre armi. Le armi militari non hanno un pensiero, mentre i soldi hanno una vita propria, hanno un loro pensiero. L'anticristo attraverso i tuoi soldi in tasca comunica con te e ti condiziona la vita. Io li uso solo per fare l'Opera, altrimenti io tratto i soldi come carta igienica. Sono obbligato ad utilizzarli per l'Opera, altrimenti me ne starei lontano. Sono pezzi di carta vivi, dei virus che danno fastidio alla nostra vita. Non innamoratevi mai dei soldi. Le soddisfazioni della vita sono altre. Non fate risparmi, usate i soldi alla giornata e non siate ipocriti. Dovete avere Fede. Il giorno in cui Giorgio Bongiovanni metterà dei risparmi, sarà divenuto amico dell'Anticristo. I soldi devono servire solo per fare l'Opera. Il Cielo non ci farà mai mancare il denaro per i nostri figli. Io vincerò questa battaglia con i soldi, e sono da solo a fare questa battaglia; anche voi non comprendete ancora questo linguaggio. Lo comprenderete. Ma se io ho le stimmate e ho Cristo dentro di me, ci sarà un motivo? Io combatto tenacemente i soldi fino a distruggerli.

Tante volte mi chiedete come si chiama l'Anticristo, quanti anni ha e dove abita? Io ho incontrato la materializzazione dei 50 euro che noi abbiamo in tasca. Mi si è materializzato davanti e mi ha parlato, poi è svanito ed è ritornato nella mia tasca. Ma quel giorno mi ha parlato perche il Padre gli ha ordinato di parlarmi. Quindi l'Anticristo sono i soldi, e vive a Palermo, a Roma, a Zurigo, ecc…

Esiste ed è l'incarnazione dei soldi.

Quindi, questo messaggio è per Our Voice.
Se volete come guida me, non dobbiamo parlare mai di soldi, non dovete essere autonomi, non dovete fare soldi, non dovete chiedere soldi a nessuno, non dovete pensare di guadagnare soldi, perché io mi dimetto e non vi seguo più. Volete la mia guida? Allora noi dobbiamo essere senza soldi! Li trovo io i soldi per il teatro e la televisione. Se volete me come guida, i soldi non dobbiamo nominarli, mai! Non dobbiamo parlare mai di soldi! Se no, io mi dimetto. E non fatevi convincere mai da nessuno che vi dice che dovete essere indipendenti, perché i soldi non vi faranno indipendenti, ma vi renderanno schiavi. Ci penso io a trovare i soldi, farò io l'elemosina, mi umilierò io di fronte a tutti, ma voi dovete vincere senza soldi la battaglia contro l'Anticristo e vinceremo, uniti. Ma appena arriveranno i soldi, sarà la nostra fine!!! Non dimenticatelo mai. Our Voice, volete me? Ok, ma senza soldi! Questo discorso non me lo era programmato, ma mi è arrivato. Il Padre potrà mandarci anche 100 milioni di euro, ma non dobbiamo mai parlare di soldi. Non ci mancherà nulla, ma i soldi in tasca non li dobbiamo avere. Questa è la condizione per avere me come vostra guida, altrimenti cercatevi un altro maestro.

D: Il concetto del "dare tutto" è stato uno dei valori che abbiamo perseguito nel campus. E ci siamo detti che tutti noi dovremmo operare come se Cristo non dovesse mai tornare, e al momento stesso, come se dovesse tornare domani mattina.

Giorgio: Esatto, in questo modo se Cristo tornerà domani noi saremo pronti, se invece tornerà tra 20 anni, io avrò Fede che a tutti noi non mancherà niente, poiché se il Signore dovesse vedere che i fratelli hanno paura e non potranno aiutarmi, farà alzare le pietre affinché ci sia qualcuno che mi aiuti. Questa è la mia Fede, e non la cambio.

Dobbiamo tutti prepararci, perché arriveranno tempi duri e se abbiamo paura resteremo davvero senza niente. Se invece non abbiamo paura e avremo Fede, saremo così ricchi che il denaro lo bruceremo.

