Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

Biografia Eugenio Siragusa

Eugenio Siragusa: La memoria che vale

eugenio1Cosa ardua tentare di tradurre al grande pubblico, “la massa”, cosa abbia rappresentato, o potuto rappresentare, l’opera di Eugenio Siragusa. E questo poiché essa, “il mondo dei più”, mal si adatta a percorrere sentieri che esulano dalla canonica quotidianità…

 

Leggi tutto

 

Eugenio Siragusa - Giorgio Bongiovanni

 DAL CIELO ALLA TERRA

IL SOLE É L’ARTEFICE DELLA DEITÁ

 

ban_eugenio

GLI DEI SONO I REALI SERVITORI DELLA COSCIENZA UNIVERSALE COSMICA.
ANCHE GLI UOMINI DEL PIANETA TERRA POTEVANO EREDITARE QUESTO AMBITO PRIVILEGIO DIVINO SE AVESSERO ACCETTATO E MESSO IN PRATICA LA LEGGE REDENTRICE DELLA LUCE ONNICREANTE.

RICORDATE: “VOI SIETE DEI E FARETE COSE PIÚ GRANDI DI ME”
AVETE RIFIUTATO DI ESSERE DEI E DI FARE COSE CHE AVREBBERO POTUTO TRASFORMARE UN INFERNO IN PARADISO.
SONO STATI GLI DEI VENUTI DA LONTANI LIDI CHE, SALVANDO IL SALVABILE ED INNESTANDO UNA PARTICOLARE GENETICA, HANNO TRASMESSO UN DISCORSO CHIARO ED INEQUIVOCABILE PER LA SALVEZZA DEL PIANETA E PER SUSCITARE NELLA COSCIENZA IL BISOGNO DI ACCETTARE E PRATICARE LA SANTA GIUSTIZIA E IL SANTO AMORE DEL PADRE GLORIOSO, IL CUI DOLCE IMPERO SOVRASTA LA TERRA E IL CIELO.
IN QUESTO TEMPO UN SUO MESSAGGERO É SULLA TERRA. ESSO SI CHIAMA GIORGIO BONGIOVANNI E PORTA L’INVISIBILE CROCE DI GESÚ CRISTO E I SEGNI SANGUINANTI DEL SUO DOLORE.

 

Leggi tutto

 

EUGENIO SIRAGUSA: IL CONTATTATO

SIGNIFICATO DEL SIMBOLO DELL'AQUILA

logoeugeniotituloITlogogiorgiotituloitL'aquila è il simbolo Giovanneo. Il simbolo dell'Aquila e quello del sole e le  sette stelle sono stati da sempre il simbolo dell'opera di Eugenio Siragusa ed oggi anche dell'opera di Giorgio Bongiovanni. Si può comunque notare una differenza tra i due simboli.
L'aquila di Eugenio Siragusa guarda verso oriente dove nasce il Sole, mentre nel simbolo di Giorgio Bongiovanni l'aquila guarda verso occidente perché proviene dal Sole.
La fiamma è unica anche se gli aspetti sono diversi.

La Redazione

UNA STORIA VERA
Di Giorgio Bongiovanni
 

eugenio

 

Quando una persona muore, lascia dietro di se il ricordo che vive nella memoria e nell'affetto delle persone che lo hanno conosciuto e amato e nel valore delle sue opere.
A volte lo spirito che abbandona il corpo era ed è un essere speciale che ha tracciato nuove vie, segnando un'epoca e lasciando tracce indelebili nella storia dell'umanità. Non sempre questo viene recepito dalla società durante la loro vita. Molte volte solo il tempo e gli eventi hanno permesso di comprendere la grandezza di quanto hanno detto e fatto. Eugenio Siragusa appartiene a questa categoria di uomini. Il 27 agosto dell'anno 2006, Eugenio Siragusa muore, però come sempre aveva insegnato: "la morte non esiste". Il suo spirito si libera dal corpo all'età di 87 anni nella sua casa di Nicolosi, alle falde del vulcano Etna. I suoi straordinari incontri con esseri provenienti da altri mondi e i messaggi a lui affidati e diffusi al mondo, hanno segnato la parte finale del secolo scorso, lasciando una eredità di grande importanza oggi visibile anche nell'opera che alcune anime continuano a portare avanti.
Tra queste, anche noi, che lo abbiamo conosciuto da vicino.

Ma chi era e cosa ha vissuto realmente Eugenio Siragusa? 

Leggi tutto

 

EUGENIO SIRAGUSA: IL CONTATTATO - Una storia vera

Quando una persona muore, lascia dietro di se il ricordo che vive nella memoria e nell'affetto delle persone che lo hanno conosciuto e amato e nel valore delle sue opere.
A volte lo spirito che abbandona il corpo era ed è un essere speciale che ha tracciato nuove vie, segnando un'epoca e lasciando tracce indelebili nella storia dell'umanità. Non sempre questo viene recepito dalla società durante la loro vita. Molte volte solo il tempo e gli eventi hanno permesso di comprendere la grandezza di quanto hanno detto e fatto. Eugenio Siragusa appartiene a questa categoria di uomini.
Il 27 agosto dell'anno 2006, Eugenio Siragusa muore, però come sempre aveva insegnato: "la morte non esiste". Il suo spirito si libera dal corpo all'età di 87 anni nella sua casa di Nicolosi, alle falde del vulcano Etna. I suoi straordinari incontri con esseri provenienti da altri mondi e i messaggi a lui affidati e diffusi al mondo, hanno segnato la parte finale del secolo scorso, lasciando una eredità di grande importanza oggi visibile anche nell'opera che alcune anime continuano a portare avanti.
Tra queste, anche noi, che lo abbiamo conosciuto da vicino.

 

Leggi tutto

 

Eugenio Siragusa riconosce L'Opera di Giorgio Bongiovanni

 

 

LA FORZA DEL MALIGNO È DOCUMENTATA

LA FORZA DEL MALIGNO È DOCUMENTATA
 
 
HO SCRITTO CHE  “SATANA È  DI PELLE BIANCA”.
È LA STORIA A CONFERMARLO!
SONO STATI GLI UOMINI DI PELLE BIANCA I FAUTORI, I REGISTI DEI PIÙ EFFERATI E DIABOLICI CRIMINI CHE LA STORIA RICORDI.
SONO STATI GLI UOMINI DI PELLE BIANCA AD IDOLATRARE L’ORO E A SOTTOPORRE IN SCHIAVITÙ INTERI POPOLI.
SONO STATI GLI UOMINI DI PELLE BIANCA A SOTTOMETTERE NEL GIRO DELLA CORRUZIONE E DELLA PERVERSITÀ I PACIFICI, I MANSUETI E I PURI DI CUORE.
SONO STATI GLI UOMINI DI PELLE BIANCA AD ESALTARE I VIZI DEL MALE E LE FORNICAZIONI PIÙ ABERRANTI.
SONO STATI GLI UOMINI DI PELLE BIANCA A FOMENTARE CORRUZIONE, GUERRE; AD INSTAURARE REGIMI DI TERRORE E DI MORTE, DI FORZATO DOMINIO, VIOLENTO, FRATRICIDA, VENDICATIVO, ODIOSO.
SONO STATI GLI UOMINI DI PELLE BIANCA A COSTRUIRE ORDIGNI DI DISTRUZIONE E DI MORTE, ESERCITANDO UN POTERE DISPOTICO E TIRANNO, SFRUTTANDO I DEBOLI, AFFAMANDOLI E TOGLIENDO PACE E NATURALE BENESSERE.
È LA STORIA CHE NON MENTISCE AD AVALLARE, IN MODO INCONFUTABILE, CHE QUANTO HO SCRITTO È VERITÀ.  SATANA È DI PELLE BIANCA; È IL DIABOLICO PRINCIPE DI QUESTO MONDO; È LA REALE FORZA ANTICRISTICA.

Eugenio Siragusa

Nicolosi, 28/09/1982

Di Ignazio Castellana

L'universo è pieno di linee di forza magnetica che costituiscono la base della sua struttura e della sua evoluzione.
Queste linee di forza sono energia-luce sotto forma di corpuscoli e di onde.
 
LA LUCE
 
La luce è una corrente di corpuscoli di energia avente un movimento ondulatorio. Se la velocità della corrente corpuscolare viene aumentata, la lunghezza d'onda viene diminuita. Ciò vuol dire che nella luce si ha un'altra forma di movimento ondulatorio e una differente forma di corrente corpuscolare.

Il sole, nel contesto galattico, è un accumulatore-trasformatore distributore della energia-luce che struttura l’universo. Esso, pertanto, ha un suo proprio campo di forza dal quale dipendono i campi di forza d’ogni singolo pianeta che gli gira attorno.

L'energia luminosa emessa dal sole ha una frequenza ben determinata, dalla quale dipendono le varie forme dì vita d'ogni pianeta. Ogni sole dell'universo ha una propria frequenza di luce. Questa frequenza è creata dalla rotazione del sole stesso, nonché dalla rotazione dell'intero sistema planetario, nel contesto galattico.

Il pianeta Terra, pertanto, riceve una frequenza di energia-luce, che è in stretto rapporto con la velocità di rotazione del sole. Cosa accadrebbe, sulla terra e all'uomo in particolare, se la frequenza della luce del sole aumentasse? È possibile che ciò avvenga?

L'UOMO
 
L'uomo è quell'agglomerato biofisico-molecolare la cui forma materiale è strutturata da un proprio determinato campo di forza, che è in stretto rapporto con il campo di forza creato dalla velocità di rotazione del sole. Se questa velocità di rotazione venisse aumentata, muterebbe la frequenza della luce emessa dal sole stesso e allora accadrebbe che:

- la Terra riceverebbe una luce la cui frequenza sarebbe ad un livello superiore. Questo aumento dell'intensità della frequenza dell’energia, produrrebbe una differente vita che sarebbe vissuta in un modo diverso da quello ora conosciuto. Ciò vuol dire che il ciclo della vita sulla terra sarebbe totalmente e radicalmente cambiato perché, a causa degli inevitabili mutamenti che sì produrrebbero a livello elettro-chimico-molecolare, un’altra forma sarebbe data alla vita dei regni vegetale e animale;

- l'uomo, per i motivi suddetti, subirebbe un mutamento del campo di forza che lo struttura. Poiché la materia è influenzata dalla energia-luce, il sistema cellulare del suo organismo verrebbe influenzato dall’energia rinnovata.

