Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

Durante Absu Ismaily Swandi
ABSU ISMAILY SWANDY
(Durante)

 

DAL CIELO ALLA TERRA

IL PRINCIPE ABSU ISMAILY SWANDY.
IL CONTE DI SAINT GERMAIN.
DANTE ALIGHIERI.
GINO DURANTE.
UN MUTANTE, UN CHERUBINO AL SERVIZIO DI GESÙ CRISTO, FIGLIO DI DIO.
L'APOSTOLO PIETRO È IL CUSTODE DELLA CHIESA DI CRISTO CHE HA IL COMPITO DI INDIRIZZARE VERSO LA MORTE SECONDA I DEMONI CHE SI SONO INFILTRATI NELLA SUA CHIESA. IL PRINCIPE PIETRO HA ANCHE IL COMPITO DI PREPARARE GLI INIZIATI DELLA CHIESA SOLARE GIOVANNEA AD ASSUMERE LA LORO PERSONALITÀ PER ESSERE MESSAGGERI DELLE POTENZE CELESTI.
QUESTO È DURANTE, IL PERSONAGGIO CHE MARCO MARSILI HA INCONTRATO SULLE COLLINE DI GUBBIO.
MUTANTI, CHERUBINI, SERAFINI E ANGELI CELESTI DELLA GRANDE CONFEDERAZIONE COSMICA.
TUTTI AL SERVIZIO DEL CRISTO, GENIO SOLARE SONAS.
E TUTTI AL SERVIZIO DEL TRONO SUPREMO. COLUI CHE VI PARLA E CHE SCRIVE TRAMITE UN SUO SERVO.
SONO ADONIESIS, FELICE DI ESSERE IN MEZZO A VOI ED ESSERE L'AQUILA REALE CHE PROTEGGE LA GRANDE CONFRATERNITA DI SERVITORI E TESTIMONI DELLA VERITÀ.
PACE E AMORE PER TUTTI VOI.


PIANETA TERRA
11 Giugno 2022. Ore 13:21

INCONTRO CON UN ARALDO DEL SIGNORE

incontro MarcoMarco Marsilli
Colonna sonora: “Ask The Mountains”, Vangelis

Sto percorrendo un sentiero nel verde delle colline nei dintorni di Gubbio. Dopo un periodo di lavoro molto intenso ho sentito il bisogno di immergermi nella natura, che in questo periodo dell’anno è più che mai rigogliosa e ricca di meraviglie. È la seconda volta che vengo qui, perciò non conosco bene la zona. Gli impegni quotidiani non mi consentono di dedicare tempo a questo genere di avventure, mi sento come un bambino che esplora il mondo con attenzione e stupore, mi sembra di scoprire per la prima volta i colori, i profumi, il volo delle farfalle, i versi degli animali nella boscaglia, i maestosi mutamenti delle nuvole nel cielo azzurro... basta un niente per sorprendermi, per sbalordirmi, per farmi commuovere. Il Sole illumina le valli all’orizzonte e passa qua e là tra i rami che costeggiano il sentiero, mentre il vento muove le foglie nell’antico gioco di luci ed ombre che trasfigura la realtà e fa sorgere la spontanea allegrezza del cuore.

Vado in cerca di una bella quercia per ricaricare le mie energie. Durante il cammino, all’improvviso una grande farfalla bianca mi affianca e inizia ad accompagnarmi restandomi accanto per dieci, venti, trenta metri... “Cosa vuoi da me?”, le chiedo scherzando. Allora lei vola più veloce, mi precede di pochi passi e continua a volare come se m’invitasse a seguirla. Una voce sentimentale dice “Segui la farfalla”, e mi viene una poesia: “Seguo la farfalla, guida dei misteri, verso non so dove.”

Raggiungiamo così una piccola radura e la farfalla s’innalza scomparendo tra le chiome degli alberi. Mi guardo intorno ed ecco davanti a me due bellissime querce sorelle, l’una di fronte all’altra, che avranno un centinaio d’anni. Mi avvicino, metto i palmi delle mani sul tronco e respiro la vita che scorre, e intanto prego di ricevere un segno dai Fratelli del cielo.

Dopo alcuni minuti mi siedo sull’erba per assorbire le forze della terra. Dopo qualche minuto mi sento felice e ritemprato, e decido di tornare a casa.

Alzo gli occhi per scorgere qualche segno nel cielo, ma mi accorgo di non essere solo. Lì sul sentiero, a pochi passi da me, un uomo anziano mi sta osservando, mi sta aspettando. La cosa mi sembra strana perché il posto è abbastanza isolato. Chi sarà? Mi faccio avanti e lo saluto. L’uomo mi guarda negli occhi e fa: “Oggi hai incontrato uno che vede il volto dell’invisibile, il Signore mi ha mandato qui per incontrare te.” Cerco di realizzare ciò che sta accadendo, e faccio ciò che si fa con uno sconosciuto: allungo la mano e dico “Piacere, io mi chiamo Marco.” Lui mi stringe la mano e risponde: “Io sono Araldo, ho 77 anni, e vedo il volto del Signore dappertutto.” Con un ampio gesto della mano indica il paesaggio. Poi continua: “Tu lo vedi? Adesso il Signore è lì...” Fa un cenno del capo verso un punto a qualche metro di distanza dietro di me, io mi volto e vedo un grande cespuglio di ginestra, è vicina alle querce ma prima non l’avevo notata. Quei fiori gialli sembrano così splendenti, sembrano emanare luce, l’intero cespuglio è avvolto da un chiarore trascendentale. Poi l’uomo prosegue: “Sta guardando da questa parte, sta guardando te.”