Sapete, io c'ero quando Gesù ha alzato le braccia al cielo e si è messo ad urlare "Non potete servire due padroni, due Dei, il denaro e Dio!" Non lo ha fatto mai in tutta la sua missione. Ha alzato come due deità suo Padre e il Denaro. Come due Dei. Ha detto che dobbiamo scegliere, o l'uno o l'altro. Chi sceglie l'uno avrà l'altro come nemico. Io ho scelto Dio. Se io grido in questo modo è perché se non vi entra in testa tutto questo, perderete anche l'anima. Se noi, pur di mantenere in vita il nostro corpo, ci vendiamo l'anima, faremo la morte seconda, non c'è scappatoia. Su questo sono intransigente, non deve entrare dentro la mia famiglia il germe della possessione. Mai!

D: Teologicamente, che esempio ci dà Giuseppe, il padre di Gesù?

Giorgio: Giuseppe è un essere di luce della Confederazione che ha fatto il suo compito perfettamente. È stato davvero un maestro. Non era un padre solo adottivo, ma è stato la protezione di Gesù bambino. Senza di lui, Maria e Gesù sarebbero stati torturati e uccisi. Invece Giuseppe è stato lo strumento dell'Arcangelo Michele, quindi Ashtar Sheran stava dietro Giuseppe. È stato un grande personaggio.

D: Come ci dobbiamo relazionare con la paura, la paura di perdersi? E quando entriamo in relazione con la paura degli altri?

Giorgio: Devi dire al tuo prossimo che solo se siamo uniti e ci vogliamo bene e ci affidiamo a Dio e a Giorgio, solo così potremo risolvere le varie situazioni. Fidatevi di me, io trovo sempre un modo per andare avanti. Così si vince la paura, con l'unione. Se invece noi stiamo da soli, siamo fregati, ci autodistruggiamo e andiamo in depressione. Rimarremo per sempre soli, ed io non potrò aiutarvi né fisicamente né spiritualmente. Quindi bisogna gridare ed esultare l'unione reciproca. Perché vedi, io non sono perfetto e anche io ho crisi di panico. Ma io mi aggancio ai fratelli, chiedo aiuto ai fratelli. Io mi sento unito a voi. Se io non servissi i miei fratelli, non sarei unito a voi, e giustamente voi non potreste aiutarmi.
Dovete sapere che il papà di Lazzaro era ricco sfondato. Gesù chiedeva aiuto economico a Lazzaro, perché era credibile. Ma Gesù, che è capace persino di resuscitare i morti, perché non fa comparire pietre d'oro o soldi invece di chiederli? Ecco, questo è il mistero dell'umiltà e della missione di Cristo.
Finite le domande spirituali, Giorgio chiama a parlare Aaron, il quale si accinge a fare un discorso di commovente amore:
Attimi

Eccomi qua. Non c'è niente da fare. Ogni volta che si avvicina il momento della partenza il mio Essere ha come un'esigenza che è quella di mettere nero su bianco emozioni, sensazioni e riflessioni del tempo trascorso.
Scorre veloce, il tempo. Impegni e frenesie di questo Mondo alzano in fretta i giri del nostro motore. Accelerazioni continue ed improvvise. E il rischio che si corre è quello di dimenticare l'essenza di ogni attimo che, seppur fugace, va vissuto intensamente in tutta la sua durata per renderlo eterno.
Così mi sono trovato a camminare lungo la spiaggia. Il Sole alto, radioso, capace di illuminare e riscaldare il profondo dell'anima. Un'onda del mare che bacia la terra come un amante bacia la sua donna, o il suo uomo, prima di un nuovo viaggio. Lo fa una volta, e poi ancora, e poi un'altra in un continuo divenire. Un bacio lento e soave che può anche trasformarsi in una tumultuosa onda di passione, trascinato dall'emozione. Ed ogni volta porta via con sé un po' della sua sabbia. Ammaliato da questo eterno movimento penso a questi giorni, ad ognuno di voi, a cosa porto via con me, lungo il cammino, in attesa del prossimo ritorno.