È in grado, 1’uomo d'oggi, di adattarsi all’ipotetica nuova frequenza di luce emessa dal sole?

Decisamente, no.

L'uomo, non avendo ancora preso reale conoscenza (per questioni di evoluzione, anzitutto) del meccanismo del sistema solare, non è in grado di controllare questi cambiamenti. Qualora egli sapesse controllare l’energia-luce, saprebbe anche controllare l’aumento della frequenza della stessa, che è in grado di cambiare la struttura della materia.

Quando una umanità raggiunge un punto dell’evoluzione nel quale, in modo puramente scientifico, può sperimentare l’aumento di energia dell’universo, può anche calcolare delle nuove forme di aumento di energia.

Va da se, però, che perché questa umanità possa raggiungere questo punto, deve aver acquisito una coscienza tale per cui non interferirà mai nella marcia dell'Universo, ed asseconderà, anzi, le energie che lo strutturano e che agiscono con amore e saggezza. Ciò perché, tali energie sono mosse da quella incommensurabile Energia Cosmica la quale, Causa Primigenia della Vita in ogni forma e dimensione, è amore e saggezza per eccellenza: Dio.

LA NUOVA COSCIENZA

Ora è venuto il tempo che all’umanità della Terra verrà data una nuova conoscenza, affinché essa abbia una relativa comprensione degli avvenimenti che la colpiranno, ciò allo scopo che in avvenire lo sviluppo della vita possa proseguire in pace ed armonia.

L'uomo, ora, sta per essere inondato d'una energia rinnovata che rinnoverà egli medesimo. In tal modo, nel prossimo futuro, l'uomo avrà la giusta conoscenza e comprensione per modificare l’energia dell’universo a proprio vantaggio e per il bene di tutti. Egli, allora, conoscerà che la struttura dell'universo e l’energia che lo muove non hanno nulla a che fare con le interpretazioni dei teosofi, né con il misticismo devozionale delle religioni della terra, che ora han fatto il loro tempo e devono essere sostituite da una nuova forma di ricerca e di conoscenza a livello scientifico.

 
"VASCELLO CORPUSCOLARE"
 
Ho detto che la luce è una corrente di corpuscoli di energia avente un movimento ondulatorio. Se la velocità della corrente corpuscolare viene aumentata, la lunghezza d'onda viene diminuita.

Ciò, dunque, vuol dire che nella luce si ha un'altra forma di movimento e una differente forma di corrente corpuscolare. Ma ciò vuol dire, anche, che si ha un differente tempo, poiché "tempo" e "movimento" sono legati.

Cioè a dire: poiché lo spazio è in movimento è d’uopo che il tempo sia in relazione allo spazio. Per cui:

lo spazio sta al movimento come il tempo sta allo spazio.

Mi spiego meglio prendendo ad esempio il cosiddetto “disco volante”.

Ho già detto che l'universo è pieno di linee di forza magnetica che costituiscono la base della sua struttura e della sua evoluzione

Quello che noi, oggi, chiamiamo "disco volante", non è altro che un TRACCIATORE MAGNETICO, ovverossia., una nave spaziale concepita e costruita secondo i princìpi della meccanica celeste per cui, essa, può navigare seguendo la rotta tracciata da una linea di forza magnetica.

(Un certo studioso, di nome Aimé Michel, deve avere ben intuito questo principio, se ha avuto la pazienza di studiare il fenomeno delle ondate di avvistamenti U.F.O. e dichiarare che questi misteriosi oggetti, nei loro spostamenti, seguono rigorosamente determinate linee che egli ha chiamato "ortotecniche").

Un tracciatore magnetico, dunque, per i motivi suddetti, si comporta come un vero e proprio vascello corpuscolare; esso, difatti, fa uso di energia sotto forma di luce, per cui è in grado di lavorare le linee di forza dell'universo, in perfetta sintonia con le leggi della meccanica celeste. · ·

Perché dunque “vascello corpuscolare”?

Perché la luce che esso emette (e che noi ben conosciamo per averla vista saettare numerose volte nei nostri cieli, in una vasta gamma di colori), è data da una corrente di corpuscoli di energia avente una certa frequenza della lunghezza d'onda.

Quando i piloti del vascello spaziale decidono di aumentare la velocità della corrente corpuscolare, provocano una diminuzione della lunghezza d'onda della luce. Accade, allora, che la luce assume un'altra forma di movimento ondulatorio e una differente forma di corrente corpuscolare. Ciò produce un potenziamento del campo magnetico che avvolge la nave, la cui energia, oltre a mantenere in uno stato continuo di imponderabilità il mezzo, produce l'eccitazione degli elementi atomici perennemente presenti negli spazi interplanetari ed extragalattici. · . ·

Con opportuni impulsi, impartiti con appositi strumenti, i piloti della nave possono raggiungere la desiderata velocità. Ciò vuol dire che il mezzo può riuscire a spostarsi più presto della 1uce. Quando ciò accade, il vascello corpuscolare entra in un "nuovo tempo"; ed è per questo che esso sparisce dalla nostra vista: perché "entra" in un'altra frequenza del tempo, ove è un'altra forma di movimento della lunghezza d'onda della luce.

Ecco perché, prima, ho detto che LO SPAZIO STA AL MOVIMENTO, COME IL TEMPO STA ALLO SPAZIO: perché la nuova frequenza determinata dall’aumento della velocità della corrente corpuscolare, proietta la nave in una differente dimensione spazio-temporale, diversa da quella in cui siamo costretti noi, gli uomini della Terra, provvisti di organi visivi che sono "tarati" per captare unicamente la frequenza dello spettro luminoso del nostro sole.

È evidente, a questo punto, che nel vascello corpuscolare devono esservi creature i cui corpi, per l'evoluzione della coscienza collettiva, sono strutturati da un campo di forza che è allo stesso livello di quello che, normalmente, va con la superiore forma di movimento e con la diversa forma di frequenza. Altrimenti, queste creature non potrebbero stare in un'altra frequenza del tempo, ove è un'altra forma di movimento.

IL CAMPO DI FORZA DELL’UOMO

I campi di forza, di cui è pieno l'universo, sono creati dallo Spirito di Dio. Questi campi di forza, quindi, non sono materia ma Spirito, cioè energia. Sono questi campi di forza che creano il movimento, la rotazione e la pulsazione dell'universo.

Ora, è chiaro che ogni uomo, in quanto materia vivificata dall’energia, ha un proprio determinato campo di forza. Questo campo di forza è il corpo eterico, cioè a dire, l’anima, ovverossia, l’energia psichica che struttura la forma materiale, (Quella stessa che la Scienza Parapsicologica chiama "Campo strutturatore di Forma”).

Se questo campo di forza dell’uomo è in armonia ed equilibrio con e leggi della creatività, di conseguenza anche le cellule del suo corpo sono in armonia ed equilibrio, e così pure, la pulsazione del cuore, la respirazione e il movimento del sangue, poiché il campo di forza dell’uomo fa parte del campo di forza divino, che mette in movimento la pulsazione del cuore, la respirazione e, quindi, la Vita.

Ed è così che avviene nel Cosmo; esattamente allo stesso modo.

Ecco perché, nel vascello corpuscolare, devono esservi creature in grado di passare da una frequenza del tempo ad un’altra, senza che la struttura cellulare del loro organismo ne risenta minimamente. Ciò è possibile solo nel caso in cui l’energia psichica (o campo di forza) strutturante il corpo, possieda le qualità necessarie per la repentina sintonia con i campi di forza della superiore forma di movimento che crea una differente frequenza del tempo.

Quali sono queste qualità?

I VALORI DELLO SPIRITO SOTTO FORMA DI ENERGIA
 
L'organismo umano è una costruzione ideale che manifesta le capacità creative della Intelligenza Cosmica, Dio; lo Spirito Cosmico, cioè, che è armonia ed equilibrio per eccellenza. Se questo organismo è un perfetto subordinato agli stimoli reali (amore, spontaneità, lealtà, comprensione e rispetto fraterno, ecc.) che gli giungono dallo Spirito Cosmico, allora esso è perfettamente sintonizzato con l'energia del superiore campo di forza universale. Ciò vuol dire che la “buona qualità” del campo di forza dell'uomo è in grado di sopportare, senza alcun danno per la materia, qualsiasi cambiamento della frequenza della energia, che determina un "nuovo tempo" e nel quale esistono differenti valori.

Ma se l'organismo è un vibratore caotico di effetti esteriori scaturiti dalla eccessiva emotività umana (odio, rancore, invidia, egoismo, ipocrisia, paura, ecc.), allora la sintonia con i valori del superiore campo di forza universale è notevolmente distorta: distorta al punto che qualsiasi variazione del potere dell'energia non potrebbe essere sopportato a livello della cellula.

Ora, non possono esservi dubbi: l'uomo della Terra è, ancora, quello che è, ed i valori che attualmente manifesta non sono tali da potergli consentire di passare impunemente da una frequenza dell'energia ad un'altra, da un valore del tempo ad un altro; da una dimensione spaziale ad un'altra. Esso uomo è ancora quell'imperfetto apparecchio psico-biofisico che esprime valori per i quali può e deve ricevere da un solo canale di emissione: il sole, con la sua attuale e ben determinata frequenza di luce.

Ma cosa accadrebbe se il sole aumentasse la sua velocità di rotazione con il conseguente aumento dell'intensità della sua luce?

1° - gli uomini diverrebbero "ciechi": i loro organi visivi, cioè, non sarebbero più in grado di percepire la vibrazione differente del nuovo spettro luminoso, in quanto l’aumento della velocità corpuscolare diminuirebbe la lunghezza d’onda della luce.