L’eccezionalità del momento mi impedisce di ragionare normalmente, non so cosa dire, non so come reagire, e lui continua: “Io vedo il volto del Signore dappertutto, Lui è negli alberi, nei campi, nei prati, nel cielo, nelle nuvole... E secondo te che cosa vuole dire che il Signore è dappertutto?” Rispondo: “Vuol dire che è onnipresente.” E lui di rimando: “Vuole dire che bisogna camminare nelle sue vie, Lui vuole che camminiamo sempre nelle sue vie e che impariamo a vederlo dappertutto, perché Lui è dappertutto. Nella vita si può anche cadere ma bisogna andare avanti. Tu sei un bravo ragazzo, sei solare.” Il suo sorriso aperto mi ricorda quello di Eugenio Siragusa, e per un attimo ho un sussulto. “Sai - continua - ci sono quelli che devono fare quello che faccio io, e ci sono quelli che devono predicare perché hanno quel dono, e allora devono predicare la parola del Signore, soprattutto per le giovani generazioni!” Dicendo “giovani generazioni” apre le braccia come in un grande abbraccio, e sorride con lo sguardo trasognato. Poi conclude: “Oggi dovevo venire qui, adesso vado via.”“E dove va?”, chiedo. E lui, con un sorrisetto d’intesa, come se fosse la cosa più ovvia del mondo, dice: “Vado a pesca!” E se ne va dicendo: “Ci rivedremo!”

Rimango di nuovo solo e mi incammino sulla via del ritorno. Lungo il sentiero mangio ciliegie selvatiche, il sapore e l’energia dei frutti mi aiuta a “tornare alla realtà”. Mentre mi interrogo sull’accaduto, nella valle in lontananza appare un bellissimo cerbiatto e resto a guardarlo per tanto tempo prima di tornare a casa.

Ora ditemi voi, “razionalmente”, quante probabilità c’erano che io incontrassi questa persona in quel luogo isolato dove mi sono recato all’improvviso senza programmarlo e senza avvertire nessuno.

L’incontro è avvenuto il giorno 7 giugno 2022 alle ore 17.15 Spero di essere degno di questo dono.

Con amore, Marco Marsili

7 giugno 2022

INCONTRO DI GIORGIO CON L’APOSTOLO PIETRO (Gino Durante)
23 Dicembre 1989

Jeus en extasis

Ore 11:40 – Sento suonare alla porta. Mi si presenta un signore dicendomi di chiamarsi “Gino”. In un primo momento penso a qualcuno che chiedeva l’elemosina, ma poi mi rendo conto che non è così.

“Gino” mi dice: “Buongiorno Giorgio. Passavo da queste parti! Desidero regalarti una foto”.
Perplesso lo lascio entrare in casa e lo osservo mettere una mano nella tasca della casacca che portava indosso.

Esce una foto raffigurante l’immagine di Gesù in estasi con le stigmate nelle mani e che indica con la mano sinistra il Suo cuore luminoso sito nel mezzo del petto. Poi mi saluta e se ne va, perché aveva fretta di partire. Io, traumatizzato, mi metto nel divano a riflettere su quanto era accaduto, avendo la certezza assoluta che quel “Gino” era nientemeno che “Gino Durante”, l’Apostolo Pietro.

 

LETTERA DI ABSU ISMAILY SWANDI (DURANTE-PIETRO) RICEVUTA DA EUGENIO SIRAGUSA.
26 novembre 1967

UN MIO VECCHIO FRATELLO DEGLI ANTICHI GIORNI MI HA SCRITTO:

Amatissimo Eugenio.

Nelle mie, quotidiane scorribande di pensiero e di passo, tutte intenzionalmente dedicate con devoto affetto al Padre glorioso, il cui dolce impero tanto sovrasta amorosamente il fulgore della volta Celeste quanto le brume afose delle concave dimore terrene, ieri l'altro, col tuo felice incontro, ho aperto una particolarissima parentesi di fraterna cordialità e un tocco indimenticabile di soavità d'animo.
Quale Marta solerte mi portasti in ogni dove con premurosa cura e con stralcio di tempo e di mezzi tolti dal pondo gravoso dei tuoi impegni familiari, fosti prodigo a me dissipatore e dell'una e dell'altra tua generosa offerta. Né ti aiutai a svolgere la tua umana fatica nelle umili mansioni del tuo ricetto, né feci tanto onore, come si dice umanamente, a quanto volesti preparare in macrocosmiche proporzioni al mio fisico sostentamento.