E la verità è che non saprei fare una selezione degli istanti che si sono susseguiti in questo Santo Natale 2019, ed inizio anno 2020. Anche oggi.
Una moltitudine di Attimi che nel loro scorrere hanno arricchito il mio Essere. Attimi vissuti interiormente, singolarmente, a tu per tu con qualcuno di voi, oppure Uniti, memore di quelle parole che ancora vibrano nel profondo della mia Anima da quando la "Chiamata" è stata suonata riverberando nel Cielo:
“Una cosa sola! Dovete essere una cosa sola!”. “Chi crede in me non morirà mai!”. “Noi siamo guerrieri!”.
È un vento nuovo quello che ho potuto respirare. Gli spiriti dei nostri figli e dei tanti giovani che si sono avvicinati hanno portato una ventata di aria fresca; un balsamo capace di lenire le fatiche e donare ad ognuno di noi nuovo vigore.
Così si riempie di senso tutto ciò che è accaduto in questi anni fatti di immensi sacrifici. Attorno ad un fuoco ho toccato con mano la fiamma della sete di verità e giustizia, il tepore dell'amore e del senso di unione che questi giovani hanno e che esprimono in ogni battito del loro cuore. Il medesimo battito che ha mosso i nostri spiriti. Quelli della mia generazione e di chi ci ha preceduto. Nei secoli dei secoli.
Sono stati e sono, questi, giorni di vera Condivisione.

Ci siamo guardati, ci siamo abbracciati, ci siamo ascoltati, ci siamo sentiti, ci siamo raccontati sogni e passioni, ci siamo vissuti, ci siamo amati. Il tutto mentre le energie dell'Universo si muovevano attorno a noi manifestandosi nel "Verbo che si fa parola", nei segni e nel profumo che ci avvolge ad ogni sanguinazione, nell'infinita Conoscenza e Scienza che viene donata ai nostri spiriti.
È in questi Attimi che la Fede ritrova vigore, che il Cuore esplode in quella Gioia dello Spirito che ci condurrà verso la meta. Quando il Figlio dell'Uomo, nostro signore Gesù Cristo, tornerà con la "Potenza" e la "Gloria" promessa. Un giorno in cui la frase "Tutto è compiuto", assumerà un nuovo valore.
In attesa di assaporare quell'attimo, in questa vita o nell'altra, mi guardo attorno e mi innamoro della Meraviglia che ci affida questo Cammino e che riscopro perdendomi nei vostri occhi. Ad ognuno di noi l'opportunità di Essere liberi di Essere, attimo dopo attimo, dando forma e colore al grande Disegno in cui l'Io si trasforma in "Insieme". "Una cosa sola". Riuscire a mantenere viva questa Promessa è l'augurio che faccio a tutta la nostra Grande Famiglia. Amo l'Amore e così tutti voi che date forma a questa espressione. Con infinita gratitudine. Aaronluigi10

Dopo queste meravigliose parole, Giorgio proietta e dedica alla redazione Antimafia duemila e ad Our Voice un filmato molto emozionante che riguarda la lotta sociale svolta negli ultimi anni. Un filmato che ha commosso tutti noi, testimoni di un'opera travolgente che prepara la via del Cristo sulla Terra, per la pace dei buoni e dei giusti.
Infine, per concludere, prende la parola Pier Giorgio, che esprime tutto il suo entusiasmo e la sua felicità verso i giovani di Our Voice e verso tutti gli altri fratelli spirituali.
Questo il racconto del 6 gennaio 2020, dell'Epifania passata a Gubbio in Amore e Fratellanza, a nutrire lo Spirito e a respirare, rinnovati, la mite brezza di Poseidonia l'Intramontabile, antico e florido lido, nido degli Eterni Vascelli Solari.


CON AMORE,
LUIGI
ARCA POIMANDRES GUBBIO
5 FEBBRAIO 2020


luigi12





DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1books11
copertina italiano140