Questa nuova frequenza non potrebbe essere captata dagli occhi umani essendo, questi, “tarati” per una frequenza ad un livello differente; ·

2° - la vita stessa, sulla Terra, cambierebbe radicalmente, perché anche gli organi sensori e visivi dei regni vegetale e animale risulterebbero "fuori banda”. ·

DELLA COSIDDETTA “DEMATERIALIZZAZIONE” DEL DISCO VOLANTE

Ripeto: un vascello corpuscolare è costruito, fin nei minimi dettagli, conformemente alle leggi del Cosmo, esso, pertanto, fa uso di energia sotto forma di luce. Ora, se la luce, che muove il vascello, è in sintonia con gli organi visivi umani, il disco volante è osservabile, ma se la frequenza cambia e si sintonizza sui valori dell’infrarosso o dell'ultravioletto, muta lo spettro luminoso che gli umani non possono captare.

Il disco volante si è dematerializzato?

Diciamo, più propriamente, che esso è sparito dalla nostra vista perché la luce che l'avvolge ha assunto un'altra forma di movimento ondulatorio, non percepibile dai nostri sensi.

E fino a quando la nave spaziale, pur rimanendo immobile davanti la porta di casa nostra, conserverà la sua massima frequenza molecolare, noi non la vedremo, la vedremo soltanto se essa abbasserà la frequenza della lunghezza d'onda della luce in modo da entrare in sintonia con la forma di movimento per la quale sono "tarati” i nostri occhi. Mano a mano che la frequenza verrà sempre più ridotta, la luce dell'alone che avvolge il mezzo assumerà differenti colorazioni, fino al punto da essere percepito come oggetto solido.

In definitiva: noi non possiamo intravvedere una nave spaziale alla massima frequenza molecolare, per il semplice fatto che essa si trova in un altro fattore tempo, in un’altra dimensione spaziale, perché attivata da una frequenza differente da quella emessa dal nostro sole.

DEI CAMPI DI FORZA SUPERIORI-CONSEGUENZE
 
Entrare in contatto con una nave spaziale significa, innanzitutto, essere influenzato dall’energia che essa emana ed essere circondato dal potere di quella energia. In altre parole, il maggior campo di forza che circonda il disco volante è in grado di influenzare il campo di forza proprio dell'uomo che si viene a trovare nelle immediate vicinanze del vascello. Perché ciò avvenga senza traumi psichici e fisici, o conseguenze letali (vedere il famoso caso del Capitano Mantell), è necessario che il minore campo di forza dell'uomo sia in grado di sopportare la variazione della frequenza causata dal maggior campo di forza del disco volante; e ciò è possibile solo in chi è mentalmente in equilibrio con il proprio Spirito e manifesta un campo di forza assai vicino a quello che emana dal disco volante. Altrimenti non è possibile la sopravvivenza al livello della cellula.

Ciò, per capire il criterio della separazione che sta avendo luogo sulla terra, ora che per l’umanità si approssima un certo profetizzato tempo,

Colui che sarà pervaso dello "SPIRITO DEL SERVITORE", avrà la forza necessaria. perché il potere dell'energia, che viene rinnovata dall'esterno, non disintegri la molecola e la proteina del suo corpo; ciò, perché il suo proprio campo di forza si trova ad un livello ove questa forma di aumento dell'energia potrà essere accumulata senza che la cellula e la proteina siano notevolmente disturbate da essa.

La sopravvivenza è, quindi, per coloro che, per evoluzione spirituale, hanno ormai raggiunto una struttura fisica e una frequenza psichica che si armonizzano con il superiore campo dì forza che viene dall'esterno sotto forma di energia. Costoro potranno fare l'ultimo passo verso l'incontro con la nave spaziale. Costoro, negli ultimi tempi -che ora si approssimano- diverranno dei "portatori di luce" per i loro simili, sotto forma di energia e di luce intensificate.

V'è da dire, fra l'altro, che l'aumentò del potere dell'energia, che viene dall'esterno, produrrà un certo effetto nei campi mentali umani: ciò che è negativo diventerà ancora più negativo e ciò che è positivo acquisirà una maggior sintonia; poiché l'aumento del potere dell'energia agirà per mezzo della energia che è nell'uomo stesso. Quando questa energia (che e spirituale) e in discordia con il mentale, si produce un "corto circuito" nell'organismo; e, allora, certi “fusibili” saltano.

Assisteremo, dunque, in un futuro molto prossimo ad una esasperazione della violenza e del male in generale, nonché ad un progressivo sfaldamento dei residui valori morali, etici, sociali, religiosi e spirituali sui quali si struttura ancora la società umana. ·

Quei pochi, il cui campo di forza individuale è in sintonia con i valori del campo di forza universale, dovranno faticare non poco per restare alieni dalle sollecitazioni negative espresse dalla massa umana, presa nel pazzesco vortice d'un delirio distruttivo incontrollabile ed inarrestabile.

“…E se il Signore non avesse abbreviato quei giorni, niuna carne scamperebbe; ma per gli eletti, il Signore ha abbreviato quei giorni…” (Marco,13/20)

CONCLUSIONE

È possibile che nel sole si produca una diminuzione della lunghezza d'onda della luce?

Come potrebbe aumentare la velocità della corrente corpuscolare emessa dal sole?

Ecco una ipotesi di lavoro per esperti in elettronica ed elettro-magnetismo:

- che tipo di “impulso” può costituire l'inserimento di una COMETA nel campo di forza di un sistema solare?

- quali conseguenze può apportare a livello geo-magnetico ed elettro-chimico della materia?

Si noti bene che nella Bibbia è profetizzato:

“…Cadde dal cielo una grande "stella", ardente come un torchio; e cadde sopra la terza parte dei fiumi, e sopra le fonti delle acque. E il nome della "stella" si chiama "ASSENZIO"; e la terza parte delle acque divenne assenzio; e molti degli uomini morirono di quelle acque; perciocché erano divenute amare” (Apocalisse,8/10-11)

“…Poi, la terza parte del sole fu percossa e così 1a terza parte della luna, e la terza parte delle stelle, sì che la terza parte loro si oscurò; e la terza parte del giorno non luceva, né la notte simigliantemente…” (Apocalisse, 8, 12)

“… E gli uomini saranno arsi di grande arsura…” (Apocalisse 16,9)

"IL CIELO E LA TERRA TRAPASSERANNO,
MA LE MIE PAROLE NON TRAPASSERANNO…” (Luca.,21/33)

Ignazio Castellana

1970

- Tratto dagli Opuscoli del Centro Studi Fratellanza Cosmica di Eugenio Siragusa

DAL CIELO ALLA TERRA


L'UOMO DEVE AVERE PAZIENZA POICHÉ È VERO, CERTO È VERISSIMO CHE IL PROCESSO DEI MUTAMENTI COSMICI NON È AFFATTO LEGATO AL TEMPO UMANO.
GLI EVENTUALI EFFETTI DI CIÒ DI CUI LA VOSTRA SCIENZA PRENDE CONOSCENZA POSSONO SVILUPPARSI IN UN MOMENTO MENO ATTESO O MENO PREVISTO.
L'INNESTO DELLO ZOIDE COSMICO SU GIOVE POTREBBE, DA QUI A NON MOLTO TEMPO, FECONDARE SU QUESTO ASTRO UNA NUOVA DINAMICITÀ SOLARE, E QUINDI LA POSSIBILE VISIONE DI DUE SISTEMI SOLARI PARALLELI.
COSA POTREBBE AVVENIRE NEL CASO IN CUI SI VERIFICASSE LA MUTAZIONE DI GIOVE, NON POSSIAMO DIRVELO MA SE CREDETE OPPORTUNO SAPERLO, RIVOLGETEVI AI VOSTRI SCIENZIATI.


DAL CIELO ALLA TERRA

Nicolosi, 17 Luglio 1994
Ore 10.00

logo

DAL CIELO ALLA TERRA

8 DICEMBRE 1993: IMMACOLATA CONCEZIONE

SEI TU, MADRE, CHE GEMI DI DOLORE;
SEI TU CHE PIANGI LACRIME DI SANGUE, CHE TI DISPERI PER LA SORTE DEI NUMEROSI TUOI FIGLI;
SEI TU, MADRE, SPIRITO DELLA TERRA, CHE TUTTO DAI SENZA CHIEDERE NULLA IN CAMBIO, CHE DALLA LUCE DEL PADRE GLORIOSO GENERI MILLE E MILLE FORME, MILLE E MILLE SOSTANZE PER IL MATERNO TUO BISOGNO DI AMORE VERSO I FIGLI DELLA TUA STESSA GENITURA.
SEI TU, MADRE DOLCISSIMA, CHE INSTANCABILMENTE SCENDI A NOI PER CONCEDERCI IL TUO MESSAGGIO CARICO D'ANGOSCIA E DI DOLORE.
SÌ, MADRE DOLCISSIMA, MADRE DEL MATERNO AMORE, SEI TU CHE CI DAI LA GRAZIA DI TESTIMONIARE DI TE E DEL TUO LUMINOSO ESEMPIO DI SACRIFICIO E DI SOFFERENZA.
SEI TU, DONNA E MADRE, CHE NUTRI DI MATERNA DOLCEZZA LA NOSTRA VITA E LA FAI DEGNA D'ESSERE VISSUTA.
MADRE, SE GLI UOMINI TI CAPISSERO E TI ADORASSERO COSÌ COME DOVRESTI ESSERE CAPITA E ADORATA, QUALE BENE SUPREMO NE TRARREBBE LA LORO ESISTENZA; QUALE DIVINO AMORE SUSCITEREBBERO GLI UNI VERSO GLI ALTRI.
SÌ, TENERISSIMO E LUCENTE AMORE, IL NOSTRO CUORE È FERITO DAL TUO SANGUE, MA NON SI FERMA DI BATTERE FINO A CHE IL TUO DESIDERIO DI SOPRAVVIVENZA DEL GENERE UMANO NON VENGA ESAUDITO CON LA SALVEZZA DEL SALVABILE.
NOI TI ADORIAMO, MADRE, PERCHÈ VOGLIAMO ESSERE SEMPRE TUOI FIGLI

Giorgio e Eugenio ricordandoti oggi, domani e sempre, per l'eternità

DAL CIELO ALLA TERRA

CRESCE IL PIACERE DI UCCIDERE E DI UCCIDERSI


CRESCE IL PIACERE DI UCCIDERE E DI UCCIDERSI, CRESCE SEMPRE DI PÙ L’“HARBAR” E TUTTI GLI ALTRI MALI AD ESSA COLLEGATI.
LA DIVINA GIUSTIZIA DÀ I SUOI PALESI SEGNI. I QUATTRO CAVALIERI DELL’APOCALISSE: FUOCO, ACQUA, ARIA E TERRA, GALOPPANO CON MAGGIORE FORZA AL FINE DI FAR INTENDERE ALL’INTERA UMANITÀ CHE DIO È STANCO E CHE IL SUO PENTIMENTO È SEMPRE VALIDO!

