Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

volto Cristo Pietro Ubaldi200a cura di Marco Marsili

Ho chiesto al servo di Cristo, mio padre spirituale Giorgio, di rispondere alle domande di un mio giovane amico. Lui mi ha risposto… “io sono un servo di Adoniesis, un paio di scarpe che Lui usa per camminare in questo mondo disperato.”

DOMANDA: Per quale motivo gli apostoli a volte non riescono a scacciare i demòni pur essendo compenetrati e avendo fatto tutte le pratiche, e Gesù risponde loro che certi demòni si possono scacciare solo con la preghiera?

G: [Gli apostoli furono compenetrati dal Santo Spirito dopo l’ascensione di Gesù al cielo.] La preghiera anticamente Gesù non la intendeva solo in senso rituale con la recita del Padre Nostro, con le mani giunte e il segno della croce che è stato adottato successivamente. La preghiera per Gesù era una forma di “contatto”. Pregare significa entrare in contatto con l’Assoluto, con l’Imponderabile, con Dio. Gli apostoli erano forti nello spirito, erano destinati ad incarnare dei Mutanti [Esseri di luce], ma certi demòni sono entità personificate da Lucifero e Lucifero non lo puoi scacciare nemmeno se sei un Essere superiore. Lo devi scacciare con la personificazione del Padre al quale ti devi rivolgere, chiamandoLo. Quindi il Padre ti compenetra come compenetra Cristo e così puoi scacciare i demòni. Ecco perché Gesù diede agli apostoli questo ammonimento benevolo e divino, come a dire “Voi da soli non ce la fate, ma se entrate in contatto con il Padre attraverso la preghiera, perché preghiera significa contatto con il Padre, Lui vi compenetra e li scaccia; se non sapete pregare, se non sapete entrare in contatto con il Padre, ci penso io.” La misericordia di Cristo all’epoca era arrivata fino a questo.

D: Vorrei capire questo passo: “Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e vi sarà perdonato; date e vi sarà dato; una buona misura, pigiata, scossa e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con cui misurate, sarà misurato a voi in cambio.”

G: Questa è una delle chiavi del Vangelo, perché l’imperfezione della debolezza della carne, malgrado la carne ospiti uno spirito evoluto (un messaggero, un missionario, un inviato del cielo), la debolezza della carne e della mente provoca degli errori, anche verso il fratello, verso le persone, verso la società, e questi errori sono causati dall’ego. Anche gli apostoli avevano ego, e Gesù doveva intervenire perché tra loro erano gelosi… per la debolezza della carne, della materia, che opprime sempre lo spirito. Solo Cristo è perfetto, e nonostante ciò nel Getsemani volle dimostrarci che anche la sua carne, perfetta, di fronte alla tortura e alla morte si ribellava. E lui ha vinto.

Visto che anche noi siamo soggetti all’errore, solo se poniamo in essere il perdono eviteremo le conseguenze della legge del karma [causa-effetto]. Se io perdono, per legge karmica sarò perdonato; altrimenti tutto ciò che non perdonerai lo ritroverai nella reincarnazione successiva: “Una buona misura, pigiata, scossa e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con cui misurate, sarà misurato a voi in cambio”. La parola “grembo” è da intendersi anche come “grembo materno”, il quale ospita le reincarnazioni degli spiriti.

D: Perché Gesù agli apostoli, quando li manda ad evangelizzare i popoli, gli dice di non prendere né tuniche, né scorte, né sacche?

G: Sono trentatré anni, figliolo, che io vi dico: “Lasciate tutto, non prendete niente, non possedete niente…” Perché è il Padre che ci deve pensare! Ma il Padre non è che scende dal Sole come un Genio solare e ti dà soldi… il Padre usa degli strumenti: il datore di lavoro, i fratelli e gli amici che ti aiutano, l’anima buona che ti vuole premiare, la persona che paga la tua professionalità… e così non avremo mai bisogno di niente, perché Lui, il Padre, ci fa arrivare tutto. Ed è quello che stiamo facendo noi, e adesso anche tu, caro, che stai dedicando la vita all’opera del cielo. Da dove arriva il cibo che mangi ogni giorno? Da dove arriva il biglietto per andare a trovare i fratelli o il necessario per organizzare una conferenza? Arriva tutto dal Padre! Perché tu non devi avere niente che prendi dal tuo, quando sei un missionario del cielo.

D: Vorrei la spiegazione di queste parole di Gesù: Ebbene, io vi dico: Procuratevi amici con la disonesta ricchezza, perché, quand’essa verrà a mancare, vi accolgano nelle dimore eterne. [Lc 16,9]

G: Qui il Signore è chiaro. Se riceviamo dei beni materiali, soldi, da personaggi che hanno acquisito ricchezza… Vedi, in questo mondo nessuno è ricco perché -come dicono- “si è fatto da solo”. Ci sono persone che col duro lavoro onesto arrivano ad essere benestanti, sì, ma rimangono benestanti e non diventano ricche. Gesù invece parlava di grandi ricchezze, e le grandi ricchezze arrivano sempre da qualche intrallazzo, come dice Gesù, arrivano da qualche cosa di disonesto. Se ci serviamo della generosità di queste persone, se prendiamo dalle loro proprietà ciò di cui abbiamo bisogno per fare l’opera di Cristo, loro andranno nelle dimore eterne perché ci hanno dato quello che avevano e si ricorderanno di noi che gli abbiamo dato la verità che li ha resi liberi, quindi ci accoglieranno nelle dimore eterne perché diranno: “Se io non ti avessi dato l’aiuto che tu mi hai chiesto, io ora non sarei qui nelle dimore eterne. Quindi vieni da me, tu che mi hai salvato!”

Marco Marsili
17 Novembre 2022

Foto: Volto del Cristo, dagli scritti di Pietro Ubaldi

Allegati:

- 1-09-22 Tutto ciò che siamo e che abbiamo appartiene al Padre
https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/cronache-dalle-arche/cronache-dalle-arche-2022/9571-tutto-cio-che-siamo-e-che-abbiamo-appartiene-al-padre.html

- 20-07-22 Il coraggio di dire la verità
https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/cronache-dalle-arche/cronache-dalle-arche-2022/9501-il-coraggio-di-dire-la-verita.html

- 14-08-22 Iniziazione
https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/cronache-dalle-arche/cronache-dalle-arche-2022/9547-iniziazione.html

- 29-06-22 'Signore, da chi andremo?'
https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/cronache-dalle-arche/cronache-dalle-arche-2022/9483-signore-da-chi-andremo.html

- 17-04-20 Marco Marsili intervista Giorgio Bongiovanni
https://www.thebongiovannifamily.it/cronache/cronache-dalle-arche/cronache-dalle-arche-2020/8447-marco-marsili-intervista-giorgio-bongiovanni.html

 

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea 

Siti amici

220X130_mystery





Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

LIBRI

banner libri marsili

lavocedelsole200 1

 

 


 

 

 

tapa libroGB Giovetti1

cop dererum1

ilritorno1

books11copertina italiano140