Mi scuserai, caro fu gemo, ma io. quale uccel di bosco, tanto mi scotta restare fisso sullo stesso ramo, quanto superare il becchime del mio bisogno. che quanta è quello di un uccel di bosco. Sii pur certo, Eugenio. che io pure tengo umanamente conto del tuo atto gentile, come il Signore lo tiene in modo divino come se tu ciò lo avessi fatto a Lui stesso, iscritto!Pedro-y-Juan-hacia-el-sepulcro.jpg
Ma poiché tu, Eugenio mio, le hai entrambe le potenze delle due evangeliche sorelle, neppure trascurasti il senso benedetto dell'altra: di colei che "scelse la parte migliore".

Acconciamente entrammo pure nello Spinto e nella luce di quanto è sostanza del nostro vivere: la legge del Maestro, le diverse cose trattate esalarono il loro inebriante profumo, sprigionarono intensità della loro forza, diffusero la vibrazione della potenza dell'essenzialità di quella Legge: l'ubbidienza e l'umiltà.

Questo è un binomio inscindibile che se cementato veramente dall'amore, forma un tripode indistruttibile sul quale troneggia tutto il costrutto divino. Certo, non l'ubbidienza servile, ma cosciente: non l'umiltà dei segni esterni, ma sentita alla radice del suo seme: il seme di Cristo, il seme che il Maestro ha presentato all'uomo quale indefettibile scorciatoia per giungere alla meta radiosa e intramontabile, poiché, questa, come tu sai. per divina legge a tutti gli uomini fu data la grazia di pervenire nel corso di epoche e di cicli ch'essi stessi, nella loro libertà vogliano.

DURANTE COL TEXTOQuindi questa scorciatoia neppure a te può celare gli stessi aculei sui quali il Maestro percorse la dolorosa Via col Suo passo sicuro e trionfale, questo tu lo sai. L'hai ben compreso, lo stai vivendo a pro del fratello sia tardo ed indolente oppur codardo ed imbelle, questo è amore puro, è lo schianto de! cuore, è il sacrificio di sé per il bene altrui! Sii tu benedetto nel Nome del Signore!

Ma gli uomini non sanno queste cose d'alto concetto. Non credono che col tatto, si trastullano inconsciamente con l'imponderabile, e quello che è più grave, scherzano abilmente colle roventi braci degli infernali ordigni di distruzione e di morte mascherandoli col termine taumaturgico di "scienza" quello invece che è il sibilo lacerante dell'antico serpe. La vera scienza, la scienza positiva non può essere altro che il gettito di quella Fonte cristallina di Verità, di Giustizia e di Amore che l'essere finito, cosciente della sua origine divina e delle leggi che la informano, trae con spasimo di amore per il bene reale dell'umanità in faticoso cammino verso l'infinito eterno.

Fuori di questa verità assiomatica, vi è la disarmonia in atto. Il disamore, lo squilibrio, la negazione d'ogni legge vitale.

Che il Signore abbia pietà dei poveri sbandati che volutamente vanno incontro alle nubi turbinose che s'addensano sull'orizzonte e colla forza del tanto atteso Suo Spirito onnipotente, voglia arrestare l'avanzare minaccioso della sconvolgente bufera.

Ora, carissimo Eugenio, che vai meditando nel tuo solatio eremo, nel volgere a Colui che tanto ti diede di possanza e d'ogni altra virtù insieme, la tua vigorosa postulazione per tutti e quanti ti stanno a cuore, fra questi, ti prego, non obliare quanto può confare all'animo mio a te sempre sinceramente devoto.

Con tutta dilezione, tuo aff.mo.

 Allegati:

- 10-05-22 Noi "Alieni" amici e protettori della Confraternita di G.B.
https://www.thebongiovannifamily.it/messaggi-celesti/2022/9442-noi-alieni-amici-e-protettori-della-confraternita-di-g-b.html

- 18-12-21 Adoniesis e la battaglia di Armaghedonn
https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/cronache-dalle-arche/cronache-dalle-arche-2021/9277-adoniesis-e-la-battaglia-di-armaghedonn.html

- 27-12-21 Ecce Uomo
https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/cronache-dalle-arche/cronache-dalle-arche-2021/9290-ecce-homo.html

- 24-11-21 Non vi assalga il dubbio!
https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/cronache-dalle-arche/cronache-dalle-arche-2021/9257-non-vi-assalga-il-dubbio.html

- 10-11-20 I discorsi del Soffio luminoso
https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/cronache-dalle-arche/cronache-dalle-arche-2020/8737-i-discorsi-del-soffio-luminoso-discorso-xiv.html

- 5-10-20 Sirius
https://www.thebongiovannifamily.it/messaggi-celesti/2020/8705-sirius.html

- 5-05-19 I Viandanti delle Stelle

 

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea 

Siti amici

220X130_mystery





Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

LIBRI

banner libri marsili

lavocedelsole200 1

 

 


 

 

 

tapa libroGB Giovetti1

cop dererum1

ilritorno1

books11copertina italiano140