29 settembre 1993
Eugenio Siragusa

logo
“DAL CIELO ALLA TERRA”

LA TERRA GEME DI DOLORE.
LE ANOMALIE CHE TRAVAGLIANO IL VOSTRO PIANETA DIVENGONO SEMPRE PIÙ CRITICHE.
L’ENERGIA NUCLEARE È LA PRINCIPALE CAUSA DELLA CRESCITA DEI MALI CHE MINANO L’ESISTENZA DELLA TERRA E DI QUANTO ESSA NUTRE.
CI SONO CAUSE SECONDARIE RISPETTO ALLA PRIMA, MA NON MENO DELETERIE AI SUOI COSMOGONICI EQUILIBRI.
STATE DISTRUGGENDO LA STANZA CHE VI È STATA AFFIDATA DALL’ARCHITETTO DI QUESTA PICCOLA MOLECOLA COSMICA. LE NOSTRE SOLLECITAZIONI AD UN SERIO RAVVEDIMENTO NON SONO STATE PRESE IN CONSIDERAZIONE, FACENDO PREVALERE I VALORI NEGATIVI A QUELLI POSITIVI, IL MALE AL BENE, LA MORTE ALLA VITA.
LE NOSTRE RECENTI MANIFESTAZIONI VOGLIONO SIGNIFICARVI CHE LA POTENZA E LA GLORIA DI COLUI CHE DISSE: “NON VI LASCERÒ ORFANI, RITORNERÒ IN MEZZO A VOI” SONO PROSSIME A MANIFESTARSI E CON ESSE LA PRESENZA DI COLUI CHE DISSE ANCORA: “VERRÒ COME UN LADRO NELLA NOTTE” AFFINCHÈ LA SANTA GIUSTIZIA DEL PADRE CELESTE ABBIA A TRIONFARE.
IL SUO STRUMENTO È GIÀ PRONTO, NATO E CRESCIUTO AL DI LÀ DEL FIUME GIORDANO E DEL MARE, NELLA GALILEA DEI GENTILI.

DAL CIELO ALLA TERRA
 
Nicolosi, 28 maggio 1993
Ore 16:15

logo

“DAL CIELO ALLA TERRA”

È RITORNATO COME UN LADRO NELLA NOTTE!
SONO POCHI COLORO CHE HANNO PRESO ATTO DI QUESTA REALTÀ MA LA VERITÀ È CHE IL FIGLIUOL DELL’UOMO CRISTIFICATO È PRESENTE IN MEZZO AGLI UOMINI DI QUESTO TEMPO PER ADDITARE, A QUANTI LO DESIDERANO, LA SOLA ED UNICA VIA DELLA SALVEZZA DELLO SPIRITO: “LA REDENZIONE E IL RISPETTO DELLE LEGGI DI COLUI CHE CHIAMATE “PADRE, DIO, IDDIO”.
LA SUA GLORIA E LA SUA POTENZA STANNO PER MANIFESTARSI AFFINCHÈ SI AVVERI QUANTO È STATO DETTO, SCRITTO E TRAMANDATO: GIUDIZIO UNIVERSALE ED ISTAURAZIONE IN TERRA DEL REGNO PROMESSO DAL PADRE GLORIOSO, SECERNITORE DI LUCE CREANTE E LOGOS DELLA COSMICA INTELLIGENZA.
LA CHIAMATA DEL SALVABILE È IN CORSO E LA SUA SANTA OPERA, AVALLATA DAI SEGNI DELLA CROCIFISSIONE, RENDE CHIARO ED INEQUIVOCABILE, PER QUANTI CREDONO, CHE IL TEMPO DEL SUO PROMESSO RITORNO È QUESTO E CHE LA NUOVA ERA DI QUESTA UMANITÀ È INIZIATA CON L’AIUTO INCONDIZIONATO DELLE LEGIONI CELESTI DEL PADRE GLORIOSO, IL CUI DOLCE IMPERO SOVRASTA LA TERRA E IL CIELO.
ALLELUIA! ALLELUIA! COLUI CHE DISSE: “NON VI LASCERÒ ORFANI, RITORNERÒ IN MEZZO A VOI” È RITORNATO E PRONTO A MANIFESTARSI CON POTENZA E GLORIA, SECONDO I VOLERI DI CRISTO E DI TUTTE LE POTENZE CELESTI.
È RITORNATO COME UN LADRO NELLA NOTTE!


“DAL CIELO ALLA TERRA”
 
Nicolosi, 13 aprile 1993
Ore 15:15
elatomohidrogeno200DAL CIELO ALLA TERRA
 

IL SOLE É L’ARTEFICE DELLA DEITÁ

GLI DEI SONO I REALI SERVITORI DELLA COSCIENZA UNIVERSALE COSMICA.
ANCHE GLI UOMINI DEL PIANETA TERRA POTEVANO EREDITARE QUESTO AMBITO PRIVILEGIO DIVINO SE AVESSERO ACCETTATO E MESSO IN PRATICA LA LEGGE REDENTRICE DELLA LUCE ONNICREANTE.
RICORDATE: “VOI SIETE DEI E FARETE COSE PIÚ GRANDI DI ME”.
AVETE RIFIUTATO DI ESSERE DEI E DI FARE COSE CHE AVREBBERO POTUTO TRASFORMARE UN INFERNO IN PARADISO.
SONO STATI GLI DEI VENUTI DA LONTANI LIDI CHE, SALVANDO IL SALVABILE ED INNESTANDO UNA PARTICOLARE GENETICA, HANNO TRASMESSO UN DISCORSO CHIARO ED INEQUIVOCABILE PER LA SALVEZZA  DEL PIANETA E PER SUSCITARE NELLA COSCIENZA IL BISOGNO DI ACCETTARE E PRATICARE LA SANTA GIUSTIZIA E IL SANTO AMORE DEL PADRE GLORIOSO, IL CUI DOLCE IMPERO SOVRASTA LA TERRA E IL CIELO.
IN QUESTO TEMPO UN SUO MESSAGGERO É SULLA TERRA. ESSO SI CHIAMA GIORGIO BONGIOVANNI E PORTA L’INVISIBILE CROCE DI GESÚ CRISTO E I SEGNI SANGUINANTI DEL SUO DOLORE.
CERCATELO PERCHÉ É VERO, VERISSIMO, CHE OFFRE A CHI LE DESIDERA LA REDENZIONE E LA CHIAMATA PER ESSERE ELETTO.

DAL CIELO ALLA TERRA
EUGENIO SIRAGUSA

Nicolosi, 3 gennaio 1993
Ore 14:45
 
Foto: Tracciatore magnetico fotografato il 1º giugno 1967 a San José de Valdeiras (Madrid).

DAL CIELO ALLA TERRA 

E GIORDANO BRUNO?


DOVETE ANCORA SUPERARE L’IGNORANZA DI NON ESSERE SOLI IN 160 BILIONI DI UNIVERSI?
È STATO DETTO: “VOI SIETE DI QUESTO MONDO; IO NON SONO DI QUESTO MONDO!”
NON AVETE ANCORA CAPITO CHE CRISTO NON ERA DI QUESTO MONDO, NON ERA FIGLIO DELL’UOMO MA FIGLIO DELLA LUCE, FIGLIO DI DIO!
VOI, UOMINI DEL PIANETA TERRA, NON SIETE DIVENTATI DEI PER AVER FATTO STAGNARE LA VOSTRA COSCIENZA NELL’OCEANO DELL’IGNORANZA.
ANCORA OGGI, MALGRADO LE CHIARE DIMOSTRAZIONI DEGLI ESSERI DEIFICATI E POTENZIATI DAL SANTO SPIRITO COSMICO, PERSEVERATE AD IGNORARE CHE LA VITA PULLULA IN MILIARDI E MILIARDI DI MONDI.
GIORDANO BRUNO È STATO CONDANNATO AL ROGO PER AVERE ANTICIPATO UNA VERITÀ CHIARA ED INEQUIVOCABILE COME QUELLA ANNUNCIATA DA GALILEO.
PRESTO VI BATTERETE I PUGNI SUL PETTO PER QUEST’ALTRO CRIMINE CONTRO DIO E GLI UOMINI ILLUMINATI DALLA SUA DIVINA VERITÀ.

DAL CIELO ALLA TERRA

Nicolosi, 1° novembre 1992
Ore 9:00

giordano

TERRESTRI!
NON DIMENTICATELO!
È STATO DETTO, SCRITTO E TRAMANDATO!
“IO MI SON PENTITO DI AVER CREATO L’UOMO SULLA TERRA!
“IO LO DISTRUGGERÒ!”
DOPO IL PRESENTE COMUNICATO, NON MI RITENGO PIÙ DISPONIBILE NÉ PER POSTA, NÈ PER TELEFONO, NÉ DI PERSONA.
COME È STATO GIÀ COMUNICATO IN DATA 2 MARZO 1992: IL MIO COMPITO È TERMINATO!
 
UOMINI DI GOVERNO, SCIENZIATI DI TUTTO IL MONDO
 
LA TERRA STA DANDO CHIARI SEGNI DI INTOLLERANZA. POTREBBE RIPETERSI LA MEDESIMA TRAGEDIA CHE CIRCA 100.000 ANNI OR SONO DISTRUSSE IL PIANETA MALLONA, ALLORA ORBITANTE NELLA MEDESIMA ORBITA TERRESTRE.
A CAUSA DELLE SCORIE RADIOATTIVE IL PIANETA MALLONA SI DISINTEGRÒ, ESPLODENDO A CROCE E UCCIDENDO 7 MILIARDI DI PERSONE CHE NON VOLLERO RAVVEDERSI IN TEMPO UTILE. SU MARTE E SU SATURNO FERMENTÒ UN’ESISTENZA SANA E FELICE SFRUTTANDO L’ENERGIA SOLARE ED EOLICA, DOPO AVER PRESO COSCIENZA DELLA NECESSITÀ DI NON VIOLENTARE GLI EQUILIBRI MACROCOSMICI DEI PIANETI. GLI ESSERI, ELETTI DEI DA COLUI CHE CHIAMATE DIO, SI SONO PRODIGATI IN MILLE MODI PER FARVI COMPRENDERE L’IMPELLENTE NECESSITÀ DI METTERE LE COSE AL LORO GIUSTO POSTO IN TEMPO UTILE.
SIETE RIMASTI SORDI, INSENSIBILI AI LORO FRATERNI RICHIAMI, ALLE LORO MANIFESTAZIONI MIRANTI A SENSIBILIZZARE LE COSCIENZE E A RIABILITARE L’INVIOLABILE LEGGE DEL CREATORE DI TUTTE LE COSE VISIBILI ED INVISIBILI. ORA SIETE SULL’ORLO DELLA DEGENERAZIONE FISICA E SPIRITUALE CON GLI EFFETTI A TUTTI BEN NOTI.
I MESSAGGERI CELESTI NON HANNO RISPARMIATO NULLA PER INVITARVI AD UN SERIO E RESPONSABILE DISCERNIMENTO AL FINE DI EVITARE QUANTO VI STA SUCCEDENDO E QUANTO DI PIÙ GRAVE È PREVISTO SE CONTINUERETE AD ERRARE!
IO HO FATTO QUANTO DOVEVO FARE E DETTO QUANTO DOVEVO DIRE. I SEGNI DELLA SOFFERENZA DI GESÙ CRISTO, IN GIORGIO BONGIOVANNI, E LE LACRIME DI SANGUE DELLA CELESTE MADRE MIRIAM SI SONO AGGIUNTI AI DISCORSI CHE IL PADRE MI HA AFFIDATO, ATTRAVERSO IL SUO VERBO FATTO DI LUCE, E VOGLIONO SIGNIFICARE CHE I TEMPI SI SONO ACCORCIATI E CHE L’ANNUNCIATA APOCALISSE SI APPALESA SEMPRE PIÙ CARICA DI PREVISTI SEGNI INNOVATORI E PURIFICATORI. MI CONSOLA UNA SOLA GRAZIA CHE LA LUCE ONNICREANTE MI HA CONCESSO PER AVERLA SERVITA: IL SALVABILE VERRÀ SALVATO!
 
EUGENIO SIRAGUSA

Nicolosi, 18 giugno 1992

logo

L’HARBAR CONTINUA A CRESCERE

HO SCRITTO IL 2 MAGGIO 1992:

TERRESTRI!
VI SIETE MAI DOMANDATI QUANTI SONO I MALATI MENTALI SUL VOSTRO PIANETA A CAUSA DELLA SCIENZA SENZA COSCIENZA?
DOMANDATEVELO!
QUESTA STANZA DEL PADRE CREATORE L’AVETE TRASFORMATA IN UNA INESPRIMIBILE ALCOVA DI ANIME ERRANTI NEL TUNNEL DEL DOLORE E DELLE PIÙ ATROCI SOFFERENZE.
L’HARBAR CONTINUA A CRESCERE E, CON ESSA, LE FOLLIE PIÙ ABERRANTI, PIÙ MOSTRUOSE E SANGUINARIE.
NON AVREMMO DOVUTO RAMMEMORARVI, ANCORA UNA VOLTA, QUANTO VI È STATO PIÙ VOLTE DETTO PER ARRESTARE LA VOSTRA INEVITABILE AUTODISTRUZIONE.
ABBIAMO RITENUTO DI FARLO PER DIMOSTRARVI CHE SIETE STATI, PIÙ CHE AMICI, NEMICI DI DIO, DI COLUI CHE GENERA E RIGENERA OGNI COSA SCATURENTE DALLA SUA LUCE CREANTE.
LA SUA SANTA IRA NON LA POTETE EVITARE, VOI CHE AVETE CROCIFISSO E ANCORA UNA VOLTA VITUPERATO ED OFFESO L’AMORE PIÙ GRANDE DI TUTTI GLI AMORI.
I GRANDI GUAI ADESSO SONO VOSTRI E PER OGNUNO DI VOI LA CROCE.

EUGENIO SIRAGUSA

DAL CIELO ALLA TERRA

LA GIOVENTÙ CONTINUA A PERDERSI


HO SCRITTO L’8 APRILE 1992:

LA GIOVENTÙ CONTINUA A PERDERSI NEGLI OSCURI MEANDRI DI QUESTA SOCIETÀ DEGENERATA, PRIVA DEI PIÙ ELEMENTARI VALORI SOCIALI E MORALI.
LE IMMAGINI ORRIPILANTI DEI FILMS TELEVISIVI MIRANO SEMPRE PIÙ A SCONVOLGERE I VALORI FONDAMENTALI CHE DOVREBBERO, PIÙ DI OGNI COSA, SPINGERE I GIOVANI AD EVITARE TUTTE QUELLE STRUMENTALIZZAZIONI CHE GLI SQUADRONI DELLA MORTE E DELLA SANGUINARIA VIOLENZA OFFRONO, QUOTIDIANAMENTE, CON DIABOLICA ARTE E CON CINICA, MOSTRUOSA DISINVOLTURA.
SINO A QUANDO LA GIOVENTÙ NON SARÀ IN GRADO DI RESPINGERE QUESTI ALLETTAMENTI DIABOLICI, LA SPERANZA DI SOPRAVVIVENZA SARÀ DESTINATA A MORIRE.
ALLORA, L’ALBERO DELLA VITA DOVRÀ ESSERE RECISO PER POI RINNOVARLO.

EUGENIO SIRAGUSA

DAL CIELO ALLA TERRA

HO SCRITTO IL 15 MARZO 1992:

IO AMO QUESTO PIANETA CHE MI OSPITA E CHE NUTRE QUESTA MIA TEMPORANEA FORMA E SOSTANZA. IO L’AMO PERCHÉ CONOSCO LA SUA REALE NATURA E LA SUA VERA IDENTITÀ COSMICA.
IO DIFENDO QUESTO PIANETA E SPESSO MI FACCIO PORTAVOCE DEI SUOI DESIDERATI. DEGLI INDISPENSABILI EQUILIBRI DELLE SUE QUATTRO FORZE RIGENERATRICI: FUOCO, ACQUA, ARIA E TERRA.
DIFENDO QUESTO PIANETA AFFINCHÈ IL SUO EQUILIBRIO RIMANGA INTEGRO ED UTILE ALL’ECONOMIA CREATIVA DI QUESTO SISTEMA SOLARE DI CUI FA PARTE.
CONOSCERE LA SUA REALE NATURA SIGNIFICA POSSEDERE LA VERACE LUNGIMIRANZA DELLO SPIRITO ILLUMINATO DALL’UNIVERSALE AMORE COSMICO.
LA TERRA VIVE: SI. VIVE IN UNA DIMENSIONE MATERIALE TEMPORANEA. COSÌ COME VIVE L’UOMO CHE OSPITA MA CHE, ANCORA OGGI, NON CONOSCE IL SUO VERO AMORE, IL SUO VERACE SERVIZIO DI FECONDARE, TRAMITE LA LUCE CREANTE DEL PADRE SOLE, E DI PARTORIRE MILLE E MILLE FORME, MILLE E MILLE SOSTANZE, PER LA FELICITÀ DELL’ESSERE MACROCOSMICO.
SE GLI UOMINI L’AMASSERO COME IO L’AMO, ALLORA SI, SAREBBE IL PARADISO IN TERRA.

EUGENIO SIRAGUSA
15 MARZO 1992. ORE 9:30

DAL CIELO ALLA TERRA

HO SCRITTO IL 13 MARZO 1992:

HO SENTITO GEMERE LA TERRA DI DOLORE A CAUSA DI QUESTO ENZIMA “UOMO” MALEDETTO DA DIO.

LE FERITE CHE “L’EMPIO UOMO” LE PROCURA CON LE SUE INFERNALI OPERE LA FANNO TANTO SOFFRIRE.
L’AMAZZONIA ED ALTRI LUOGHI UTILI ALLA SUA NORMALE COSMICA EVOLUZIONE VENGONO, METODOLOGICAMENTE, DISTRUTTI DALLA DIABOLICA E MALIGNA ARTE DEGLI UOMINI.
L’APOCALITTICA INVOLUZIONE DELL’UMANA SCIENZA TRAVALICA, OGNI GIORNO DI PIÙ, LE LEGGI DEL CREATORE E DEL CREATO.
GLI EFFETTI SI FANNO GIÀ SENTIRE ED IL PROCESSO IN CORSO AVRÀ CERTISSIMAMENTE L’INEVITABILE CONCLUSIONE: IL RINNOVAMENTO!
SOLO DOPO IL RINNOVAMENTO, COLORO CHE SARANNO MERITEVOLI DI SALVEZZA EREDITERANNO QUANTO È STATO LORO PROMESSO DAL GLORIOSO PADRE DELLA LUCE ONNICREANTE.
ALLORA, QUESTI SALVATI PREDERANNO COSCIENZA DI QUANTO È STATO DETTO, SCRITTO E TRAMANDATO.
“VOI SIETE DEI E FARETE COSE PIÙ GRANDI DI ME”.

                                                                                                                       EUGENIO SIRAGUSA

13 marzo 1992
Ore 17:00

logo

 

L’HARBAR (PESTE DEI NEURONI DEL CERVELLO) PIÙ PERICOLOSO DELL’AIDS

LA VOSTRA SCIENZA DOVREBBE SERIAMENTE E COSCIENZIOSAMENTE INTERESSARSI DEL BUON FUNZIONAMENTO DEI NEURONI DEL CERVELLO. SONO MOLTI COLORO CHE VENGONO AGGREDITI DA VIBRAZIONI CHE METTONO IN SERIA DIFFICOLTÀ IL NORMALE FUNZIONAMENTO DEI NEURONI. OLTRE AL SANGUE, INQUINATO DAI MOLTEPLICI VELENI CON CUI VENGONO MANIPOLATI I CIBI CHE QUOTIDIANAMENTE INGURGITATE, E L’ARIA CHE RESPIRATE CARICA COM’È DI GAS VELENOSI, VI È UN ALTRO KILLER DEI NEURONI DEL VOSTRO CERVELLO NON MENO DANNOSO: LE VIBRAZIONI DELLE MUSICHE PSICHEDELICHE O DEI RITMI TIPO “ROCK”.
FAREBBERO BENE I VOSTRI SCIENZIATI AD INTERESSARSI FACENDO DELLE SCRUPOLOSE INDAGINI AL FINE DI METTERE AL RIPARO LA GIOVANE GENERAZIONE DA UN MALE NON MENO DELETERIO DELL’AIDS.
ESSO È DA NOI DEFINITO “HARBAR”; MOLTI GIOVANI PRESI DA QUESTO MORBO SONO DESTINATI A SUICIDARSI A CAUSA DI QUESTA IGNORATA PESTE.

DAL CIELO ALLA TERRA


Eugenio Siragusa
Nicolosi, 26 novembre 1991
Ore 13:30

logo
“DAL CIELO ALLA TERRA”

“IO RITORNERÒ IN MEZZO A VOI, NON VI LASCERÒ ORFANI”.
QUESTO HA DETTO GESÙ PRIMA DI ANDAR VIA!
I SEGNI DEI TEMPI INVITANO A CREDERE CHE LA PROMESSA STA PER COMPIERSI E UNO DEI SUOI AMBASCIATORI CON LE SUE GARANZIE, LE STIGMATE, LO CONFERMA.
LA SANTISSIMA MADRE DI GESÙ CRISTO, MIRIAM, DURANTE LE RECENTI APPARIZIONI IN CILE HA DETTO CHE IL SUO DILETTO FIGLIOLO È GIÀ IN INCOGNITO SULLA TERRA ED HA INIZIATO IL GIUDIZIO IN ATTESA DI MANIFESTARSI A TUTTI GLI ESSERI DELLA TERRA.


DAL CIELO ALLA TERRA


Eugenio Siragusa
Nicolosi, 20 Giugno 1991
logo

PAPÀ EUGENIO A GIORGIO:

GLI IMMORTALI

IL GRANDE MIRACOLO È ANCHE QUESTO: "CHE TU CONTINUI A SANGUINARE, A VIVERE, A PARLARE E A VIAGGIARE PER IL MONDO."
QUESTO PRODIGIO AVVIENE IN COLORO CHE HANNO RICEVUTO LA LUCE CHE SANTIFICA E CHE RENDE IMMORTALI.
IL GRANDE MIRACOLO È CHE QUESTI GENI, PUR PERSEGUITATI, FERITI A MORTE E CROCEFISSI, NON SONO MAI MORTI PERCHÉ CHI L'HA VINTA NON PUÒ MORIRE NEMMENO SE LO DESIDERA.
GLI IMMORTALI SONO VENUTI PIÙ VOLTE SULLA TERRA PER TENTARE DI REDIMERE L'UMANITÀ E LIBERARLA DAL GIOGO PESANTE DELL'IGNORANZA E DELLA MORTE.
LA RESURREZIONE DI LAZZARO, E ANCORA DI PIÙ, QUELLA DEL SALVATORE, HANNO VOLUTO ESSERE L'AMMAESTRAMENTO DAL QUALE DOVEVA NASCERE LA CONSAPEVOLEZZA DELLA VERITÀ CHE FA LIBERI, MA LIBERI DAVVERO.
I MUTANTI POSSONO RIGENERARSI UN CORPO E FARE COSE IMPOSSIBILI AGLI UOMINI. SONO SPIRITI CHE HANNO GIÀ VARCATO LA SOGLIA DELL'ANGELICITÀ PERCHÉ SPIRITI DI LUCE E FAUTORI DEI PRODIGI CHE L'INTELLIGENZA ONNICREANTE DESTINA A CHI È SANTIFICATO DALLA LUCE DELLA DIVINA COSCIENZA.
TU, FIGLIUOLO MIO, SEI UNO DI QUESTI PERCHÉ HAI DA TEMPO VINTO LA MORTE E "RAPITO IN CIELO" IN CORPO E SPIRITO.
IL SANTO PRODIGIO CHE OGGI SI COMPIE NELLE PIAGHE DELLE TUE MANI È IL SEGNO CHE AVALLA E TESTIMONIA DI TE DI TUTTI I POTENZIALI ATTRIBUTI CHE SCATURISCONO DAL COSCIENTE ED ILLUMINATO SERVIZIO ALLA CAUSA DEL SANTO SPIRITO.
CIÒ CHE È NASCOSTO ALL'UMANA NATURA NON È CELATO A CHI SI È FATTO INTERPRETE DEI DESIDERATI DEL PADRE GLORIOSO IL CUI DOLCE IMPERO SOVRASTA IL CIELO E LA TERRA.
MIRACOLI E PRODIGI PER RIAFFERMARE CHE "VOI SIETE DII E POTRETE FARE COSE PIÙ GRANDI DI ME!"

EUGENIO SIRAGUSA
Nicolosi, 06 Maggio 1991

logo

 
Sulla stampa del 29 Marzo 1991 è apparso: “UFO INSEGUE UN AEREO CINESE”.

Pechino. Il pilota di un aereo commerciale cinese, con 40 passeggeri a bordo ha raccontato di essere stato seguito e minacciato da un “oggetto volante non identificato” nel cielo di Shangai, nel sud del paese. L’UFO si muoveva a 3000 metri di quota emettendo luce rossa alle estremità. A un certo punto ha espulso due oggetti piccoli, uno circolare e l’altro rettangolare. Il primo ha virato a destra, l’altro a sinistra per dirigersi poi in picchiata verso l’aereo. Il pilota ha avvertito la torre che avrebbe tentato un atterraggio d’emergenza, ma i due oggetti si sono fusi nuovamente in uno che ha raggiunto una maggiore altitudine scomparendo. (ANSA).


DAL CIELO ALLA TERRA


TERRESTRI, NON CREDETECI INVOLUTI E CATTIVI COSÌ COME VOI SIETE. LA NOSTRA, PER VOI IMPENSABILE, SCIENZA NON È NEGATIVA O BELLICA COME LA VOSTRA. LE NOSTRE MANIFESTAZIONI MIRANO A FARVI BEN COMPRENDERE CHE SIAMO GLI STESSI PERSONAGGI CHE I VOSTRI AVI DEIFICARONO CON DIVERSE DETERMINAZIONI. SIAMO GLI ANGELI DI UN TEMPO PASSATO, OGGI UFO, ALIENI, EXTRATERRESTRI.
PAURA DI NOI? PERCHÉ!
LA NOSTRA SCIENZA RENDE GIOIOSA E SICURA LA VITA. NEI NOSTRI MONDI LA MORTE È STATA VINTA TANTO, TANTISSIMO TEMPO FA. È NEI NOSTRI POTERI FARE PRODIGI CHE INDUCONO GLI INFELICI, FELICI; I MALATI, SANI; I MORTI, VIVI.
NON VI DICE NULLA LA RESURREZIONE DALLA MORTE DI GESÙ CRISTO?
VI RICORDATE?: “QUESTO GESÙ CHE VI È STATO TOLTO, COSÌ COME LO AVETE VISTO ANDARE VIA RITORNERÀ SULLE NUVOLE”. QUALI NUVOLE? LE NUVOLE ALTRO NON SONO CHE I NOSTRI PRODIGIOSI MEZZI DI CUI CI SERVIAMO PER PERCORRERE GLI SPAZI DEGLI UNIVERSI.
QUINDI NON TEMETE, TERRESTRI, PERCHÈ È VERO, CERTO È VERISSIMO CHE IL VOSTRO GESÙ È GIÀ IN PROCINTO DI MANIFESTARSI CON POTENZA E GLORIA; EGLI È ACCOMPAGNATO DA UNA NUMEROSA MILIZIA CELESTE AFFINCHÈ SIA PALESE A TUTTI GLI UOMINI DELLA TERRA LA SUA ATTESA GLORIA NEL MONDO E LA SALVEZZA DEI BEATI EREDI DEL PROMESSO REGNO DEL PADRE GLORIOSO.
LE NOSTRE PRODIGIOSE MANIFESTAZIONI SERVONO, PRINCIPALMENTE, A SENSIBILIZZARE TUTTI COLORO CHE CREDONO NELLA DIVINA GIUSTIZIA E TRAMITE ESSA ALLA FRATERNA COMUNIONE DI TUTTE LE ANIME DESIDEROSE DI VIVERE IN PACE E IN SANITÀ DI CORPO E DI SPIRITO.
PRESTO, NON APPENA L’ALTISSIMO GENIO COSMICO CI CONCEDERÀ IL CONSENSO, CI MANIFESTEREMO COME UNA MIRIADE DI STELLE NEI VOSTRI CIELI PER ANNUNCIARVI CHE IL MALE È STATO VINTO E CHE “NUOVI CIELI E NUOVA TERRA” SI APPALESERANNO PER LA GIOIA E LA ETERNA FELICITÀ DI QUANTI SONO ENTRATI NELLE “ARCHE”, IN COMUNIONE CON IL SANGUE DI UN GIUSTO INVIATO DA GESÙ E DALLA SUA SANTISSIMA MADRE MIRIAM.

DAL CIELO ALLA TERRA
 
Eugenio Siragusa
Nicolosi, 7 aprile 1991

logo

HO SCRITTO IL 31 MARZO 1991:


DAL CIELO ALLA TERRA
 
GESÙ RITORNA
 
RITORNA PER NON LASCIARE ORFANI I GIUSTI, I PACIFICI, I MANSUETI, I POVERI DI SPIRITO E TUTTI COLORO CHE HANNO MESSO IN PRATICA LA LEGGE DEL PADRE GLORIOSO.
RITORNA, SÌ, RITORNA, PER ESSERE PRESENTE AL GIUDIZIO UNIVERSALE CHE SI APPROSSIMA.
RITORNA AFFINCHÈ I CHIAMATI VENGANO ELETTI.


DAL CIELO ALLA TERRA

Eugenio Siragusa
 
Nicolosi, 31 Marzo 1991
Ore 10:00

 

DAL CIELO ALLA TERRA

HO SCRITTO IL GIORNO 7 MARZO 1991 ALLE ORE 8.45:

DITECI, TERRESTRI, È QUESTA LA VOSTRA CIVILTÀ? SE È QUESTA DURERÀ ANCORA PER POCO TEMPO.
LA VOSTRA MALVAGITÀ, LA VOSTRA MOSTRUOSA E SANGUINARIA VIOLENZA HA RAGGIUNTO I LIMITI DELLA TOLLERANZA, SUSCITANDO L’IRA DI CHI PRESIEDE IL CONTINUO DIVENIRE DI TUTTE LE COSE CREATE.
LE VOSTRE FOLLIE DEGENERATIVE VI HANNO POSTO DINNANZI AD UN SEVERO GIUDIZIO.
I GUAI, CARI TERRESTRI, NON TARDERANNO; GIÀ SONO INIZIATE LE PRIME AVVISAGLIE, I PRIMI GIORNI DELL’APOCALISSE.
TUTTO VA IN PERDIZIONE SINO A RENDERE INDESIDERABILE LA VITA.
MOLTI, MOLTISSIMI GIOVANI RICORRONO AL SUICIDIO CON L’INDIFFERENZA DI QUESTA VOSTRA SOCIETÀ CORROTTA E PRIVA DI GIUSTIZIA E DI AMORE.
A QUESTO PUNTO, CARI TERRESTRI, LA SPERANZA NON PUÒ NON MORIRE.
ABBIAMO FATTO IL POSSIBILE PER PORVI IN SERIO RAVVEDIMENTO; AVETE PREFERITO IGNORARE, RIFIUTARE LASCIANDO CADERE NEL VUOTO OGNI POSSIBILITÀ DI SALVEZZA.
ORA, ALTRO NON VI RESTA CHE PREPARARVI AL PEGGIO.
ESISTE SOLO UN BARLUME DI SPERANZA CHE NON HA MOLTO TEMPO A DISPOSIZIONE.
NOI VI AUGURIAMO CHE IN QUESTO BREVE TEMPO POSSIATE SERIAMENTE RAVVEDERVI.

DAL CIELO ALLA TERRA
EUGENIO SIRAGUSA

Nicolosi, 7 Marzo 1991
Ore 4:45

DAL CIELO ALLA TERRA

IL PIANETA CHE NON AMATE PERCEPISCE IL VOSTRO DISINTERESSE VERSO GLI EQUILIBRI COSMICI CHE LO GOVERNANO PER ESSERE COMPLETAMENTE VIVO.
COSÌ FACENDO SOLLECITATE IL SUO DISINTERESSE VERSO DI VOI, VERSO IL VOSTRO ESISTERE, COSÌ COME DIMOSTRATE DI VOLER ESSERE DISTRUTTORI DEI SUOI BENI.


DAL CIELO ALLA TERRA
EUGENIO SIRAGUSA

Nicolosi, 14 Febbraio 1991
Ore 10:20

logo

GUERRE, PESTILENZE, FAME, DISTRUZIONE E MORTE.
ECCO, I GIORNI DELL’APOCALISSE SONO ARRIVATI A CAU
SA DELLE FOLLIE DEGENERATIVE UMANE. SI AVVERA QUANTO È STATO DETTO A FATIMA:
“I VIVI INVIDIERANNO I MORTI PER QUANTO I LORO OCCHI SARANNO COSTRETTI A VEDERE E LE LORO ORECCHIE AD UDIRE”.
AVERE TENUTO SEGRETO QUESTO MONITO DELLA VERGINE MIRIAM, MADRE DI GESÙ CRISTO, È STATO UN GRAVE ATTO DI DISUBBIDIENZA CHE COSTERÀ MOLTO CARO ALL’INTERA UMANITÀ.
LA MANCANZA DEL TIMORE DI DIO E DELLE SUE DIVINE LEGGI HA CONCESSO AL MALE LA LIBERTÀ DI PORRE IN PERDIZIONE OGNI COSA, CAUSANDO L’IRA SANTA DELL’ONNIPOTENTE SIGNORE DEL CIELO E DELLA TERRA.
ECCO TERRESTRI IL MOTIVO DEI NOSTRI REITERATI AVVERTIMENTI “A METTERE LE COSE AL LORO GIUSTO POSTO IN TEMPO UTILE”.
ECCO TERRESTRI I SEGNI TANGIBILI, INEQUIVOCABILI, DELLE POTENZE CELESTI CHE SI MANIFESTANO PER FARVI COMPRENDERE CHE LA PAZIENZA E LA MISERICORDIA DEL SIGNORE SI SONO ILLUMINATE DELLA SUA INFALLIBILE GIUSTIZIA.

DAL CIELO ALLA TERRA
EUGENIO SIRAGUSA

Nicolosi, 14 Febbraio 1991
Ore 10:00

DAL CIELO ALLA TERRA


RICORDO E SCRIVO IL 6 FEBBRAIO 1991 ALLE ORE 10:00:

GUERRE, PESTILENZE E FAME, SIETE APPENA ALL’INIZIO DEL RACCOLTO DELLE VOSTRE FOLLIE.
IL PEGGIO VERRÀ SE CONTINUERETE AD IGNORARE LA GIUSTIZIA DELL’ALTISSIMO CREATORE DEL CIELO E DELLA TERRA. I PALESI SEGNI DI QUESTI TEMPI VI DIMOSTRANO CHIARISSIMAMENTE CHE UN ALTRO GIOVANNI HA GRIDATO NEL DESERTO.
SPERATE UOMINI DELLA TERRA CHE PREVALGA SAGGEZZA, SAPIENZA E COSCIENZA PRIMA CHE SI SCATENI L’IRA SANTA.
SPERATE UOMINI DELLA TERRA PERCHÉ I PRIMI SEGNI APOCALITTICI SI STANNO TRAGICAMENTE RIVELANDO.
IN BREVISSIMO TEMPO L’INTERA UMANITÀ POTREBBE SCOMPARIRE DALLA FACCIA DI QUESTO STANCO E BISTRATTO PIANETA.
ATTENTI, ATTENTI TERRESTRI, PERCHÉ È VERO CERTO E VERISSIMO CHE NESSUNO DI VOI AVRÀ IL TEMPO DI FARSI LA CROCE IN QUEL MOMENTO CHE IL PIANETA SARÀ COSTRETTO A VACILLARE.
ATTENTI, ATTENTI

DAL CIELO ALLA TERRA

EUGENIO SIRAGUSA

DAL CIELO ALLA TERRA


LA CHIESA E GLI ILLUMINATI


LA VERITÀ È CHE PER LA CHIESA, TUTTI GLI ILLUMINATI DALLA SUPERIORE INTELLIGENZA, DOVREBBERO ESSERE GIUDICATI COSÌ COME SONO STATI A SUO TEMPO GIUDICATI GALILEO GALILEI, CRISTOFORO COLOMBO, GIORDANO BRUNO E TANTI ALTRI CHE ANTICIPARONO, ED ANTICIPANO ANCORA OGGI, PRIMA DELLA CHIESA SCIENTIFICA, UNA VERITÀ, UNA REALTÀ CHE RIGUARDA QUESTA TRIDIMENSIONALITÀ.
LA CHIESA NON È IN GRADO DI SPIEGARCI CHI SONO I CHERUBINI, I SERAFINI E I TRONI. NON SA DIRCI A QUALE DIMENSIONE APPARTENGONO.
GESÙ-CRISTO DISSE: “IO NON SONO DI QUESTO MONDO”.
DA QUALE MONDO VENIVA?

DAL CIELO ALLA TERRA

Nicolosi, 7 dicembre 1990

DAL CIELO ALLA TERRA

LA GIOVENTÙ NELL’OCCHIO DEL CICLONE

DICEMBRE DELL'ANNO 1990.

LA GIOVENTÙ NELL'OCCHIO DEL CICLONE DEGENERATIVO. DI CHI LA COLPA?
VI AVEVAMO AVVERTITI CHE LA DEGENERAZIONE DELLA VOSTRA CRUDELE PERVERSA SOCIETÀ, AVREBBE TRASCINATO E COINVOLTO LA LINFA DELLA VOSTRA SPECIE NELL'OSCURO E PERNICIOSO DELIRIO DEL MALE.
ORA BATTETEVI I PUGNI SUL PETTO.
I BAMBINI, I PARGOLETTI CARI AL COSMICO AMORE CREANTE, COINVOLTI NELL'ARTE DELLA PORNOGRAFIA, ISTRUITI COME DIVENIRE ASSASSINI, LADRI, BANDITI, SUICIDI E TANTE ALTRE ATTIVITÀ DEMONIACHE.
LA GIOVENTÙ IN PERDIZIONE, CON IL TOTALE DISINTERESSE DI QUANTI DICONO DI AMARLA. MA PER FORTUNA, DI QUESTA CREATURA COSMICA CHE CHIAMATE TERRA, ABBIAMO RISVEGLIATO I PORTANTI DELLA GENETICA G.N.A., AFFINCHÈ NON VENGA MENO QUEL SALE E QUEL LIEVITO NECESSARIO A FAR NASCERE LA RICHIESTA SAPIENZA UTILE PER QUANTI EREDITERANNO IL PARADISO PROMESSO.

DAL CIELO ALLA TERRA

Nicolosi – 6 dicembre 1990
EUGENIO SIRAGUSA

logo

SULLE STIMMATE DI GIORGIO BONGIOVANNI IL CIELO, ATTRAVERSO IL SUO STRUMENTO PIÙ GRANDE, CI TRASMETTE:

DAL CIELO ALLA TERRA


VI CHIEDERETE PERCHÉ FACCIAMO QUESTI PRODIGI.
NOI VI DICIAMO: PERCHÉ RICORDIATE CHE ESISTE UNA DIMENSIONE SUPERIORE A QUELLA VOSTRA; PERCHÉ RIEMERGA NELLA VOSTRA COSCIENZA L’OPERA VIVIFICATRICE DELLA LUCE CRISTICA E RINASCA IL TIMORE DI DIO AFFINCHÉ POSSIATE EVITARE IL SEVERO GIUDIZIO E LA SECONDA MORTE. QUESTO È IL PRINCIPALE MOTIVO DELLA NOSTRA MISSIONE SUL VOSTRO PIANETA IN QUESTO PARTICOLARE E GRAVOSO TEMPO.
PREPARATEVI A SEGNI ANCORA PIÙ IMPONENTI E TRAUMATIZZANTI, E QUESTO AFFINCHÉ SIA PIÙ RAPIDO E VIVACE IL VOSTRO RISVEGLIO ALLA VERITÀ DEL TEMPO DI TUTTI I TEMPI.
DOVETE PRINCIPALMENTE PREPARARVI AD ACCOGLIERE COLUI CHE È PROSSIMO A VENIRE SULLE NUVOLE, CON GRAN POTENZA E GLORIA. QUEL GIORNO È GIÀ PROSSIMO, PIÙ PROSSIMO DI QUANTO POSSIATE CREDERE, E NON SARÀ TEMPO FAVOREVOLE PER I FAUTORI DI MORTE E DI DISTRUZIONE PERCHÉ, IN VERITÀ VI DICO, VERRANNO POSTI SOTTO SEVERO GIUDIZIO.

DAL CIELO ALLA TERRA

Eugenio Siragusa
 

Dalla diretta telefonica avuta con Radio Atlantide in S. Ginesio il 27 Novembre 1990 alle ore 18:28

 

logo

“DAL CIELO ALLA TERRA”

CARI TERRESTRI, RIMANE POCO DA SALVARE.
AVETE RESO CATASTROFICO IL PROCESSO VITALE SUL VOSTRO PIANETA.
AVETE CAPOVOLTO E RESO STERILE L’ENERGIA COSMODINAMICA CHE VITALIZZA POSITIVAMENTE OGNI COSA CREATA DALL’AMORE FECONDATIVO DEL GLORIOSO PADRE SOLE.
LA TERRA, QUESTA GENEROSA MADRE CHE DA ALLA LUCE MILLE E MILLE FORME DI VITA, CHE PROVVEDE A CONCEPIRE QUANTO NECESSITA PER VIVERE CON MENTE SANA IN CORPORE SANO, È GRAVEMENTE AMMALATA PER COLPA VOSTRA, PER GLI ATTI INCOSCIENTI CHE PRATICATE NEI RIGUARDI DELLA SUA ARMONIA COSMOFISICA.
VI AVEVAMO AVVERTITI DI NON PERSEVERARE IN QUESTO PROCESSO INVOLUTIVO, DISTRUTTIVO E DISARMONIZZANTE, MA ANCORA UNA VOLTA SIETE RIMASTI SORDI ED INSENSIBILI, INCAPACI A COMPRENDERE CHE NON SIETE SOLI, NON LO SIETE MAI STATI, E CHE ALL’AMORE AVETE ANTEPOSTO ODIO, VIOLENZA E MORTE.
RICORDATE GESÙ-CRISTO, UNO DEI TANTI FIGLI DELLA DIVINA LUCE PERSEGUITATO, DERISO, OFFESO ED UCCISO?
ORA CHE È VENUTO IL TEMPO CHE IL PADRE SI ERA RISERVATO, ORA CHE ALL’AMORE SI È ANTEPOSTA LA GIUSTIZIA, IL PROCESSO AUTODISTRUTTIVO PER QUESTA GENERAZIONE DIVIENE SEMPRE PIÙ INEVITABILE.
RICORDATE LA STORIA DI SODOMA E DI GOMORRA?
NOI SPERIAMO ANCORA SU QUELLA GIOVENTÙ CHE DESIDERA RIMANERE PRIVA DI CORRUTTIBILITÀ, SPERIAMO ANCORA SULL’OPERA SALVATRICE ED EDIFICATRICE DEI FIGLI DEL SOLE PRESENTI IN SANGUE E CARNE IN MEZZO A VOI PER GUIDARVI VERSO LE SUPREME METE DELL’IMMORTALITÀ.
GIORGIO BONGIOVANNI È UNO DI QUESTI, UN PORTAVOCE DI GESÙ-CRISTO E DELLA CELESTE MADRE MIRIAM. DALLE SUE MANI ESCE IL SANGUE CHE PARLA, CHE DICE: “ECCOMI! STO PER RITORNARE IN MEZZO A VOI AFFINCHÉ IL SALVABILE VENGA SALVATO E, CON IL SANGUE DI QUESTO GIUSTO, PURIFICATO.”
 

DAL CIELO ALLA TERRA
 
Nicolosi – 23 settembre 1990. Ore 10:30
Eugenio Siragusa
 

DAL CIELO ALLA TERRA

ATTENTI ALLA VOSTRA GIOVENTÙ!


VI AVEVAMO COMUNICATO: ATTENTI ALLA VOSTRA GIOVENTÙ!
AVETE FATTO ORECCHI DA MERCANTE, COME SI USA DIRE SULLA TERRA. ORA CHE LA VOSTRA GIOVENTÙ COMINCIA A RINUNCIARE ALLA VITA, VI PREOCCUPATE, VI COSTERNATE.
ORA CHE AVETE SPENTO LA SPERANZA DELLA LORO GIOIA DI VIVERE LA VITA, ALTRO NON VI RIMANE CHE PIANGERE SULLE INDIFFERENZE, SUL DISINTERESSE E SULLA TOTALE MANCANZA DI ATTENZIONI VERSO LA GIOVENTÙ CHE, ORMAI, AMA LA MORTE PIÙ DELLA VITA.
ORA ANCHE QUESTA CROCE È VOSTRA!

DAL CIELO ALLA TERRA

EUGENIO SIRAGUSA
Nicolosi, 12 Settembre 1990

logo

 
 
IO, EUGENIO SIRAGUSA VI DICO CHI È GIORGIO BONGIOVANNI.
 
È UN SERVITORE DEL PADRE GLORIOSO, DELLA MADRE CELESTE, DI GESÙ CRISTO E DI TUTTE LE POTENZE CELESTI. È UN SOLERTE MESSAGGERO DELLA VERITÀ CHE FÀ LIBERI GLI UOMINI, LIBERI DAVVERO. È IL VERBO CHE SI FÀ PAROLA, SENZA RISERVE E SENZA SEGRETI. LA SUA CRISTALLINA OPERA IN QUESTO BUIO TEMPO CHE ATTRAVERSA QUESTA GENERAZIONE E' AVVALLATA DALLE STIMMATE DI CRISTO E DALLA SAGGIA E SAPIENTE EMOTIVITÀ DEL SUO SPIRITO, AMANTE DELLA VERITÀ DEL TEMPO DI TUTTI I TEMPI. QUESTO È GIORGIO BONGIOVANNI, QUESTO È L’“HOMO", CHE PORTA CON LA SUA SOFFERENZA IL “VESSILLO DELLA NUOVA GALILEA DEI GENTILI” DI TUTTI COLORO CHE DOVRANNO EREDITARE IL NUOVO CIELO E LA NUOVA TERRA.
È VERO ALTRESÌ, CHE I SUOI MAESTRI NON SONO DEL MONDO. QUESTO PERCHÉ  SI SAPPIA.
 
 
EUGENIO SIRAGUSA 

Nicolosi, 12/01/1990.

DAL CIELO ALLA TERRA

HO SCRITTO IL GIORNO 11/1/1990 ORE 10:00:

IL SOLE È MIO PADRE, LA TERRA È MIA MADRE.
SENZA DI LORO NON AVREI POTUTO ESSERE, SENZA DI LORO NON AVREI POTUTO GODERE LA BELLEZZA INFINITA E ARMONIOSA DI QUANTO HANNO CREATO E CREANO.
IL PADRE GLORIOSO È IL DISPENSATORE DELLA LUCE CHE VIVIFICA, FORTIFICA E RENDE LA MADRE TERRA FECONDA ED AUREOLATA DI TANTA COSMICA BELLEZZA.
POICHÈ È VERO, CERTO È VERISSIMO CHE LI AMO SOPRA OGNI COSA, CHE NON SIA SCATURITA DALLA LORO SAGGEZZA E DALLA LORO SAPIENZA ONNICREANTE, MI PREMURO AD AVVERTIRE L’UMANITÀ, CHE ANCORA IGNORA LA VERITÀ, DI NON PERSEVERARE NEGLI ERRORI, EVITANDO DI OFFENDERE E FERIRE CON FEROCE VIOLENZA DISARMONIZZANTE IL SUO MATERNO, INFINITO, GENEROSO E SANTO AMORE, E DI RISPETTARE I SUOI EQUILIBRI. SE QUESTA UMANITÀ DESIDERA ESISTERE ANCORA.

EUGENIO SIRAGUSA



DAL CIELO ALLA TERRA

HO SCRITTO IL GIORNO 4/1/1990:

IL PIANETA TERRA IN DIFFICOLTÀ PER COLPA DELL’UOMO, MA PREPARATEVI PERCHÈ È VERO, CERTO È VERISSIMO CHE QUESTO MACRO-ESSERE PRESTO, MOLTO PRESTO, METTERÀ IN PRATICA LE SUE COSMICHE DIFESE PER FERMARE DRASTICAMENTE LE FOLLI E CINICHE OPERE DISTRUTTIVE. INIMMAGINABILI SARANNO LE CONSEGUENZE CHE SCATURIRANNO DALLE AZIONI DIFENSIVE DI QUESTA COSMICA CREATURA BRUTALMENTE OFFESA, FERITA, SFRUTTATA E SCONVOLTA NEI SUOI EQUILIBRI COSMICI CREATIVI.
PREPARATEVI, UOMINI, PERCHÈ OGNI COSA CHE VI CIRCONDA MUTERÀ FORMA E SOSTANZA, ANCHE VOI UOMINI MUTERETE PER NON AVER SAPUTO AMARE CHI VI HA SEMPRE AMATO SIN DALL’INIZIO DEL VOSTRO CONCEPIMENTO NEL TEMPO E NELLO SPAZIO PER ESSERE, SERVIRE E PER ESSERE SERVITI.
PREPARATEVI, UOMINI, LA GIUSTIZIA STA PER ARRIVARE.

EUGENIO SIRAGUSA

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea 

Siti amici

220X130_mystery





Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

LIBRI

banner libri marsili

lavocedelsole200 1

 

 


 

 

 

tapa libroGB Giovetti1

cop dererum1

ilritorno1

books11copertina italiano140